Tartare con tuorlo marinato e tartufo

La tartare con tuorlo marinato e tartufo bianco è una ricetta autunnale che allieterà il vostro palato con sapori unici ed abbinamenti molto interessanti.Un antipasto classico della tradizione piemontese, che ho voluto rivisitare a mio modo, aggiungendo al posto dell’uovo crudo, l’uovo marinato, semplice e d’effetto, e il tartufo bianco. Ottima da servire come inizio pasto nei giorni di festa, in una cena con amici o solo per appagare la propria gola con prodotti di altissima qualità. Del resto coccolarsi di tanto in tanto fa bene oltre che al corpo anche allo spirito.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

Tartare con tuorlo marinato e tartufo

Tartare con tuorlo marinato e tartufo

 

Tartare per 4 persone

600 g di carne di fassona piemontese tagliata al coltello

Pepe nero

Olio EVO

1 lime

1 tartufo bianco (facoltativo)

 

Per i tuorli marinati

4 tuorli d’uovo freschissimi

200 g circa di sale fino

200 g circa di zucchero semolato

 

 

Tartare con tuorlo marinato e tartufo

Tartare con tuorlo marinato e tartufo

Procedimento

Ponete in una ciotola la carne battuta al coltello (fatela preparare dal vostro macellaio di fiducia) e unite il sale, il pepe nero, quattro o cinque cucchiai di olio e il succo di metà lime, o poco più, a seconda dei gusti, ma senza comunque esagerare perché non deve cogliersi l’acidità nel preparato. Mescolate con cura, coprite bene e lasciate riposare una mezz’ora in luogo fresco.

Nel frattempo preparate i tuorli marinati. In una ciotola mescolate lo zucchero con il sale. Prendete dei pirottini in alluminio, riempiteli a meta com il composto, praticate un leggero incavo, ponetevi il tuorlo d’uovo e ricoprite completamente con altro sale e zucchero. Fate così per tutte le uova.

Riponete i pirottini con le uova in frigorifero per almeno 30 minuti.

Trascorsa mezz’ora potete finalmente servire la carne, porzionata per ciascun commensale. Ponete sul piatto un coppapasta che riempirete con la carne condita e sopra collocatevi il tuorlo d’uovo marinato, passato sotto poca acqua corrente per eliminare la marinatura.

Sfilate quindi il coppapasta e, con l’apposito strumento, spolverate il preparato con abbondante pioggia di sottili sfoglie di tartufo bianco, ricco di intenso aroma.

Precedente Pasta frolla alle mandorle Successivo Parmigiana bianca patate, prosciutto e mozzarella