Panna cotta al salmone affumicato

cymera_20190127_150407Panna cotta al salmone affumicato, fresca e gustosa, ricetta salata, veloce da preparare, ottima servita con pane nero, si può cucinare in anticipo e surgelare. Da servire anche monodose,  con questa ricetta per panna cotta al salmone affumicato si preparano circa 12 bicchierini cymera_20190127_150407

ml 350 panna fresca
g 120 salmone affumicato
3 1/2 fogli di colla di pesce
ml 30 vino bianco secco
sale qb
– scaldare la panna, spegnere al primo bollore, aggiungere la colla di pesce precedentemente ammollata 10′ in acqua fredda e strizzata, mescolare con cura per farla sciogliere
– frullare col salmone e 30 ml di vino bianco secco, salare all’occorrenza
– versare nei bicchierini e far raffreddare e rassodare in fresco per un paio d’ore

 

Print Friendly, PDF & Email

Torta salata di spinaci e prescinsoa

20190127_100602è una torta salata preparata con la pasta matta ligure, acqua, farina e poco olio,  e la prescinseua che è una simil ricotta acidula sempre ligure. La torta salata di spinaci e prescinsoa la puoi servire come secondo e come antipasto, calda o fredda, ottima per un pic nic, la si può congelare
g 300 farina manitoba
g 500 spinaci freschi
g 50 parmigiano reggiano grattugiato
g 400 prescinseua
2 cucchiaini di sale fino
2 uova grandi
– impastare la farina con un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaino di sale fino e acqua tiepida fino ad ottenere una pasta liscia e morbida, circa g 150, se volete una pasta meno friabile diminuite l’olio, o non mettetelo del tutto
– avvolgere la pasta nella pellicola e farla riposare mezz’ora
– pure gli spinaci e studiarli in padella senza acqua, tritarli grossolanamente, salare ed amalgamare con il parmigiano grattugiato e le 2 uova
– stendere 3/4 della pasta e mettere in una teglia bassa, riempire con la crema di spinaci e ricoprire con la prescinseua
– stendere la rimanente pasta e coprire la torta chiudendo bene i bordi, spennellare la superficie con olio o un rosso d’uovo e cuocere in forno caldo a 180° fino a doratura circa 30′

Print Friendly, PDF & Email

Gelati wafer alla panna

20180421_083337È  arrivato il caldo, e voglia di qualcosa di fresco…questi gelati wafer alla panna sonocbuonissimi e velocissimi da preparare! Io li ho fatti con i wafer al cioccolato, ma si possono anche usare quelli alla vaniglia o alla nocciola! La crema gelato ricorda quella dei cornerti Algida, ma molto più buona!!! La ricetta me l’ha passata una mia collega! La grandezza dei gelati la scegliete voi, io li ho preparati con una colonna di wafer, ma si può decidere di lasciare uniti due o più wafer o addirittura tutto il dolce
e buoni gelati wafer alla panna!

2 pacchi wafer al cioccolato
400 panna montata
170 latte condensato

– montare la panna fredda e molto delicatamente aggiungere il latte condensato a filo mescolando dal basso verso l’alto
– rivestire con pellicola un contenitore rettangolare
– rivestire il fondo con una parte di wafer
– versare la crema e ricoprire con gli altri wafer
– richiudere con la pellicola e pressare bene
– mettere nel congelatore un paio d’ ore
– estrarre e separare a piacere le coppie di gelato
– fondere il cioccolato fondente e pucciarvici dentro una estremità dei gelati, potete anche poi passarla nella granella di nocciole
– lasciate solidificare il cioccolato, rufasciate nella carta forno e mettete i vostri gelati nel congelatore

Print Friendly, PDF & Email

Frittata di prebuggiun al curry

cymera_20180324_132117Frittata di prebuggiun al curry.
Il prebugiun, così chiamato in Luguria,  è un mix di erbe spontanee da bollire, pre bollitura, pre buggiun appunto, e successivamente usato per minestre, frittate e per il ripieno dei pansoti, é costituito da circa una dozzina di erbe: amarago, lattugaccio, bietola di prato, boraggine, cicerbita, cicoria, dente di leone, grattalingua, ortica, papavero, radicchio selvatico, silene, tarassaco, raperonzolo e pimpinella. Oggi io le ho stufare in un poco di latte di cocco e curry e successivamente cotte in frittata
g 200 prebuggiun
6 uova grandi
g 150 latte di cocco non dolce
1 cucchiaio raso di curry
sale
– lavare e tagliare grossolanamente le erbe
– stufare in padella con il latte di cocco e il curry, salare e far cuocere per circa 5′ fin quando le erbe non si ammirbidiscono
– nella stella padella antiaderente versare le uova leggermente battute e cuocere la frittata da ambedue i lati

Print Friendly, PDF & Email

tronchetto salato al salmone

cymera_20171203_190207tronchetto salato al salmone, un elegante antipasto per le feste nataizie, morbido rotolo di pasta biscotto salata, alle erbe aromatiche, farcito da una fresca crema di ricotta e salmone affumicato

Pasta biscotto salata:

6 uova grandi
g 100 farina tipo1
2 cucchiaini di aromi in polvere o tritati fini (rosmarino, salvia, maggiorana, timo)
1 cucchiaino raso di sale fino

Farcia:
g 250 salmone affumicato
g 200 panna al salmone
g 300 robiola
aneto

– in una planetaria montare le uova (tenute a temperatura ambiente) con il sale, aggiungere  1 cucchiaino di acqua calda e sempre montando aggiungere le erbe aromatiche, montare per una decina di minuti fino ad ottenere una crema molto gonfia
– spegnere e setacciare la farina  nel boccale ed amalgamare delicatamente con movimenti dall’alto verso il basso
– cuocere nella leccarda da 35×43  rivestita di carta da forno a 180°per circa 10 ‘- coprire con un teli umido e arrotolare
– mescolare la panna al salmone con metà robiola, srotolare con delicatezza la pasta biscotto e spalmare con la crema, ricoprire con il salmone e arrotolare
– tagliare per sbieco due larghe fette, una posizionarla di lato e l’altra sopra al rotolo
– con la rimanente crema di formaggio ricoprire il rotolo e spolverare con l’aneto
– mettere a raffreddare in frigorifero fino a poco prima di servirlo

Print Friendly, PDF & Email

polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro

polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro, morbide e gustose, a basso indice glicemico. Sono preparate con le patate americane, ricche di zuccheri ma con un basso indice glicemico se cucinate a vapore o lessate. Nell’impasto non ci sono le uova ma la crusca di avena e l’orzo lessato, il risultato è sorprendentemente  eccezionale sia che le cuocciate nel sugo di pomodoro che le saltiate in padella antiaderente. Ovviamente si possono preparare con altri tipi di cereali. Le polpette di patate americane con pollo e orzo in sugo di pomodoro nascono dalla ricetta dello chef Sergiomaria Teutonico pubblicata nella sua pagina Vaffanciccia.it

polpette-pat-amer-sugo-pomg 300 petto di pollo
g 100 orzo bollito
g 80 patate americane lessate
g 80 crusca di avena
1 cucchiaio erbe aromatiche fresche tritate
1 spicchio aglio
g 350 passata di pomodoro
2 foglie di alloro, 4 foglie di basilico
sale qb, olio extravergine di oliva qb

-in una larga padella antiaderente mettere il passato di pomodoro con lo spicchio d’aglio, un pizzico di sale, le foglie di basilico e un giro d’olio extragergine di oliva, cuocere a fuoco basso per 5′
– macinare il petto di pollo nel frullino
– lessare le patate americane in acqua salata fino a quando diventano morbide, scolarle e schiacciarle, farle raffreddare ed unirle alla carne
– lessare l’orzo perlato in acqua salata e con le foglie di alloro, scolare
– mettere nel boccale del frullatore la carne, le patate schiacciate, l’orzo, la crusca di avena e il trito di erbe aromatiche fresche, frullare fino a far diventare un composto morbido
– con le mani unte di olio formare le popette grandi come una noce ed appiattite
– metterle a cuocere nella padella del sugo di pomodoro per 15′ circa
– sono ottime anche cotte una decina di minuti in padella antiaderente, spolverizzate con un pizzico di pepe o Za’atar

polp-pat-padella

Print Friendly, PDF & Email

bastoncini al pastis

bastoncini al pastis, croccanti biscotti senza uova, ottimi da sgranocchiare a merenda e a fine pasto bevendo un bicchierino di vino dolce, leggeri e veloci da preparare. Per preparare questi bastoncini al pastis potete usare un altro tipo di liquore o vino, quello che preferite, basta che sia molto gustoso e aromatico

pastisg  500 di farina tipo1
g 160 zucchero di canna
g 150 burro fuso
g 50 panna fresca
1/2 bicchiere di pastis

-impastare la farina con lo zucchero, la panna e il burro fuso
– ammorbidire con il pastis e lavorare fino ad ottenere una pasta molto morbida
– stendere in un rettangolo spesso 1,5 cm, cospargerlo con zucchero di canna e ritagiare dei bastoncini, io ho usato uno stampo taglia bastoncini, se non lo avete potete ritagliarli con un coltelloo una rotella tagliaravioli
– cuocere in fornocaldo a 180°per cica 20/25′ fino a doratura, non cuoceteli troppo perchè come la frolla diventerebbero duri una volta raffreddati

Print Friendly, PDF & Email

focaccia con la salvia, fugazza coa sarvia



focaccia con la salvia, fugazza coa sarvia, è una ricetta tipica genovese, profumata focacciona impastata con un trito di salvia fresca, ottima come aperitvo insieme a salumi e formaggi, buonissima anche da sola come merenda. La focaccia con la salvia, fugazza coa sarvia, è una variazione  della focaccia genovese, si può preparare sia sottile che più alta, come ho fatto io, la ricetta è per 2 teglie rotonde da 28 cm

focaccia-con-la-salvia

gr 600 farina di forza W350 manitoba
gr 250 acqua
gr 50 kefir da latte o yogurt naturale
1/2 bicchiere scarso di olio
1 bustina lievito birra disidratato
1 cucchiaino miele
1 cucchiaino sale fino
1 manciata abbondante salvia fresca
– al centro della farina mettere il lievito, il miele e il kefir da latte e iniziare ad impastare versando poco per volta l’acqua tiepida e l’olio extravergine di oliva, dopo un poco aggiungere il sale e la salvia tritata, dovete ottenere una pasta molto morbida se occorre aggiungere ancora un poco di acqua e olio, impastare per una decina di minuti, oliare e coprire e mettere a lievitare nel forno spento ma con la luce accesa fino al raddoppio
– sgonfiare la pasta, dividere in 2 parti ed impastare ancora per qualche minuto ciascuna parte, formare 2 palle, oliare, coprire e rimettere a lievitare fino al raddoppio sempre in forno
– oliare il fondo delle teglie e stendervici la pasta con le dita unte lasciando al termine le impronte delle dita
– riempire mezzo bicchiere di acqua e olio, aggiungere un pizzico di sale e spennellare abbondantemente sulla pasta, coprire con la pellicola e rimettere a lievitare
– accendere il forno ventilato a 200° ed infornare subito, spennellando spesso con la restante acqua e olio per non far seccare la crosta
– spolverare con del sale e terminare la cottura fino a doratura, sfornare e spennellare e mettere a raffreddare su una gratella, volendo si può servire calda

Print Friendly, PDF & Email

Torta salata di asparagi e spinaci


Torta salata di asparagi e spinaci, ottima da servire sia calda che fredda, come antipasto elegante o gustoso secondo, potete preparare questa Torta salata di asparagi e spinaci con  la pasta matta oppure con la pasta brisèe o con la  pasta sfoglia già fatta, la pasta matta è una pasta ligure, facile da preparare e leggera, molto elastica grazie alla forza della farina manitoba

cymera_20170420_182409

gr 250 asparagi verdi
gr 250 spinaci
pasta matta
3 uova grandi
4 cucchiai abbondanti parmigiano grattugiato
gr 250 ricotta
1 cucchiaio erbe aromatiche fresche tritate
PASTA MATTA
gr 250 farina 00
gr 250 farina manitoba
4 cucchiai di olio di oliva
gr 300 circa di acqua
gr 10 sale fino

– impastare le due farine con il sale, l’olio di oliva e l’acqua aggiunta poco per volta, fino ad ottenere una pasta liscia e morbida, poterbbe servire una quantità differente di acqua, coprire con un panno e lasciare riposare 30′
– lessare gli spinaci, scolarli e strizzarli
– pulire gli asparagi e cuocerli a vapore
– frullare gli spinaci con le uova, la ricotta, le erbe aromatiche, il parmigiano grattugiato e 3/4 degli asparagi, tene da parte quelli piccoli, salare
– stendere la pasta matta, sul fondo mettere qualche cucchiaio di pane grattugiato e sopra la crema di verdure e uova
– per ottenere una base più friabile al posto du un solo strato più spessondi pasta matta si possono stendere 3 o 4 strati e sovrapposti uno sopra l’altro e spennellati ciascuno con olio, la pasta che avanza si può conservare in frigorifero per 3 giorni oppure congelare
– tagliare a metà nel senso dello spessore gli asparagi rimanenti e decorare la torta
– cuocere in forno caldo a 180° per 30′ circa


Print Friendly, PDF & Email

Crostata salata di boraggini ed ortiche con salmone affumicato

Crostata salata di boraggini ed ortiche con salmone affumicato, un guscio di frolla salata ripieno di una crema di boraggini ed ortiche, posata su fette di salmone affumicato. Fine ed elegante, questa torta salata potete servirla sia tiepida che fredda, tagliata a fette è un ottimo antipasto, un buon primo e un ricco piatto unico. Questa  Crostata salata di boraggini ed ortiche con salmone affumicato è per una dozzina di persone, io l’ho cotta in una teglia rotonda da cm 22 di diametro ma potete preparala anche in una teglia quadrata da 20 cm e poi tagliarla a cubotti e servirla come aperitivo

crostata-di-boragginipasta frolla salata:
gr 250 farina tipo 1
gr 120 burro
2 uova grandi
1 cucchiaino di sale fino
1 cucchiaino abbondante erbe aromatiche tritate
ripieno:
gr 350 ortiche e boraggini stufate
gr 200 ricotta
1 uovo grande
3 spicchi di aglio
5 noci
gr 100 salmone affumicato
2 cucchiai di erbe aromatiche fresche tritate
olio extravergine di oliva, sale

– impastare la farina con le uova ed il burro freddo tagliato a pezzetti, salare ed aggiungere le erbe aromatiche tritate
– pulire le ortiche e le boraggini e metterle in una ampia padella antiaderente insieme agli spicchi di aglio, aggiungere 2 tazzine di acqua poco per volta, cuocere con coperchio fino a quando le verdure diventano morbide, circa 10′, salare e frullare con uno spicchio di aglio, la ricotta, l’uovo e le noci, aggiungere un filo di olio extravergine di oliva
– stendere 3/4 della frolla salata e rivestire una tortiera da cm 22
– sul fondo stendere le fette di salmone affumicato e sopra la crema di vedura
– con la rimante pasta frolla salata ricavate delle strisce e formare una griglia sopra la crema di verdura
– cuocere in forno caldo a 180°  fino a doratura, per circa 20′, io ho usato una teglia di silicone

Print Friendly, PDF & Email