Roccocò

Roccocò, morbidi o duri, profumati e molto gustosi, sono i tradizionali biscotti di Natale napoletani. E’ il dolce che chiude il pranzo delle famiglie napoletane in occasione dell’8 dicembre (giorno in cui si festeggia l’Immacolata Concezione) e che accompagna tutto il periodo delle feste natalizie. Sono la ricetta ideale da portare sulle tavole natalizie dove vince sempre la tradizione dei sapori semplici e autentici.

 

Seguimi anche sui social

FACEBOOK         INSTAGRAM         PINTEREST         TWITTER         YOUTUBE

roccocòRoccocò

Ingredienti per circa 8 roccocò

250 g di farina 00

80 g di mandorle

1 punta di cucchiaino di bicarbonato

150 g di zucchero semolato

80 g di acqua tiepida

1 cucchiaino abbondante di cannella in polvere

3 chiodi di garofano

Buccia di arancia bio

1 uovo per spennellare

 

 

Procedimento

Per preparare i roccocò dovete iniziare innanzitutto col tostare le mandorle in forno caldo per 5 minuti o fino a quando non vedete che iniziano a tirare fuori il loro olio e a colorirsi leggermente.

Quindi sfornatele, fatele raffreddare e frullatene la metà fino ad ottenere una farina.

In una ciotola capiente mettete la farina, le mandorle tritate e le restanti intere, lo zucchero, il bicarbonato, la cannella e i chiodi di garofano pestati, la scorza dell’arancia e l’acqua a temperatura ambiente.

Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto compatto ed omogeneo.

Con l’impasto dei roccocò ricavate dei cilindri lunghi circa 10 cm aiutandovi coi palmi delle mani. Richiudeteli all’estremità fino a formare delle ciambelle e appiattitele leggermente facendo una leggera pressione con la mano.

Coprite una placca con carta forno leggermente imburrata e posizionate sopra i vostri roccocò. Spennellateli con l’uovo leggermente sbattuto, aggiungete su ognuno altre mandorle e cuoceteli in forno già caldo a 180° per 25 minuti. Se volete dei biscotti meno morbidi continuate la cottura per altri 5 minuti.

N.B. Questa ricetta è come detto precedentemente per 8 roccocò. Se ne volete ottenere di più non vi resta che raddoppiare le dosi.

Precedente Pizza fatta in casa con lievito di birra Successivo Frutta secca, benefici e utilizzo in cucina