Crea sito

Confettura di mele cotogne ricetta della nonna

Confettura di mele cotogne ricetta della nonna.
Arriva l’autunno e arrivano anche i suoi frutti e tra questi, le mele cotogne, con i loro profumo intenso e la loro versatilità, hanno un posto d’onore!
Praticamente immangiabili da crude, da cotte si prestano a mille preparazioni, spaziando dal dolce al salato e trasformate in confettura, possono anche accompagnare i formaggi in modo meraviglioso.
Oggi faremo insieme la confettura di cotogne e cannella, delicata e profumata, utile per farcire torte, crostate e biscotti e accompagnare le nostre colazioni o le nostre merende.
Site pronti a seguirmi in cucina? Andiamo allora!

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1.100 gMele Cotogne (Grandi)
  • 400 gZucchero
  • 1Limone (scorza e succo)
  • 1 cucchiainoCannella in polvere
  • 4Chiodi di garofano (facoltativo)

Confettura di mele cotogne ricetta della nonna: preparazione…

  1. Lavate per bene le mele cotogne ed eliminate la peluria.  Tagliatele in 4 ed eliminate semi e torsoli, la buccia non va toccata, contiene la pectina, necessaria per una buona confettura. Tagliate a tocchetti le mele, inseritele in una pentola e coprite d’acqua per metà, aggiungete il succo di mezzo limone. Lasciate cuocere fino a che l’acqua non sia evaporata e le mele non si siano disfatte.

  2. Passate le mele cotogne cotte al setaccio con fori piccoli per due volte, ricavate la purea e pesatela.

  3. Aggiungete poco meno dell’equivalente di metà del peso di zucchero, io ne ho messi 400g per 1 kg circa di purea, unite la cannella in polvere i chiodi di garofano interi o macinati, la scorza grattugiata di un un limone e metà succo.

    Lasciate cuocere a fuoco bassissimo per circa 1 ora, verso la fine dovrete mescolare spesso per evitare che si attacchi. Finita la cottura, con un frullatore ad immersione ripassate tutto, cercando di macinare i chiodi di garofano (oppure eliminateli) e i pezzi più granulosi di cotogna.

    La confettura è pronta, se dovrete consumarla nell’arco di una settimana versatela in un barattolo pulito,  lasciatela freddare e riponetela in frigo.

    Se invece voleste preparare delle conserve, dopo aver lavato per bene i barattoli, sterilizzateli in acqua bollente e lasciateli asciugare.

    Riempiteli con la confettura ancora calda lasciando gli ultimi 1,5 cm liberi, chiudeteli per bene.

    Prendete quindi una pentola capiente dove i barattoli possano essere completamente immersi, riempite d’acqua e lasciate un canovaccio sul fondo (eviterà che i barattoli sbattano tra loro), immergete i barattoli e portate tutto a bollore per 20 minuti, spegnete il fuoco, lasciateli in acqua per un paio d’ore in modo che raffreddino delicatamente.

    Uscite i barattoli, capovolgeteli e teneteli così per qualche ora, servirà anche questo passaggio a garantire il sottovuoto.

    Trascorso il tempo, nei barattoli dovrebbero essersi formato il sottovuoto, lo noterete toccando il tappo, nel quale si sarà formato un piccolo incavo.

    La confettura se il procedimento è andato a buon fine si conserverà per un anno, se invece il sottovuoto non si sarà formato, ripetete il procedimento magari cambiando tappo o barattolo.

  4. Se ti è piaciuta la ricetta guarda pure:

    Cotognata ricetta tradizionale;

    Marmellata di arance con la buccia.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ilcaldosaporedelsud

Salve, mi chiamo Fernanda, sono siciliana di Catania e sono nata nel 1980. Ho uno splendida brigata composta da mio marito e tre meravigliosi figli. Quando mi annoio o sono triste non perdo tempo, faccio le svolte alle maniche e poi di corsa in cucina a preparare qualcosa di buono e sfizioso. Nel mio blog troverete un ampia varietà di ricette, dalle più semplici alle più elaborate, dalle più golose a quelle più giornaliere per approntare un pasto in maniera semplice, pratica e gustosa, ma troverete anche ricette light per quando occorre rimettersi in forma... Insomma, un diario di cucina adatto ad ogni esigenza, che aspettate allora? Andiamo in cucina e prepariamo insieme qualcosa di buono!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.