Panettone con gocce di cioccolato (ricetta tradizionale)

panettone con gocce di cioccolato

Con l’arrivo del Natale, ho deciso di cimentarmi nel dolce tipico della città che da 10 anni mi ospita con affetto: parlo ovviamente del panettone!

Sfidando la mia pigrizia ed il claim del mio blog, “ricette veloci e facili da realizzare”, ho approfittato di una domenica di freddo e di mio malanno stagionale e ho tentato la rischiosa carta di preparare il panettone in casa (seguendo il procedimento di Sonia Peronaci), ma invece di farcirlo con canditi e uvetta (che mio marito odia), ho usato delle squisite gocce di cioccolato.

Devo dire che la preparazione è lunga e che, se non ci fosse stato il Bimby, sarebbe stata anche un po’ complicata: con il Bimby, invece, occorre solo avere la pazienza di aspettare che si completino le varie fasi di lievitazione.

Il risultato, dopo tanta attesa, è stato a dir poco eccezionale: buono, morbido e fragrante molto più dei panettoni industriali e, in più, la casa era invasa da un profumo di buon dolce che faceva tanto pasticceria.

Se anche voi volete provare l’ebbrezza di preparare in casa il dolce natalizio per eccellenza, seguitemi in cucina!

Ingredienti per un panettone da 750 grammi:

– per il primo impasto:

  • 25 grammi di farina tipo 0 (io ho usato quella del Frantoio Moro);
  • 25 grammi di farina tipo 00;
  • 15 grammi di lievito madre secco (se non lo avete, potete sostituirlo con mezzo cubetto di lievito di birra);
  • 1 cucchiaino di zucchero o miele;
  • 50 ml di latte.

– per il secondo impasto:

  • 45 grammi di farina tipo 0 (io ho usato quella del Frantoio Moro);
  • 45 grammi di farina tipo 00;
  • 2,5 grammi di lievito madre secco (se non lo avete, potete sostituirlo con qualche scaglia di lievito di birra);
  • 1 uovo;
  • 30 grammi di burro (a temperatura ambiente);
  • 30 grammi di zucchero.

– per il terzo impasto:

  • 50 grammi di farina tipo 0 (io ho usato quella del Frantoio Moro);
  • 60 grammi di farina tipo 00;
  • 1 uovo intero;
  • 2 tuorli;
  • 50 grammi di zucchero;
  • un pizzico di sale;
  • 50 grammi di burro a temperatura ambiente (più una noce da usare prima di infornare);
  • la scorza grattugiata di mezzo limone;
  • 100 grammi di gocce di cioccolato fondente;
  • 1 bacca di vaniglia.

Iniziamo la preparazione.

PRIMO IMPASTO: mettete a scaldare il latte e scioglieteci dentro il lievito madre e lo zucchero o il miele, aggiungete le due farine e impastate fino ad ottenere una palla liscia.

Se avete il Bimby, scaldate il latte, il lievito e lo zucchero a 50 gradi, per due minuti a velocità cucchiaio, quindi unite le due farine e impastate per 3 minuti a velocità Spiga.

Mettete l’impasto in una ciotola (se avete il Bimby, lasciatelo nel boccale chiuso) e fatelo lievitare per almeno un’ora (deve raddoppiare di volume).

SECONDO IMPASTO: Aggiungete al primo impasto lievitato l’uovo, il lievito, lo zucchero e il burro e impastate fino ad ottenere un impasto liscio e poco appiccicoso (se avete il Bimby, unite gli ingredienti e fate andare in modalità Spiga per 3 minuti).

Anche questo secondo impasto dovrà raddoppiare di volume: quindi coprire con la pellicola (se avete il Bimby, lasciatelo nel boccale chiuso) e lasciatelo lievitare per almeno due ore (meglio anche una mezz’oretta in più).

TERZO IMPASTO: Unite all’impasto lievitato l’uovo e i due tuorli, le due farine, lo zucchero, il pizzico di sale, il burro, la scorza grattugiata di limone, i semini della vaniglia (incidete la bacca per il lungo e prelevate i semi con un coltello, usando la lama dalla parte non tagliente) e impastate per bene; solo alla fine, mescolate all’impasto anche le gocce di cioccolato.

Se avete il Bimby, aggiungete all’impasto tutti gli ingredienti tranne le gocce di cioccolato e lavorate per 3 minuti a velocità Spiga; unite, infine, le gocce di cioccolato e mescolatele all’impasto per un minuto, sempre a velocità Spiga.

Anche questo impasto deve lievitare: qualunque metodo abbiate seguito, mettetelo in una ciotola coperta dalla pellicola e lasciatelo nel forno spento ma con la luce accesa per tre ore (deve raddoppiare di volume).

A questo punto, se avete la teglia apposita da panettone usate quella dopo averla imburrata e foderata di carta forno; altrimenti fate come me e procuratevi uno stampo di carta da 750 grammi.

Date quindi una forma sferica al vostro impasto lievitato e trasferitelo nella teglia o nello stampo e fatelo lievitare ancora (sempre coperto da pellicola, in forno spento ma con la luce accesa) finchè raggiunge il bordo dello stampo.

Bene…siamo quasi alla fine: quando l’impasto sarà cresciuto fino al bordo dello stampo, toglietelo dal forno (che accenderete a 200 gradi in modalità statica) e lasciatelo aerare per circa un quarto d’ora, in modo da consentire che si formi una pellicina sulla superficie: trascorso questo tempo, con un coltello a lama liscia fate una croce sulla superficie e deponetevi al centro un cubetto di burro.

Quando il forno sarà arrivato a temperatura, mettete una vaschetta di vetro con dell’acqua sul fondo del forno e infornate il vostro panettone al livello più basso: cuocete per i primi 15 minuti a 200 gradi, poi per i successivi 15 minuti a 190 gradi e, infine, per l’ultima mezz’ora a 180 gradi: trascorsa questa ora, il vostro panettone è pronto per essere sfornato e gustato!

panettone

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookInstagramTwitter e Pinterest!

Precedente Purea di fave con catalogna (ricetta pugliese) Successivo Pasta zucchine e gamberetti (ricetta primo piatto)

24 commenti su “Panettone con gocce di cioccolato (ricetta tradizionale)

  1. debora il said:

    che profumoooo!!! E’ una preparazione troppo complicata ma ammiro tanto le cuoche coraggiose che si cimentano, penso che dia una enorme soddisfazione! Brava 😀

    • avvaifornelli il said:

      Grazie Debora! Non è difficilissimo…solo che occorre tanto tempo per le varie lievitazioni…però poi dà grandissime soddisfazioni…

  2. Hai visto che poi l’ho fatto??? Alla fine ho deciso di farlo in versione grande… ahahah… buonissimo! Grazie per la ricetta… ah, ovviamente ti ho citato nel mio articolo! Grazie ancora!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.