Crea sito

FARINATA

Farinata di ceci genovese, un secondo piatto ma anche un antipasto facilissimo e potete personalizzarla come volete ma non la ricetta base mi raccomando. Ma sapete che qui a Genova sono talmente dei cultori della farinata che quando ti vendono il tegame di rame stagnato (che è perfetto per fare la farinata) ti danno anche un foglio con le dosi apposta per quella misura di teglia? Infatti è un po’ così che è nata questa ricetta aiutata anche da un ragazzo che conosco di Recco che lavora in uno dei più famosi panifici e che mi ha svelato un po’ di trucchetti indispensabili, vedrete che fare la farinata in casa non sarà un’impresa impossibile, anzi, sarà molto semplice ma ricordatevi di far riposare la farinata prima di cuocerla, è indispensabile!
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

FARINATA
  • Preparazione: riposo + 10 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: una teglia da 30 cm
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 600 ml Acqua
  • 200 g Farina di ceci
  • 2 pizzichi Sale
  • 8 cucchiai Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Mettete in una grande ciotola la farina di ceci e iniziate ad aggiungere acqua a poco a poco girando e mescolando con un cucchiaio o con una frusta a mano in modo che non si formino grumi.

    Quando avrete aggiunto tutta l’acqua prevista dalla ricetta coprite la pastella per la farinata con un canovaccio pulito e lasciatela riposare per un minimo di 5 ore ad un massimo di 8/9 ore.

    Trascorso il tempo di riposo aggiungete il sale e mescolate per far riprendere bene la pastella.

  2. Mettete l’olio extravergine di oliva in una teglia da 30 cm (la farinata deve venire sottile) e, versate la pastella poi con un cucchiaio di legno mescolate leggermente in modo che si formino tante goccioline di olio sulla superficie della pastella per la farinata.

    Preriscaldate il forno al massimo della temperatura possibile, statico e mettete anche il grill.

    Quando il forno sarà caldissimo mettete a cuocere la farinata e lasciatela cuocere per circa 15 minuti fino a che si formerà una crosticina dorata sopra.

    Sfornate la farinata genovese e fatela riposare qualche minuto prima di tagliarla.

  3. VARIANTI E CONSIGLI

    Se volete potete aggiungere a fine cottura stracchino o alla pastella per la farinata potete aggiungere anche carciofi a fettine sottili, bianchetti o qualsiasi altra cosa vi piaccia.

    Il forno deve essere alla massima temperatura, il mio arriva a 270° se il vostro arriva a una temperatura minore probabilmente la farinata cuocerà più tempo.

    Se userete una teglia di dimensioni diverse da 30 cm dovrete fare la dose di pastella diminuita o aumentata in proporzione.

    E’ perfetta anche per i vegani.

    GUARDATE LA VIDEORICETTA

Conservazione

La farinata genovese si conserva in frigo per due giorni. Potete scaldarla in forno.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.