Polpo a la Gallega

Il POLPO ALLA GALLEGA tipico della Galizia, regione da cui prende il nome, si chiama anche polbo á feira (in Galizia si parla gallego, quindi lo chiamano polbo e non pulpo) perché viene preparato per i giorni di festa quale può essere il periodo della feira appunto. La feira (in spagnolo feria) è un periodo di 5 giorni circa in cui tutta la città si ferma e festeggia e corrisponde all’italica fiera. E’di semplice preparazione, ma richiede qualche accortezza affinché resti morbido.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

polpo a la gallega

 Polpo a la Gallega

Ingredienti 

1 kg di polipo

4 patate

2 foglie di alloro

1 bicchiere di aceto

Paprika dolce q.b.

Prezzemolo q.b.

Olio extravergine d’oliva

Sale q.b.

polpo a la gallega

Polpo a la Gallega

 

Procedimento 

Se il polpo è fresco, fatevelo pulire dal pescivendolo, al massimo dovrete eliminare il becco al centro dei tentacoli (spremetelo e uscirà) e gli occhi con un coltellino.

collage-polpo

In una grossa pentola mettete a bollire l’acqua con un bicchiere di aceto e due foglie di alloro, senza salare.

Ad ebollizione, prendete il polpo per il cappuccio e intingete un paio di volte le estremità dei tentacoli nell’acqua, in questo modo si arricceranno.

Immergete il polpo nell’acqua e fatelo cuocere per 45 minuti.

Terminata la cottura spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare senza toglierlo dall’acqua; in questo modo resterà tenero.

Una volta raffreddato, toglietelo dalla pentola e tagliatelo a pezzi.

Mentre il pesce cuoce, tagliate delle patate a fettine e fatele lessare in pentola.

Una volta cotte fatele raffreddare e disponetele sul fondo del piatto di portata. Adagiatevi sopra i pezzi polpo e condite con un olio, prezzemolo, sale e paprika dolce.

 

Precedente Dacquoise Successivo Crepes radicchio e speck