Crea sito

Pesto di fave

pesto di fave

Il Pesto di fave o Marò è una preparazione antichissima a base di fave fresche tipica del ponente ligure. La salsa, utilizzata per accompagnare carne e pesce, ha antiche origini marinare e la sua diffusione risale probabilmente all’epoca dei Saraceni. Il nome sembra derivare dalla parola araba mar-a che significa condimento, anche se un’etimologia più spontanea rimanderebbe al frequente utilizzo di questa salsa nella tradizione marinara diffusa nei suoi luoghi d’origine.

La ricetta tradizionale prevede l’utilizzo dell’aceto. In questa mia versione invece l’aceto non c’è ma per dargli un tocco di sapidità in più ho aggiunto il pecorino romano.

 

Seguimi anche sui social

FACEBOOK         INSTAGRAM         PINTEREST         TWITTER         YOUTUBE

pesto di favePesto di fave

 

Ingredienti

600 g di fave fresche

40 g di pecorino romano

Foglie di menta fresca q.b.

Olio extravergine d’oliva

½ spicchio di aglio

Sale fino

 

pesto di favePesto di fave

Procedimento

Per preparare il pesto di fave iniziate dalla pulizia di queste ultime.

Sgranatele, privatele del picciolo e sbollentatele in acqua bollente salata e un rametto di menta per 5 minuti.

Scolatele, fatele raffreddare e privatele della pellicina.

Ponetele in un mixer con l’aglio (privato dell’anima), il pecorino romano grattugiato e qualche altra fogliolina di menta. Tritatele finemente e aggiungete l’olio extravergine di oliva a filo fino ad ottenere una crema semiliquida.

Salate e se lo desiderate pepate.

Servite il pesto o la purea di fave come antipasto con crostini di pane o come salsa di accompagnamento per carne, pesce o come condimento della pasta.

NOTA: potete conservare il pesto di fave in barattoli di vetro a chiusura ermetica coprendo la superficie con l’olio extravergine d’oliva.