Crea sito

SALVIA FRITTA

Salvia fritta un antipasto facilissimo e sorprendentemente buono ma soprattutto molto veloce da preparare perché come pastella utilizzeremo quella classica all’acqua senza lievito. La salvia fritta vi assicuro che sembra una pazzia ma è una delle cose più buone che io abbia mai mangiato. L’unico accorgimento che dovrete avere per questa ricetta è la pastella infatti non dovrà essere troppo spessa altrimenti sentirete solo il sapore della farina, ma nemmeno troppo liquida altrimenti scivolerà via dalle foglie di salvia e non friggeranno bene. Per le foglie di salvia ovviamente cercate le più grandi che trovate, al supermercato oppure dal fruttivendolo ma più grandi saranno e meglio verrà la ricetta. La pastella la farete in pochissimi minuti ovviamente e, se come me avete la pianta di salvia sul davanzale della cucina, sarà un antipasto che non vi farà nemmeno uscire da casa per fare la spesa. Ma ora basta chiacchierare, gli ospiti stanno per arrivare e io devo ancora preparare la mia salvia fritta. Ah… Non perdete le dirette in pagina (QUI)
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 18 foglie Salvia (grandi)
  • 100 g Farina 00
  • 100 ml Acqua gassata (fredda)
  • 1 cucchiaio Olio extravergine d’oliva
  • Sale

Preparazione

  1. Lavate molto bene le foglie di salvia e asciugatele delicatamente con un foglio di carta assorbente da cucina.

  2. Tenete il picciolo delle foglie della salvia.

  3. Preparate la pastella all’acqua mettendo in una ciotola la farina e il sale.

  4. Fate un buco al centro della farina e mettete l’olio extravergine di oliva.

  5. Iniziate a girare con una forchetta e unite a poco a poco tutta l’acqua frizzante freddissima di frigo mescolando velocemente.

  6. Finite di mescolare con una frusta a mano in modo da ottenere una pastella liscia e omogenea ma soprattutto senza grumi.

  7. Fate scaldare abbondante olio di semi di arachidi in una pentola alta e dai bordi stretti e controllate quando sarà pronto utilizzando un termometro da cucina (la temperatura ideale è 170°) oppure con uno stuzzicadenti, quando lo immergerete e farà le bollicine l’olio per la frittura sarà pronto.

  8. Quando l’olio di semi di arachidi sarà ben caldo e pronto alla frittura prendete le foglie di salvia dal picciolo e immergetele nella pastella all’acqua frizzante.

  9. Scolate leggermente le foglie di salvia dalla pastella in eccesso e mettetele a friggere per pochi minuti, solamente fino a che risulteranno dorate.

  10. Scolate la salvia fritta e mettetela su carta assorbente.

  11. Servite la salvia fritta sempre ben calda e appena fritta.

  12. CONSIGLI DI FRITTURA

    L’olio nel quale friggerete i cibi immersi nella pastella all’acqua dovrà essere di semi di arachidi perché mantiene meglio la temperatura in frittura.

  13. Più olio utilizzerete per friggere e meno ne assorbiranno i vostri cibi.

  14. Utilizzate una pentola alta e dai bordi stretti per la frittura perfetta.

  15. L’olio dovrà essere a una temperatura tra i 160° e i 180° questo perché più freddo i cibi assorbiranno l’olio mentre più caldo si bruceranno subito e non cuoceranno bene all’interno.

    VARIANTI E CONSIGLI

    Se volete potete sostituire l’acqua frizzante con birra ma non con acqua naturale.

    L’acqua frizzante deve essere fredda di frigo.

    Potete friggere anche le foglie di basilico oltre a quelle di salvia.

  16. Se vi è piaciuta questa ricetta forse potrebbero interessarvi anche le PASTELLE PER FRITTI o anche la PASTELLA ALLA BIRRA .

Conservazione

La salvia fritta va cotta al momento, conservata e scaldata non è la stessa cosa.
Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.