POLPI ALLA LUCIANA

Per gli amici “Purptiell alla luciana“.

I polpi alla luciana hanno tutto il gusto del mare e della tradizione partenopea. Saporiti, teneri e semplici sono uno dei miei piatti di mare preferiti. Serviti come antipasto, come secondo piatto o ancora accompagnati ad un piatto di pasta, rappresentano uno degli emblemi della cucina marinara campana. Il loro nome è infatti legato agli abitanti del borgo napoletano di Santa Lucia, un borgo di marinai esperti nella pesca del polpo verace (quello con 2 file di ventose che vive principalmente tra gli scogli e la sabbia). 

Realizzare un ottimo piatto di “Purptiell alla luciana” non è per niente difficile! La cosa più importante è scegliere un buon polpo e degli ingredienti di prima qualità. Io, ad esempio, ho scelto un olio extra vergine di oliva Dante e delle gustosissime olive nere di Gaeta Ficacci e il risultato è stato da leccarsi i baffi. Infine ho esaltato il gusto del piatto accompagnandolo con una pregiata Falanghina del Sannio Cantine Sebastianelli.

Ingredientipolpi alla luciana_ingredienti

  • 2 polpi piccoli (o almeno 1 a testa)
  • 400 g di pomodorinitentacoli
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 pizzico di peperoncino
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva Dante
  • 50 g olive nere di Gaeta Ficacci
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati (facoltativo)
  • 1/2 bicchiere di vino rosso secco
  • sale e pepe q.b.
  • prezzemolo tritato q.b.

Vino consigliato

Preparazionepolpi alla luciana_preparazione

  1. Pulire i polpi eliminando la bocca, gli occhi e il contenuto della testa; lavarli per bene sotto l’acqua fredda corrente e metterli a colare in un colapasta. In questo modo si elimina l’eventuale sabbia e si attenua l’odore sgradevole che solitamente hanno i polpi.
  2. In una casseruola fare un soffritto di olio, aglio e peperoncino.
  3. Quando l’olio sarà ben insaporito unire i polpi e far soffriggere a fiamma vivace.
  4. Non appena i polpi cambiano colore sfumare con il vino rosso e lasciar evaporare.
  5. Unire pomodorini e olive nere (ed eventualmente i capperi) e aggiustare di sale  e pepe.
  6. Cuocere a fiamma dolce per circa 25 minuti .
  7. Se si desidera un sugo più ristretto, estrarre i polpi dal sugo e metterli da parte al caldo. Cuocere il sugo fino a densità desiderata. Dopodiché unire nuovamente i polpi.
  8. Servire caldi spolverizzati con prezzemolo tritato e accompagnati da pane abbrustolito.polpo alla luciana e falanghina cantine sebastianelli

Accompagnare il tutto con un ottimo vino bianco Campano. Io vi consiglio in particolare una Falanghina del Sannio Dop delle Cantine Sebastianelli.

La Falanghina del Sannio è un vino dal gusto intenso, corposo e persistente ingentilito dal tipico profumo di fiori bianchi. E’ uno dei bianchi di punta delle Cantine Sebastianelli, fondate da Silvio Sebastianelli nel 1972 nel centro storico del paese di Guardia Sanframondi, a 298 metri sul livello del mare.

Consigli & Note

La ricetta tradizionale prevede che aglio, prezzemolo, olive e capperi siano usati solo per riempire le teste dei polpi, poi fatti cuocere insieme al pomodoro. Con il passare del tempo la ricetta dei polpi alla luciana è leggermente cambiata e ad oggi molti preferiscono cuocere il polpo con aglio, olio e peperoncino in un tegame coperto e a parte preparare il sugo di pomodorini per poi unirli solo a metà cottura arricchendo il tutto con capperi e olive nere di Gaeta. Questa procedura ha lo scopo di rendere compatta la pelle dei polpi e assicurare un miglior risultato estetico.

Per non annerire il sugo è consigliabile non snocciolare le olive che altrimenti scaricherebbero colore. L’uso di olive snocciolate è consigliabile solo qualora, anziché polpi veraci, usiate polpi moscardini che avendo una colorazione che solitamente vira tra il rosso e il beige, gioverebbero invece del colore scaricato dalle olive, assumendo un aspetto più appetitoso.

Qualora serviate i polpi alla luciana come antipasto potete utilizzare polpi moscardini, ovvero polpi dalla piccola pezzatura e con una sola fila di ventose per tentacolo.

polpo alla luciana e falanghina cantine sebastianelli

Infine, se consumate i polpi alla luciana come secondo, non fate mai mancare in accompagnamento delle fette di pane abbrustolito.

Buon appetito e alla prossima ricetta!

Valeria polpi alla luciana MINIATURA

Precedente Cipolline all'aceto balsamico con cottura al microonde Successivo Pollo al forno PERFETTO passo passo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.