baci di mandorla con confettura di pesche e fiori di lavanda

baci di mandorla con confettura di pesche e fiori di lavanda, dolcetti light, a basso indice glicemico, una coccola veloce da preparare, velocissima da far sparire, solo mandorle, miele, un goccio d’olio e uno di farina….in mezzo una fresca confettura di pesche e fiori di lavanda e per completare la golosità di questi pasticcini non poteva mancare un velo di cioccolato….dose per 24 baci

baci di mandorla e confettura peschegr 200 farina di mandorle dolci
gr 70 miele di ailanto
gr 70 siero di kefir da latte o acqua e limone
2 cucchiai di farina integrale
2 cucchiai di olio di semi
scorza grattugiata di 1 limone
marmellata qb
gr 100 cioccolato fondente o al latte

– mescolare la farina di mandorle dolci con i due cucchiai di farina integrale
– aggiungere la scorza di limone grattugiata, il miele e l’olio di semi, impastare e mettere nello stampo a quadrotti di silicone o in uno stampo unico, in questo caso taglierete i quadrotti una volta cotti
– cuocere in forno caldo a 180° 20′
– sfornare e far raffreddare, su metà di loro spalmare la marmellata ed accoppiare con i restanti
– fondere a bagno maria la cioccolata e versarne un poco sul fondo dello stampo a quadrotti, ettere subito dentro i baci accoppiati e mmettere a raffreddare una decina di inuti in frizer o nel frigorifero una mezzoretta, estrarre delicataente dagli stampi

pan brioche integrale senza impasto

pan brioche integrale senza impasto, morbidissimo e di facile realizzazione, basta mescolare gli ingredienti e aspettare che lieviti, in frigorifero, qualche giorno, dopodichè un paio di giri, e la cottura nel forno….e che profumo! la ricetta l’ho presa qui , ho apportato alcune modifiche, ho usato la farina manitoba integrale che cercavo da tempo, il risultato è soddisfacentissimo

pannbrioche1

gr 500 farina manitoba integrale
ml 100 olio di semi
ml 100 miele di ciliegio
2 uova medie
1 bustina lievito di birra disidratato
ml 150 siero di kefir da latte o acqua
scorza grattugiata limone o arancia

– in un recipiente battere leggermente le uova, aggiungere l’olio di semi, il miele e il siero di kefir da latte o acqua
-aggiungere la farina manitoba integrale e il lievito di birra disidratato, la scorza grattugiata del limone e arancia e lavorare con una forchetta, l’impasto risulterà molliccio, coprire e lasciare lievitare qualche ora a temperatura ambiente, poi trasferire in frigorifero per almeno un paio di giorni, la ricetta originale dice fino a 5, io l’ho lasciato 3 giorni
– estrarre il contenitore dal frigorifero e lasciarlo riposare per una mezz’ora, dividere l’impasto in due parti,appiattire leggermente, arrotolare e formare due salsicciotti, mettere in 2 stampi da plumcake, io di silicone, ungere la superficie, coprire con una pellicola e lasciare lievitare 2 o 3 ore nel forno spento con la luce accesa, spennellare con latte o tuorlo d’uovo e cuocere in forno caldo 180° 30′, io ho infornato dopo 5′ dall’accensione del forno e fatto cuocere per 20′

gnocchi di farro e ricotta con ortiche saltati in olio e aromi

gnocchi di farro e ricotta con ortiche saltati in olio e aromi, morbidi e profumati, con le erbe fresche tella terrazza.
Questi gnocchi di farro e ricotta alle ortiche sono un primo piatto leggero ma di gran carattere, a basso indice glicemico adatto a queste prime giornate di primavera

gnocchi di ortichegr 150 farina di farro integrale
gr 250 ricotta
1 manciata di ortiche
gr 50 parmigiano grattugiato +1 cucchiaio
1 uovo + 1 tuorlo
salvia, maggiorana, timo, origano, rosmarino freschi
olio evo
sale

– mettere in una padella antiaderente le ortiche pulite, farle seccare a fuoco basso senza farle bruciare, polverizzarle e mescolarle con la farina di farro integrale
– lavorare la ricotta con l’uovo e il tuorlo, aggiungere la farine alle ortiche e il parmigiano grattugiato, salare, ed impastare
– ungere le mani con olio e formare velocemente degli gnocchi di farro e ricotta con ortiche, l’impasto sarà molto appicicoso, non aggiungere altra farina
– lessare in acqua salata
– scaldare un paio di cucchiai di olio evo in una padella grande antiaderente, unire gli aromi tritati e gli gnocchi venuti a galla e scolati
– cuocere qualche minuto, spolverare con il parmigiano restante
– servire gli gnocchi di farro e ricotta con ortiche aggiungendo giro di olio evo a crudo

torta integrale soffice alle zucchine

torta integrale soffice alle zucchine, una ciambella dalla consistenza particolare, quasi una frittata soffiata, pronta per la gita fuori porta del 1° maggio, a fette insieme ad un’insalata è un buon secondo, quasi un piatto unico,da servire sia calda che fredda, adatta anche per un buffet, si può preparare prima e surgelare, da cuocere sia nel fornetto versilia che nel forno modalià statica a 180° per 45′

torta zucchine versiglia

gr 150 farina integrale
6 uova
gr 100 zucchine
una decina di fiori di zucchina
1 bustina lievito istantaneo per salati
1 cucchiaio di aromi freschi tritati
1 cucchiaino di curcuma, o zafferano
1 cucchiaino abb di sale
gr 50 parmigiano grattugiato

– battere i tuorli col sale, aggiungere  il lievito setacciato,
la farina, il parmigiano grattugiato, le zucchine grattugiate e le erbe fresche tritate
– montare a neve fermissima gli albumi e mescolare al composto precedente con movimenti delicati dall’alto al basso
– versare nel fornetto versilia imburrato ed infarinato
– decorare con i fiori di zucchina puliti e cuocere i primi 5′ a fuoco alto, poi 40′  fuoco basso, controllare la cottura inserendo uno stecchino da spiedino nel foro del coperchio, senza aprire

pizza di riso allo zafferano

pizza di riso allo zafferano, non la solita pizza, facile, veloce, originale, piatto unico, primo piatto, si può comodamente preparare prima, utilizzando del risotto avanzato, oppure surgelare, la pizza di riso è un’idea presa qui

pizza di riso giallogr 500 di riso già cotto
oppure gr 350 di riso crudo
1 bustina di zafferano
2 cucchiai parmigiano grattugiato
1 noce di burro
salsa di pomodoro
1 mozzarella
olio evo, sale, origano

– se non avete già del riso avanzato lessare il riso in acqua calda salata e condire con lo zafferano sciolto in un cucchiaio di acqua di cottura, mantecare con una noce di burro e qualche cucchiaio di parmigiano grattugiato
– stendere il riso sul fondo di una teglia da cm24 rivestita di carta da forno
– appiattire e condire con il pomodoro e la mozzarella come fosse una pizza tradizionale, un pizzico di sale, origano e un giro d’olio evo
– cuocere la pizza di riso in forno caldo a 180° per 15/20 ‘ fino a doratura

polpettone di prebuggiun, erbe spontanee

il prebuggiun è  un mix di erbe liguri; cicerbita (Sonchus oleraceus), grattalingua (Reichardia picroides), raperonzolo (Campanula rapunculus), radicchio selvatico (Cichorium intybus), tarassaco (Taraxacum officinale), pimpinella (Sanguisorba minor), borragine (Borrago officinalis), bietola di prato (Beta vulgaris), prezzemolo (Petroselinum crispum), ortica (Urtica dioica), papavero (Papaver rhoeas) e pissarella…Quando i crociati di Goffredo di Buglione si fermarono a Genova in attesa che giungessero altri condottieri provenienti dall’Europa per imbarcarsi verso la Palestina, erano circa ventimila e il cibo scarseggiava. Chiesero quindi agli abitanti della Val Bisagno (da qui besagnini = venditori di frutta e verdura) qualcosa da mangiare “per Buggiun” (per i soldat i di Buglione). I genovesi diedero loro quello che avevano a disposizione: patate, bietole, cavoli e raccolsero varie erbe nei prati. Da qui ne deriva il nome prebugion (per Boglione), che consiste, infatti, in un insieme di queste erbe selvatiche, ed oggi ho preparato questo polpettone

polpettone pre

gr 300 prebuggiun
gr 150 ricotta
1 patata bollita
gr 20 funghi secchi
3 spicchi di aglio
2 cucchiai di maggiorana e origano tritati
4 cucchiai di parigiano grattugiato
3 uova
1 cucchiaino di sale fino
pan grattato

– mettere il prebuggiun in una larga padella con l’aglio e il trito di aromi, coprire col coperchio e far appassire per una decina di minuti, levare 2 spicchi di aglio, aggiungere 1 cucchiaio di olio evo e mettere nel boccale del frullatore
– frullare e successivamente aggiungere la ricotta, i funghi secchi rinvenuti nell’acqua e strizzzati, la patata bollita schiacciata, il parmigiano grattugiato e le uova, frullare ancora qualche minuto per amalgamare
– oliare il fondo di una teglia, cospargere con il pan grattato, versare la crema, livellare e ricoprire con altro pan grattato, una spolverata di aromi tritati e cuoce in forno caldo a 180° per circa 20′ a seconda dello spessore

ricotta zenzero e limone al forno, ricetta light

ricotta zenzero e limone al forno, ricetta light, un dessert delicato, profumato, servito con miele e frutti di bosco, questa ricotta zenzero e limone al forno è un dolce leggero a basso indice glicemico e a basso contenuto di grassi, ottimo per chi sta seguendo un regime alimentare controllato e non vuole rinunciare al dolce, è inoltre adatto alla merenda dei bambini, alla colazione estiva e a una festa in terrazza, la ricetta originale la trovi qui

torta ricotta dolce

gr 500 ricotta asciutta
gr 120 miele di ciliegio
1 uovo+1 tuorlo
1 limone non trattato
1 cucchiaino abbondante zenzero fresco tritato, o polvere
limoncello
frutti di bosco

– lavorare le uova con la ricotta e il miele di ciliegio, aggiungere il succo e la scorza grattugiata di 1 limone e lo zenzero
– lavorare a crema e versare in uno stampo da 20 cm, io di silicone
– cuocere in forno caldo a 180° per 1 ora, coprendo con carta stagnola quando inizia ad imbrunirsi
– lasciar raffreddare e poi trasferirlo nel frigoriferoper qualche ora
– spennellare con del miele, decorare con i frutti di bosco e servire con una spruzzata di limoncello

torta salata di ricotta e porri

torta salata di ricotta e porri, una torta morbida e saporita, leggera,da servire sia calda che fredda, accopagnata da una fresca insalata, tagliata a fette e servita come antipasto o torta per un buffet, veloce da preparare, la ricetta originale la trovi qui

torta di ricotta e porrigr 300 ricotta
1 porro grande
2 uova grandi
gr 60 pecorino grattugiato
gr 50 pane grattugiato
salvia, timo, maggiorana freschi
noce moscata mezzo cucchiaino
sale, olio evo

– pulire il porro ed eliminare le prime foglie verdi dure, affettarlo sottile e cuocerlo 5/10′ in padella antiaderente con un filo d’olio evo e se occorre un pochino di acqua, salare e far raffreddare
– lavorare la ricotta con le uova, il pecorino grattugiato, aggiungere un trito di salvia, timo e maggiorana freschi, una generosa manciata, salare, aggiungere la noce moscata e il porro cotto e raffreddato
– ungere e rivestire di pane grattugiato, tenerle da parte un bel cucchiaio, uno stampo da plumcake di silicone, versare la crema di porri, livellare e ricoprire con il restante pane grattugiato, una spolverata di pecorino e cuocere in forno caldo a 180° circa 30′, spegnere il forno e far riposare la torta 10′ con lo sportello aperto

sformato di ortiche

sformato di ortiche, torta morbida, otttima da gustare sia calda che fredda, da proporre come antipasto o ricco secondo, e posata su una base di riso diventa un ottimo piatto unico!

sformato ortiche

gr 180 ortiche scottate
gr 250 ricotta
6 uova
2 cucchiai di trito di aromi freschi (salvia, maggiorana, timo, rosmarino)
1 cucchiaino di curcuma, 1 di zenzero
1 spicchio di aglio, 1 cipollotto
3 cucchiai di pecorino grattugiato
– pulire le ortiche e metterle in una capiente padella antiaderente con l’aglio e il cipollotto tritato, coprire e far appassire per 5′, frullare grossolanamente
– aggiungere le uova leggermente sbattute, la ricotta, il trito di aromi freschi e le spezie, amalgamare con cura
– versare in uno stampo a ciambella, io di silicone, cuocere in forno ventilato caldo a 180° per 25′ circa

crostata di patate agli aromi, ricotta e prosciutto cotto, in griglia di zucchine

crostata di patate agli aromi, ricotta e prosciutto cotto, in griglia di zucchine, non la solita crostata, ma una base morbida e croccante con l’impasto di patate e aromi freschi della terrazza, farcita con ricotta, oppure robiola, o un formaggio filante, con prosciutto, oppure salmone…patè di olive, funghi, date sfogo alla vostra fantasia culinaria, la base è davvero versatile, ottimo piatto unico, da servire sia caldo che freddo, adatto ad un buffet, la ricetta originale è qui

crostata ricotta prosciuttocrostata patate fetta

1 kg patate da gnocchi
gr 100 farina
2 uova
gr 100 pecorino grattugiato + 1 cucchiaio
1 cucchiaino abbondante sale fino
4 cucchiai di aromi fresci tritati, salvia, maggiorana, timo, rosmarino
gr 50 olio evo + 2 cucchiai
gr 200 ricotta
gr 30 siero di kefir da latte, o latte
3 fette grandi di prosciutto cotto
1 zuccchina chiara
santoreggia
pan grattato

– bollire le patate con la buccia, sbucciarle e passarle nello schiacciapatate
– mescolarle con la farina, le uova, l’olio evo, il sale, il pecorino grattugiato e gli aromi tritati
– ungere una teglia per crostate da frutta, quella con la scanalatura, rivesirla di pan grattato e versare la crema di patate, lviellare e cuocere in forno caldo ventilato per 20′ a 180°
– sfornare su un foglio di carta forno con la parte concava rivolta in alto
– lavorare la ricotta con il siero di kefir da latte o con il latte, regolarsi con la quantità di siero a seconda della consistenza della ricotta, la mia era molto asciutta. aggiungere la noce moscata
– affettare sottile la zucchina, se avete tempo grigliare le fette, altrimenti usarle crude
– spalamare la ricotta dentro al guscio di patate, ricoprire con il prosciutto cotto e sopra formare una griglia con le fettine di zucchina, una spolverata di santoreggia, di sale, di pecorino grattugiato e un giro di olio evo
– rimettere in forno caldo a 180° per 15′, coperto da alluminio, e 10′ a 150° , se avete grigliato le zucchine cuocere solo 15′
– lasciare riposare per 15′ nel forno spento.