Pasta frolla al cacao trucchi e consigli per farla perfetta

Pasta frolla al cacao

La pasta frolla al cacao è una ricetta di base della pasticceria utilizzata per la preparazione di crostate, tartellette e biscotti. Realizzare un’ottima pasta frolla al cacao non è particolarmente complicato, ma bisogna comunque seguire dei piccoli accorgimenti per avere una pasta frolla perfetta, friabile e che non si sbricioli. Venite con me vi spiego tutti i trucchi che ho imparato nel corso degli anni. 😉

Pasta frolla al cacao
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: dai 10 a 25-30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: teglia 24
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 300 g Farina
  • 50 g Cacao amaro in polvere
  • 150 g Zucchero a velo
  • 3 Tuorli (di uova grandi)
  • 180 g Burro
  • 1 arancia biologica (o altro aroma a piacere, vaniglia -limone ecc.)
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. Come preparare la pasta frolla al cacao con impasto a mano

    Io preferisco preparare la frolla a mano ma si può utilizzare anche un mixer o una planetaria e dopo vi spiegherò come procedere.

    Setacciate la farina e il cacao su una spianatoia e fate la fontana, mettete al centro il burro freddo a pezzetti e mescolatelo alla farina, lavorando velocemente con la punta delle dita.
    Quando avrete ottenuto un composto sabbioso, rifate la fontana ed aggiungete i tuorli, lo zucchero, la scorza di arancia grattugiata e un pizzico di sale.

    Impastare fino ad ottenere una pasta omogenea, quindi formate un panetto e appiattitelo, in modo da renderlo più sottile, si raffredderà più velocemente ma avrete anche il vantaggio che andrete meglio a stenderla. Avvolgete la pasta frolla in una pellicola per alimenti e mettetela a riposare in frigo per 1-2 ore, ma se sta di più il risultato sarà migliore.

  2. Come preparare la pasta frolla al cacao con l’utilizzo di un mixer

    Se invece volete esser più rapidi nella preparazione della pasta frolla al cacao, utilizzate un mixer: versate nella ciotola del mixer il burro freddissimo sempre ridotto a pezzetti. Aggiungete poi la farina  e frullate fino ad ottenere un composto sabbioso. Aggiungete i tuorli, lo zucchero a velo, un pizzico di sale e il cacao setacciato. Aromatizzate la frolla con la scorza di arancia grattugiata o altro aroma di vostro gusto. Azionate il mixer e frullate il tutto fino a quando gli ingredienti si saranno uniti formando un panetto. Infarinatevi le mani, estraete la frolla e compattatela, quindi stesso discorso di prima, schiacciatela ed avvolgetela in un foglio di pellicola. Riponetela in frigorifero per almeno 1-2 ore.

  3. Come procedere alla stesura della pasta frolla in base agli usi e al dolce che vogliamo preparare

    Nel caso dovete rivestire una teglia per crostate, trascorso il tempo di riposo stendete l’impasto al cacao con il mattarello formando un cerchio. Per quanto riguarda lo spessore consiglio 4-5 millimetri, ma lo spessore dipende anche dalla farcitura che si sceglie, in ogni caso la frolla non va stesa mai troppo sottile. La pasta frolla si stende con il matterello su una spianatoia infarinata oppure posizionandola fra due fogli di carta forno, in questo caso, poi si può metterla direttamente nella teglia lasciando un foglio di carta sotto. Molto comodo e in questo caso si può fare a meno di ungere la teglia con burro. Si dispone la pasta nella teglia facendola aderire al fondo e ai bordi e si taglia via l’eccesso. I ritagli di pasta potranno essere utilizzati per le classiche “strisce” da disporre a griglia sulla crostata.

    Se invece volete preparare una crostata sbriciolata, in questo caso non è necessario stenderla ma basterà sbriciolare la pasta frolla. Per essere veloci potete utilizzare una grattugia a fori larghi, in questo caso vi consiglio di mettere prima la pasta frolla in congelatore e lasciarla indurire per almeno 10 minuti.

  4. Come procedere alla farcitura della pasta frolla

    La farcitura della base di pasta frolla, può avvenire secondo la ricetta, prima o dopo la cottura. In quest’ultimo caso si avrà la cosiddetta “cottura in bianco” ed è consigliabile punzecchiare la base con i rebbi di una forchetta, oppure coprire la frolla con un disco di carta forno su cui si verseranno dei pesi, che possono essere fagioli, ceci, o riso. Carta e fagioli andranno tolti a metà cottura e servono a impedire che la pasta si sollevi e formi delle bolle mentre cuoce. Questo problema, non si pone invece se la crostata viene cotta già completa del ripieno. E’ però sempre consigliabile bucherellare la pasta prima di coprirla con la farcia. In caso la farcia sia una crema, la sua umidità potrebbe impedire alla frolla di cuocere bene. Per ovviare a questo inconveniente basta “isolare” la pasta cospargendola con qualche biscotto sbriciolato che assorbirà l’eccesso di umidità della farcia.

  5. Come procedere alla cottura della pasta frolla

    La cottura della pasta frolla deve avvenire a temperatura media, tra i 170-180 gradi, per un tempo che varia a seconda dello spessore della pasta e del tipo di ripieno.

    Come avrete notato ho indicato i tempi di cottura tra i 10 e i 25-30 minuti, in casi rari anche di più. In caso di biscotti sono sufficienti 10-12 minuti, invece per una crostata il tempo sarà maggiore e varia, come dicevo prima, in base al tipo di ripieno. E’ chiaro che una crostata farcita con semplice marmellata cuocerà in minor tempo rispetto ad una che è farcita con creme o farce che si devono asciugare, un esempio potrebbe essere la classica pastiera di grano che per una cottura perfetta ha bisogno di circa 50-60 minuti.

    Per ora mi fermo qui, (forse mi sono dilungata troppo ma questa tiritera è dedicata a quelle persone che si approcciano per la prima volta alla preparazione della pasta frolla) e vi do appuntamento al prossimo articolo, tornate, vi farò vedere in che modo ho farcito la mia pasta frolla al cacao, vi anticipo soltanto che è una farcia super super deliziosa ! 😉

    Ciao a presto !

Note

Se vuoi seguirmi su Facebook ed essere così sempre aggiornato sulle nuove ricette metti “MI PIACE” alla mia pagina → QUI

Seguimi anche su → Twitter  su  → Google+  su Pinterest  e su → Instagram

Precedente Torrone dei morti - Profumo di glicine Successivo Bon bon alle clementine

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.