Scrippelletti abruzzesi senza uova ricetta tradizionale

scrippelletti abruzzesi

Rieccomi qui per condividere una ricetta tradizionale della mia terra. Oggi prepariamo gli Scrippelletti abruzzesi senza uova e senza lievito. Un piatto antico e povero ma tanto gustoso che spero vogliate provare! Sembrano piadine ma non lo sono! Simili a delle crepes ma più leggere. Sono delle “frittelline” salate preparate con una pastella di acqua e farina, senza uova. Esiste anche la versione con le uova ma mia nonna le preparava senza. Un tempo era considerato il pane dei poveri. Venivano serviti per merenda, per “ammazzare la fame“! Infatti, in dialetto, si chiamano anche “li mazzafame“. Oppure si portavano a tavola per cena, come accompagnamento ad altre preparazioni. Possiamo gustare gli scrippelletti al posto del pane. Oppure farcirli con salumi e formaggi vari. La mia nonna paterna quando preparava la frittata la tagliava a quadrotti e la serviva in mezzo agli scrippelletti caldi caldi. Diventavano così un pasto completo semplice e irresistibile! Bastano solo due ingredienti per realizzare gli scrippelletti. Se al posto del sale li condiamo con lo zucchero diventano delle golosissime frittelline dolci! La mia versione senza uova è perfetta anche in caso di intolleranze. Vediamo insieme come realizzarli con le foto passo passo.

Se ti piace scoprire piatti di altre tradizioni prova questi, tutti abruzzesi!
Pizza dolce teramana
Pizza di Pasqua con foto passo passo
Cacio fritto
Bocconotti
Mazzarelle teramane
Scrippelle abruzzesi
Soffioni dolci a base di ricotta
scrippelletti abruzzesi ricetta
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzionicirca 10-15
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gFarina 0 (oppure farina 00)
  • 400 gAcqua (circa il doppio del peso della farina)
  • q.b.Sale
  • q.b.olio di oliva (per ungere la padella)

Preparazione

  1. Premetto che, come tutte le ricette antiche, anche questa si basa sul famoso “q.b.”!

  2. Partendo dal fatto che la dose variabile è l’acqua possiamo tenere a mente che quest’ultima dovrebbe essere di circa il doppio il peso della farina.

  3. Es., 100 gr di farina e 200 gr di acqua, 300 gr farina 600 gr acqua e così via.

  4. Mescolando acqua e farina si dovrà ottenere una pastella MOLTO FLUIDA, quasi liquida.

  5. Solo così riuscirete a farla scorrere sulle pareti della padella per spanderla bene.

  6. Il peso dell’acqua varia in base alla farina usata.

  7. Chi vuole può preparare gli scrippelletti con farina 0 oppure 00 o addirittura integrale.

  8. In quest’ultimo caso il peso dell’acqua potrebbe aumentare ulteriormente.

  9. Basterà regolarsi ad occhio sapendo che si può sempre “aggiustare” la pastella in caso di errori!

  10. Infatti se è venuta troppo liquida bista aggiungere un cucchiaio di farina.

  11. Se è troppo densa versare un altro po’ di acqua.

  12. E’ più facile a farsi che a dirsi, fidatevi di me, non ve ne pentirete!

  13. Con 200 grammi di farina e 400 di acqua otterrete circa 10-15 scrippelletti.

  14. Anche in questo caso c’è una variabile sul numero di pezzi!

  15. Più la padella che usate è piccola più ne otterrete e viceversa.

  16. Passiamo ora alla preparazione dei nostri gustosissimi scrippelletti!

  17. Setacciare la farina all’interno di una ciotola per evitare i grumi.

  18. scrippelletti teramani

    Versare poco alla volta l’acqua all’interno e con una frusta a mano (o forchetta) mescolare bene.

  19. Cercate di evitare la formazione di grumi.

  20. Io preferisco salare gli scrippelltti una volta cotti quindi non aggiungo sale nella pastella.

  21. In questa maniera potrete trasformarli anche in un dolce spolverandoli di zucchero una volta pronti!

  22. scrippelletti teramani

    Aggiungere altra acqua, sempre poco alla volta, fino ad ottenere una pastella dalla consistenza molto fluida.

  23. Se per sbaglio la pastella è venuta troppo liquida aggiungere pochissima farina alla volta e mescolare fin quando non raggiunge la giusta consistenza.

  24. A questo punto passate a cuocere gli scrippelletti!

  25. scrippelletti teramani

    Prendere una padellina antiaderente, meglio ancora se è apposta per fare le crepes!

  26. Fare scaldare la padella a fuoco medio e poi versare sul fondo un filo d’olio d’oliva.

  27. Con un foglio di carta da cucina spanderlo su tutta la superficie eliminando l’eccesso.

  28. Non buttare il foglio di carta perchè servirà per cuocere tutte le crepes.

  29. Versare all’interno un mestolo di pastella. Roteare la padella per spandere l’impasto sul fondo.

  30. Il procedimento è proprio lo stesso per realizzare le crepes!

  31. scrippelletti senza uova

    Cuocere a fiamma medio-bassa per un paio di minuti su un lato.

  32. Poi con una paletta girare la frittellina sull’altro lato e proseguire la cottura.

  33. Girare di nuovo e cuocere fin quando entrambi i lati sono belli dorati.

  34. scrippelletti senza uova

    Una volta cotto mettere su una gratella per asciugarlo dall’umidità che rilascia.

  35. Proseguire alla stessa maniera fino a terminare la pastella.

  36. Ricordare di ungere ogni volta la padellina con olio d’oliva altrimenti la pastella si attacca sul fondo.

  37. scrippelletti senza uova

    Servite gli scrippelletti caldi con una spolverata di sale.

  38. Si possono farcire con salumi e formaggi.

  39. Portate l’Abruzzo in tavola con una ricetta così facile ed economica ma di grande gusto!

  40. Buon scrippelletti a tutti, alla prossima!

  41. Ricetta e Foto Gabry © – tutti i diritti riservati

Note

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Gabry

Il mio nome è Gabry (o meglio Gabriella!) e sono abruzzese doc!! Sono una ragazza semplice, con un grande cuore ♥ Non sono una cuoca di professione, piuttosto mi definisco una “pasticciona” ai fornelli! Però, tra esperimenti, successi e fallimenti, quando indosso il mio grembiule mi sento felice...