Crea sito

Pizza a basso indice glicemico

Con estrema soddisfazione, oggi, vi offro la pizza a basso indice glicemico! Soffice e gustosa come la pizza classica, nessuno si accorgerà della differenza. Tempo fa acquistai dei pacchetti di Fiber farina, dovendo seguire una dieta a basso indice glicemico, la misi in dispensa ma continuai a usare le farine classiche, nel timore che agli altri non piacesse. Temevo che si sentisse la differenza nel gusto… così continuai a cucinare ricette a basso indice glicemico per me e ai miei familiari proponevo le ricette classiche. L’altra sera decisi di fare l’impasto per pizza a basso indice glicemico per me, proponendomi di congelare in monoporzioni la pizza avanzata, ma non è così che è finita… appena finito di sfornare mia figlia si è avventata sulla pizza ed io non dissi nulla e la lasciai fare. L’espressione estasiata di mia figlia mi ha fatto capire che tutti possono mangiare la pizza a basso indice glicemico! Inutile dirvi che da oggi, nella mia dispensa, ci sarà solo la Fiber Farina, assieme ad altre farine grezze! Nel fondo di questo articolo troverete le caratteristiche di questa farina.

pizza+per+diabetici

Pizza a basso indice glicemico

Ingredienti per 6 persone:

  • 500 grammi di fiber farina
  • 300 ml di acqua (metà del rubinetto e metà minerale)
  • 100 grammi di lievito madre*
  • un cucchiaino di miele di acacia*
  • due cucchiaini scarsi di sale
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva

Per farcire:

  • 400 grammi di polpa di pomodoro
  • un cucchiaino di origano secco
  • un cucchiaino di sale
  • un cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 300 grammi di mozzarella

Procedimento:

  1. Mettete in una ciotola, meglio se planetaria, l’acqua, il lievito madre e il miele. Sciogliete il tutto e unite la farina, impastate energicamente fino ad avere un impasto elastico. Unite l’olio e impastate ancora, quando si sarà incorporato unite il sale e finite di impastare.
  2. Trasferite l’impasto in un contenitore dotato di coperchio, coprite e lasciate riposare un’ora. Trasferite l’impasto in frigo per una notte e lasciate lievitare. In alternativa fate lievitare per 3 ore nel forno spento con luce accesa.
  3. Se avete fatto lievitare in frigo la pizza (lievitazione che preferisco e consiglio), riportatela a temperatura ambiente.
  4. Pennellate con poco olio una teglia grande, io ho usato la  leccarda del forno. Versate la polpa di pomodoro in un pentolino, aromatizzatela con l’origano, il sale e l’olio e fatela cuocere per 10 minuti. Facendo così il pomodoro perderà l’acqua di vegetazione evitando di “bagnare” la pizza.
  5. Stendete la pizza nella teglia, distribuendola su tutto il fondo, con i polpastrelli. Versate il pomodoro tiepido sulla pizza e fate riposare 15 minuti.
  6. Preriscaldate il forno a 250° e quando sarà a temperatura infornate la pizza. Cuocete la pizza per 15/20 minuti, dipende dal forno, capirete che è cotta quando sarà dorata uniformemente.
  7. Tagliate a pezzetti la mozzarella e distribuitela sulla pizza, infornate nuovamente fino a farla fondere.

Tagliate a tranci la vostra pizza a basso carico glicemico e servitela calda (ottima anche riscaldata). Visto come è morbida dentro e croccante fuori? Nulla da invidiare alla pizza classica!

Se vi piacciono le mie ricette e le trovate utili, vi aspetto per un like nella mia pagina Facebook “Nel tegame sul fuoco” 🙂

Qualche approfondimento sugli ingredienti utilizzati:

  • La Fiber farina ha un indice glicemico di 29 ed è realizzata con farina 0, fibre e inulina. Quest’ultima ha la funzione di regolare il carico glicemico.
  • Il lievito madre, anche se realizzato con farine raffinate, subisce una trasformazione degli zuccheri, grazie agli enzimi che la fermentazione attiva.
  • Il miele di acacia è l’unico miele, in piccole quantità, consentito a chi segue una dieta a basso indice glicemico.

4 Risposte a “Pizza a basso indice glicemico”

    1. Ciao Cinzia, la trovi facilmente online, oppure puoi contattarli e chiedere loro dove acquistarla nella tua città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.