Tonnarelli con Barba di Finocchio

La mia scuola di cucina è stata mia nonna, un apprendistato proficuo quanto nessun altro, e che ha fatto di me quello che sono, uno chef. E’ da lei che ho imparato a riconoscere l’importanza delle materie prime, scelte con cura e lavorate con amore, senza mistificazioni di alcun tipo, come quelle richieste dalla voga del momento. E’ da lei che ho appreso che quelli che chiamiamo scarti, e che inevitabilmente (e sciaguratamente) finiscono tra i rifiuti, possono (e devono) invece essere spesso recuperati, per dar vita a nuove ricette. E piatti di una prelibatezza unica, come quello che vi presento, i Tonnarelli con Barba di Finocchio. Perché mai infatti eliminare un elemento come la barba, così generosamente offerto da un ortaggio coltivato da secoli e di cui si conoscono le preziose virtù nutritive, tanto utili al nostro organismo? Mia nonna era solita dirmi che, se il Signore ci aveva dato tutto questo, era per farne buon uso, e non certo per essere buttato via. Dalle sue mani operose, dalla sua sapienza acquisita con il lavoro e la dedizione, è venuto fuori questo piatto, i Tonnarelli con Barba di Finocchio, che ancora oggi possiamo gustare in tutta la sua bontà, da raccontare fieri ai nostri figli, affinché ne custodiscano la memoria.

Tonnarelli con Barba di Finocchio
Tonnarelli con Barba di Finocchio
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

30 g barba di finocchio
15 g pecorino romano (grattugiato)
25 g pinoli
1 spicchio aglio
1 scalogno
60 g sardine sott’olio
40 g olio extravergine d’oliva (4 cucchiai circa)

Strumenti

Passaggi

La barba di Finocchio deve essere freschissima. Utilizzate soltanto i rametti con le foglioline più tenere per un pesto delizioso, e i Tonnarelli all’uovo.

Procedimento

Per prima cosa, tostate i Pinoli a fiamma vivace nella padella per poco più di un minuto senza aggiungere olio. Tenete da parte.

Nel tritatutto mettete 2 cucchiai di olio, i pinoli, lo spicchio di aglio, il pecorino romano, la barba di Finocchio e un pizzico di sale. Frullate bene e tenete da parte. Otterrete un pesto molto profumato.

Tonnarelli con Barba di Finocchio
Tonnarelli con Barba di Finocchio

Nella stessa padella, mettete i rimanenti 2 cucchiai di olio, aggiungete le Sardine, scolate e private di lische, a pezzetti, lo Scalogno tritato e lasciate andare un paio di minuti a fuoco moderato. Nel frattempo mettete a cuocere i Tonnarelli.

Scolate la pasta, passatela nella padella con le Sardine, fate insaporire bene a fuoco vivace. Spegnete e aggiungete il pesto. Amalgamate bene e infine servite.

Tonnarelli con Barba di Finocchio
Tonnarelli con Barba di Finocchio

Note

A piacere, potete tostare un po’ di Pinoli in più da usare come guarnizione per i Tonnarelli con Barba di Finocchio. Se lo gradite aggiungete alla fine, sulla pasta, un pizzico di Pepe nero macinato al momento oppure dell’olio santo al Peperoncino.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.