Ravioli di patate e baccalà alla puttanesca

I ravioli di baccalà e patate con salsa alla puttanesca sono un ottimo primo piatto per un pranzo o una cena importante o per il menù di un giorno di festa. L’unione tra due preparazioni, il ripieno dei ravioli tipico della cucina romana, e la salsa alla puttanesca tipica di quella campana, rende il piatto molto gustoso, profumato e accattivante al palato.

Seguimi anche su FACEBOOK

ravioli-bacca1

Ravioli di patate e baccalà alla puttanesca

 

Ingredienti per la pasta fresca

300 g di farina 00

3 uova medie a temperature ambiente

2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Sale q.b.

 

Per il ripieno

400 g di baccalà ammollato

300 g di patate

1 ciuffetto di prezzemolo

2 foglie di alloro

1 spicchio di aglio

 

Per la salsa

2 manciate di olive verdi o nere

1 manciata di capperi sotto sale

6 filetti di alici sotto olio

150 g di pomodorini

100 ml di panna fresca

1 spicchio di aglio

Olio extravergine d’oliva q.b.

 

 

 

Procedimento

Iniziate preparando la pasta. Versare la farina su una spianatoia, formare con le mani una fossetta, rompere le uova e cospargere un pizzico di sale, l’acqua e l’olio. Impastare il tutto finché non si otterrà un composto liscio e morbido al tatto. Dovesse risultare secco, aggiungere ancora un pochino di acqua. Se invece dovesse risultare troppo appiccicoso, aggiungere della farina.

Una volta fatto l’impasto, avvolgerlo con pellicola, lasciarlo riposare e preparare il ripieno.
Fate cuocere insieme (in acqua non salata) le patate e il baccalà tagliati a tocchetti, in modo che la cottura sia più rapida. Aggiungete le foglie di alloro e lo spicchio d’aglio intero.
Cuocete il tutto portandolo ad ebollizione.

Una volta che le patate e il baccalà saranno cotti, scolateli e lasciateli raffreddare. Una volta freddi passateti al mixer insieme al prezzemolo tagliato finemente. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto cremoso.

Preparata la farcitura per i ravioli, stendere la pasta con l’utilizzo di una macchina per pasta fresca. La pasta dovrà essere abbastanza sottile per far esaltare il sapore del ripieno.

Formare sulle sfoglie tanti di ripieno (un cucchiaino), distanziandoli più o meno di 5 cm l’uno dall’altro.

Coprire con della pasta e ritagliare le forme necessarie.

Per essere sicuri che il raviolo non si apra, prima di incidere il taglio con il tagliapasta, bagnare con un pennellino la parte intorno al ripieno e una volta chiuso il raviolo, schiacciarlo con le dita lungo il bordo.

Disporre i ravioli su un vassoio cosparso di farina.

In una padella fate soffriggere l’aglio nell’olio, unite poi le acciughe fatele sciogliere. Aggiungete le olive e i capperi triturati nel mixer o battuti al coltello e fate insaporire.

Lavate i pomodorini, privateli dei semi e dell’acqua, quindi, tagliateli a pezzetti e aggiungeteli in padella al battuto di olive e capperi. Fate cuocere per 5 minuti, togliete lo spicchio di aglio, aggiungete la panna e fate ristringere appena.

Cuocete i ravioli in abbondante acqua salata e non appena vengono a galla terminate la cottura nella padella con la salsa, aggiungendo se necessario acqua di cottura.

 

Precedente La tavola di Natale. Come decorarla al meglio Successivo Panna cotta alla vaniglia con coulis di cachi