Orecchiette di grano arso con ceci, gamberi e peperoni cruschi

La ricetta di oggi racchiude in se molti sapori e profumi, della mia regione…la Puglia! Sapore di mare come i gamberi rossi di Gallipoli e i ceci bianchi dell’alta Murgia. Ma a rendere questa ricetta ancora più gustosa ci sono i meravigliosi peperoni cruschi tipici di un’altra splendida regione la Basilicata. Orecchiette di grano arso con ceci, gamberi e peperoni cruschi.

Se avete intenzione di visitare Matera o qualche altro paesino Lucano fatevi pure una bella scorta di peperoni cruschi (peproni dolci esseccati al sole e poi fritti) altrimenti potete acquistarli online da Putej -la bottega del gusto- qui troverete molti altri prodotti di eccellenza, come i peproni dolci essicati che potete utlizzare in sostituzione ai peperoni cruschi in questa ricetta.

016

Orecchiette di grano arso con ceci, gamberi e peperoni cruschi

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di orecchiette di grano arso
  • 500 g di gamberi rossi di Gallipoli
  • 200 g di ceci lessi
  • 5 o 6 peperoni cruschi o peproni dolci essicati
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.
  • un mazzettino di prezzemolo fresco

Preparazione

Sgusciate i gamberetti e metteteli a cuocere in una padella con uno spicchio di aglio e dell’olio extravergine d’oliva. A metà cottura aggiungete i ceci (che avrete precedentemente lessato semplicemente con sale e foglie d’alloro) il sale e terminate la cottura.

Cuocete quindi le orecchiette di grano arso in abbondante acqua leggermente salata e poi scolatele al dente (lasciate da parte un pò di acqua di cottura della pasta).

Aggiungete alle orecchiette i ceci e i gamberi, un mestolo di acqua di cottura della pasta e saltate il tutto in padella per qualche minuto. Unite quindi i peperoni cruschi, il prezzemolo, il pepe e un giro generoso di olio extravergine d’oliva.

012

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Sbrisolona con ricotta e fragole Successivo Cheesecake leggera in barattolo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.