Pasta con la zucca alla napoletana

Facile, veloce, buona ed economica! La pasta con la zucca alla napoletana è quanto di più semplice si possa mangiare nella stagione autunnale e non. Un classico piatto della nonna che ci ricorda che la vera cucina partenopea è fatta di cose semplici e per di più povere, come verdure e legumi.

Seppur la zucca è un ortaggio tipicamente autunnale, ormai si trova in ogni stagione e non possiamo che esserne contenti perché ha davvero tante proprietà benefiche, oltre ad essere un ortaggio dall’ottimo sapore e dall’estrema versatilità.

24487-1320618585
Foto dimostrativa liberamente tratta da www.marigliano.net

La varietà di zucca più adatta a questa preparazione è la zucca gialla, detta in Campania “cocozza”. La “cocozza”, anche chiamata zucca napoletana, ha una buccia verdastra, la forma allungata e una polpa gialla di consistenza un po’ più dura rispetto alla più conosciuta zucca rossa.

A Napoli il modo più diffuso per assaporarla è con la pasta che a seconda dei gusti sarà nel formato dei tubetti o della più verace e povera “pasta mmescat”, ovvero la pasta mista.

Pasta con la zucca

‘A past e cocozz

Ingredienti

  • 400 g di zucca gialla napoletana
  • 160 g di pasta mista di Gragnano
  • 2 spicchi di aglio (1 se grande)
  • 1 pizzico di peperoncino
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • un paio di pomodorini (o 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro, o 1/2 pelato)
  • 1 bicchiere di acqua calda
  • un paio di foglioline di basilico
  • sale, pepe q.b.
  • grana grattugiato q.b. (facoltativo)

Preparazione
Pasta con la zucca_preparazione

  1. Mondare, lavare e tagliare a cubetti la zucca.
  2. In una pentola far soffriggere uno spicchio di aglio e un pizzico di peperoncino in 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva.
  3. Unire la zucca e lasciar soffriggere qualche istante.
  4. Aggiungere un paio di pomodorini, sale quanto basta  e 1  bicchiere di acqua calda.
  5. Coprire e lasciar cuocere fino a che la zucca non risulta cotta e quasi disfatta ( o noi piace cremosa).
  6. Pepare ed eventualmente correggere di sale.
  7. Calare la pasta nella zucca in ebollizione e portare a cottura, aggiungendo se necessario dell’acqua calda.
  8. Quando la pasta risulta al dente, spegnere la fiamma e aggiungere qualche fogliolina di basilico (c’è chi usa il prezzemolo, ma in questo caso io preferisco di gran lunga il basilico).
  9. Servire con un’abbondante manciata di grana grattugiato e una macinata di pepe.

Note

pasta mistaLa pasta mista è un formato tipicamente meridionale, anzi per la precisione Campano. La pasta mista non è solo un formato, la pasta mista è una tradizione! Nasce dall’abitudine delle massaie partenopee di mischiare i cosiddetti “spezzoni”, ovvero la pasta avanzata al fine di minimizzare gli sprechi. Il risultato dell’ingegno femminile napoletano era così apprezzato che ben presto nacque il formato di pasta cosiddetta “mista”. La pasta mista è utilizzata prevalentemente nelle minestre a base di legumi e/o verdure come la zucca e il cavolfiore.

Alla prossima ricetta!

Valeria 🙂

Precedente Baccalà alla napoletana: 'o stocc arrecanat. Successivo Sbriciolata alla nutella

2 commenti su “Pasta con la zucca alla napoletana

  1. Marialaura Grillo il said:

    Il pomodoro non c’è proprio per niente, e il basilico lo preferite voi, perché nella ricetta tradizionale c’è il prezzemolo.
    Pepe e formaggio grattugiato sono facoltativi, nella ricetta tradizionale c’è solo il peperoncino.

    • solaria M. il said:

      Ciao Marialaura. Io sono napoletana, così anche mia madre, mia nonna e la mia bisnonna e tutte noi l’abbiamo sempre preparata leggermente macchiata. Anche sul famosissimo libro di ricette napoletane Frijenno Magnanno riporta la ricetta con l’uso del pomodoro. Nello stesso libro la ricetta prevede sia l’uso del prezzemolo che del basilico e noi abbiamo sempre preferito il basilico. Mentre il formaggio lo aggiungiamo per gusto personale! Ma come in tutte le cose resta il fatto che ogni famiglia ha una propria ricetta che diventa “tradizione” ed è per questo che la cultura gastronomica campana è così ricca e varia. Ad ogni modo, sono sicura che viene ottima anche secondo la tua versione! ^_^ A proposito…ne approfitto del periodo per augurarti un buon anno!:)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.