Meraviglie di Carnevale, ricetta di Iginio Massari

Le Meraviglie sono chiacchiere di Carnevale a forma di cerchio con un gusto delicatissimo. L’impasto è davvero semplice da realizzare e vi assicuro che si sciolgono letteralmente in bocca.

Ho impastato a mano gli ingredienti e ho steso la sfoglia con il mattarello per realizzare dei dischi grandi, di 30 cm di diametro. Sicuramente l’aspetto delle mie è diverso da quelle originali ma non credo che ne comprometta il risultato. Mai nome fu più azzeccato per un dolce, sono talmente buone che non rimarranno neppure le briciole!

Ingredienti

500 g di farina 00
scorza grattugiata di un limone naturale
150 g di uova intere
40 g di zucchero
20 g di tuorli
5 g di sale
25 g di panna
50 g di rum a 40°

Procedimento

Potete realizzare le meraviglie sia a mano che in planetaria.

Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola o in planetaria e lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Coprite il panetto con pellicola alimentare e ponetelo in frigo per 1 ora.

Trascorso il tempo di riposo, stendete una sfoglia sottilissima, massimo 1 mm e ricavate dei dischi di 30 cm.

In una padella molto larga portate l’olio a 176°, immergete un disco alla volta, facendolo dorare leggermente da ogni lato. togliete in verticale ogni meraviglia e fatele scolare dall’olio in eccesso sopra ad una griglia.

Spolverizzate con zucchero a velo vanigliato e servite.

Note: Il maestro Massari realizza dei dischi del peso di 30 g per 30 cm di diametro. Credo che a mano sia molto difficile da fare, occorrerebbe una sfogliatrice industriale; io ho steso una sfoglia sottilissima con il mattarello, ho appoggiato sopra un piatto e con un coltello ho ricavato i dischi di pasta, sicuramente il loro peso era più di 30 g ma, le meraviglie, sono venute benissimo.

Il procedimento che utilizza Massari, in cottura, è diverso ma non è semplice da replicare, ci riuscirete solo se la pasta sarà quasi trasparente. Ecco cosa scrive: Immergete i dischi nell’olio bollente a 176 °C,  formare il dolce con due bastoncini di legno modellando in cottura. Posizionare i bastoncini al centro del disco con un ipotetico cerchio di cm 6-7 e stringere la pasta in continuazione formando delle pieghe, che daranno forza al disco e la possibilità di maneggiare la meraviglia, una volta che sarà cotta.

 

Precedente Trofie radicchio, speck e philadelphia Successivo Pasta al forno con broccoli, pancetta e scamorza

2 commenti su “Meraviglie di Carnevale, ricetta di Iginio Massari

  1. Rosa il said:

    Quelle non sono le frappe di carnevale ma le crescsentine perché hanno la panna nelle frappe non va la panna mi scusi per la correzione

    • Una mamma in cucina il said:

      Buongiorno Rosa,
      questa ricetta è del maestro Massari e lui le definisce chiacchiere di Carnevale. Nelle ricette tradizionali non è mai presente la panna e nemmeno burro ma strutto o addirittura nessun tipo di grasso come le sfrappole che facciamo a Bologna. Le crescentine sono sempre un dolce fritto di Carnevale? Non le conosco e sarei curiosa di sapere come le prepara. Grazie e buona giornata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.