Crea sito

Crema pasticcera con il microonde

Oggi parliamo di una preparazione base semplice semplice, che vi farà risparmiare tempo e energie: la crema pasticcera cotta nel microonde! I vantaggi di questa preparazione sono che la crema pasticcera non rischia di “impazzire” e non necessita di particolari attenzioni, l’importante è utilizzare gli utensili giusti per il microonde (io ho scelto un recipiente di pyrex).

La crema pasticcera con il microonde è perfetta per farcire tantissimi dolci gustosissimi, come i cestini di frolla con fragole e crema chantilly, la crostata crema e fragole o la torta della nonna. Io, ad esempio, l’ho appena utilizzata per due dolci speciali dedicati a tutte le donne: la torta mimosa all’ananas e i cupcake mimosa al limone. Ma andiamo a vedere subito questa ricetta facile e veloce!

Crema pasticciera al microonde | l'aPina in cucina
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di riposo7 Minuti
  • Metodo di cotturaMicroonde
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4tuorli
  • 100 gzucchero
  • 60 gfarina 00 (o amido di mais)
  • 500 mllatte
  • q.b.vaniglia (o buccia grattugiata di 1 limone)

Strumenti

  • Contenitore di vetro pyrex
  • Frusta
  • Pellicola per alimenti

Preparazione della crema pasticcera al microonde

  1. Crema pasticciera al microonde | l'aPina in cucina

    Iniziate col riscaldare il latte. Dopodiché, in un capiente recipiente di pyrex, mescolate i tuorli con lo zucchero, aiutandovi con una frusta.

    Quindi unite la farina setacciata, la buccia di limone grattugiata e infine, gradatamente, il latte. Fate attenzione a mescolare bene, in modo da ottenere un composto omogeneo.

    Cuocete la crema nel forno a microonde a 750 watt per 6-8 minuti, avendo l’accortezza di mescolare il composto ogni 2 minuti.

    Infine, lasciate raffreddare la crema pasticcera coprendola “a contatto” con della pellicola da cucina.

    🌟È molto importante mettere direttamente a contatto la pellicola sulla crema pasticcera, perché in questo modo si evita la formazione dell’antiestetica “pellicina” in superficie, che se mischiata al resto della crema andrebbe a formare dei grumi. È altresì importante utilizzare la pellicola da cucina giusta, infatti non tutte sono adatte per essere a contatto con i cibi molto caldi!

  2. Bene, la vostra crema pasticcera è pronta per essere consumata tal quale o per farcire torte, bignè e tantissimi altri dolci!

    Una piccola nota: in alternativa alla buccia di limone è possibile utilizzare altri aromi, come vaniglia, rum, nocciola ecc., per variare il gusto della crema.

    Vi consiglio di conservare la crema pasticcera in frigorifero, e di consumarla nel più breve tempo possibile.

/ 5
Grazie per aver votato!

10 Risposte a “Crema pasticcera con il microonde”

    1. Ciao Sissi.
      Secondo me devi solo farla cuocere un po di più, cioè controllare sempre ogni 2 minuti però allungare i tempi, fino a quando diventerà “cremosa”.
      A presto.
      Pina

  1. Il mio microonde non ha la temperatura ma le “tacche”: da una che è lo scongelamento ad un massimo di quattro. Quale sarà quella giusta?

    1. Ciao Patrizia,
      leggi le istruzioni del microonde, sicuramente lì sarà specificato a quanti watt corrisponde ciascuna tacca. Probabilmente 750 watt corrispondono all’ultima tacca. Spero di esserti stata di aiuto. Fammi sapere.
      A presto
      Pina

  2. ero un po’ perplessa ma l’ho appena fatta, assaggiata e devo dire che è praticamente uguale al metodo tradizionale che ho imparato ad un corso di pasticceria…. grande idea, complimenti! 🙂

  3. pina questa ricetta è geniale…….la proverò sicuramente……complimenti per il tuo blog e per le belle cose che hai scritto su di te presentandoti…….ti verrò a trovare spesso….kiss raffaella!!!

    1. Provala 😛 vedrai che fare la crema sarà veloce e poco impegnativo. Fammi sapere cosa ne pensi. Ciao, ti aspetto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.