Uova ripiene di Halloween

Le uova ripiene sono una portata perfetta da proporre in occasione della cena di Halloween perché si presentano come stuzzichini facili, veloci e originali. In America è usanza nel giorno di Halloween che i bambini vadano mascherati di casa in casa, chiedendo dolciumi e caramelle o qualche spicciolo con la domanda “Dolcetto o scherzetto? Queste uova mostruose e incredibilmente buone sono una ricetta che potete preparare insieme a loro che statene certi si divertiranno non poco, e al tempo stesso li invoglierete a mangiarle cibi sani e nutrienti.

 

Seguimi anche sui social

FACEBOOK         INSTAGRAM         PINTEREST         TWITTER         YOUTUBE

uova ripiene di halloweenUova ripiene di Halloween

 

Ingredienti

2 uova

80 g di tonno al naturale

1 cucchiaio di maionese

1 cucchiaio di yogurt greco

Olive nere denocciolate

 

uova ripiene di halloween2

 

Procedimento

Per preparare le uova ripiene di Halloween mettete per prima cosa sul fuoco una pentola piena di acqua fredda, adagiate lentamente le uova nella pentola e portate a bollore.
Quando l’acqua comincia a bollire aspettate 8 minuti. Scolate quindi le uova e mettetele sotto un getto di acqua fredda. Questo passaggio è particolarmente importante perché vi permetterà di sbucciare più facilmente le uova, senza romperle e senza scottarvi!

Una volta che le uova si saranno raffreddate, iniziate a sbucciarle delicatamente. Tagliatele in due e estraete il rosso sodo.
Mettete i rossi nel bicchiere del minipimer e aggiungete la maionese, lo yogurt greco e il tonno sgocciolato. Passate il composto per avere un ripieno soffice e liscio.

Se volete potete aggiungete un filo di olio per dare una consistenza ancora più vellutata al ripieno. Farcite le uova con la crema, tagliate a metà le olive nere denocciolate e mettetene una al centro dell’uovo. Con la metà restante ottenete tanti filetti per formare le zampette del ragno.

Servite le vostre mostruose uova ripiene di Halloween come aperitivo, antipasto o a completamento di un buffet sia caldo che freddo.

Precedente Pane semintegrale con lievito madre Successivo Pizza wurstel al formaggio e speck