Totani in umido

totani in umido sono un classico della cucina tradizionale italiana, un piatto versatile che può essere un antipasto o un secondo, ma che avanzato può essere una base perfetta per un risotto di mare o per degli spaghetti. Questa ricetta si presta a varie interpretazioni, ma è un classico che non perde mai il suo fascino.

 

Seguimi anche su FACEBOOK 

totani in umido

 Totani in umido

 

Ingredienti 

1 kg di totani

1 spicchio d’aglio

1 bicchiere di vino bianco

200 g di pomodorini

½ cucchiaino di Peperoncino

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale e pepe q.b.

Origano q.b.

 

 

Procedimento 

Per preparare questi totani in umido come prima cosa pulite i totani. Lavateli bene sotto l’acqua corrente, asciugateli, tagliateli a rondelle e rosolateli in  olio per 3-4 minuti insieme con l’aglio e il peperoncino.

Sfumate con il vino a fuoco vivace ed aggiungete i pomodori tagliati in quattro o se sono piccolini a metà. Salare, pepare, coprire la casseruola ed abbassare la fiamma.

Cuocete per circa 5 minuti. Lasciate restringere il sugo e cospargere con l’origano.

 

 

TOTANO

Proprietà nutritive
Il totano è ricco di omega 3 e non contiene molti grassi, in media contiene 70 calorie ogni 100 grammi, tante proteine e sali minerali come sodio, fosforo, potassio, magnesio e vitamina A. Non bisogna esagerare perché mangiato in grandi quantità contiene anche una buona dose di colesterolo.

Ricette di cucina
Molto amato in cucina questo mollusco si presta a tantissime ricette, come sughi, zuppe, primi e secondi piatti. E’ ottimo fritto, alla griglia, in umido, ripieno, accompagnato da verdure quali piselli, patate e carote. I pescatori spesso lo preferiscono cotto nella sua stessa acqua con del vino rosso e del pomodoro fresco, accompagnato da aromi del posto.

Le ricette regionali sono tantissime e molto diverse e saporite: in Sicilia viene mangiato impanato e arrostito; in Campania in umido, imbottito e ripieno con il pane e aromi vari; in Liguria in “Zimino”con bieta e spinaci, oppure in tegame di coccio con le patate; in tutto il paese tagliato ad anelli infarinato e fritto come il calamaro.

Precedente Tonno in crosta di pistacchi Successivo Paccheri di Gragnano con porro e Castelmagno