Crea sito

Le pere, zuccherose protettrici del colon

Print Friendly, PDF & Email

pereSono dolcissime, ricche di acqua e hanno quel colore verde-rosato che invita a mangiarle. Sono ottime per accompagnare i formaggi, ma anche per realizzare deliziosi dolci, come la torta ricotta e pera. Sì, parliamo proprio di loro: le pere. Esistono in natura più di 4000 varietà al mondo e sono frutti ricchissimi di proteine, fibre, zuccheri, acqua e polifenoli.

Proprietà curative delle pere

Proprio perché ricche di polifenoli, le pere aiutano a combattere l’azione dei radicali liberi. Sono un alleato contro le malattie del cuore e abbassano la pressione sanguigna. Riescono a saziare lo stomaco, ripulendo allo stesso tempo le scorie dell’intestino. Infatti, mangiare pere contribuisce a combattere la stitichezza e a pulire i reni, questo perché la buccia contiene fibre, tra esse la pectina.

La febbre si combatte a morsi di pere

La pera è il frutto da preferirsi negli stati febbrili, in quanto ricca di fruttosio e glucosio, quindi fornisce una bella carica di energia per riprendersi dall’abbattimento in cui si cade durante l’influenza. Da non sottovalutare anche la capacità di questo frutto a garantire un buono stato di salute dei denti, questo grazie al sorbitolo, una sostanza importante nel processo digestivo.

Come riconoscere delle buone pere?

Quando si va al supermercato o dal fruttivendolo è necessario osservare bene la buccia di questi frutti: se sono sode, senza difetti e dolcemente odorose, allora potete acquistarle e consumarle in giornata. Se vi rifilano quelle acerbe, niente paura! Potete conservarle in un sacchettino di carta marrone per alimenti e lasciarle maturare le pere  a temperatura ambiente per un massimo di tre giorni.

LEGGI ANCHE

I FICHI, QUALI BENEFICI?

LA ZUCCA FA BENE PERCHE’…

AGLIO TUTTA LA VITA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.