About cuochina pat

moglie, mamma, tecnico rx e contraltoin Ars Antiqua, cucino per golosaggine

spaghetti integrali con sugo rosso di tonno fresco,ricetta light

gli spaghetti integrali con sugo rosso di tonno fresco, ricetta light sono un piatto unico, completo, colorato e gustoso e a basso indice glicemico, gli spaghetti integrali sono conditi con un sugo di tonno preparato velocemente, mentre cuocciono gli spaghetti, il tonno è insaporito da un fondo preparato con le acciughe e i capperi, la ricetta degli  spaghetti integrali con sugo rosso di tonno fresco,ricetta light è per due porzioni abbondanti

spaghetti-integrali-con-sugo-rosso-di-tonno-frescogr 200 spaghetti integrali
2 acciughe sotto sale o sott’olio
3 capperi sotto sale1 spicchio d’aglio
1 trancio di tonno fresco
1 cucchiaio colmo di erbe aromatiche fresche tritate
mezzo bicchiere di passata di pomodoro

– pulire le acciughe, se sono sotto sale risciacquarle e sono sott’olio sgocciolarle,dopodichè metterle in una padella antiaderente insieme ai capperi risciacquati e allo spicchio d’aglio, aggiungere un cucchiaino di acqua bollente, far andare sul fuoco moderato
– quando le acciughe sisaranno sciolte aggiungere il tonno tagliato a cubotti e le erbe aromatiche tritate
– dopo un pochino aggiungere la passata di pomodoro e gli spaghetti scolati, lessati molto al dente

Orate al limone con aromi e pomodorini, ricetta light

Orate al limone con aromi e pomodorini, ricetta light, è un secondo piatto colorato, gustoso e leggero! le orate sono cotte sulle foglie di limone, senza l ‘aggiunta di grassi, aromatizzate da un trito di erbe aromatiche e da rondelle di limone, le foglie sono del mio albero e anche le erbe aromatiche vengono dalla mia terrazza

orate-al-limone2 orate medie
Foglie di limone del proprio albero non trattate tante quanto la grandezza dei due pesci
1 limone non trattato
2 cucchiai di aromi freschi tritati: maggiorana, timo, timo limone, salvia, menta, rosmarino, basilico
Sale rosa 1 pizzico
6 pomodorini
Olio extra vergine

– pulire e sciacquare le orate
– tritare le erbe aromatiche
– pulire le foglie di limone e affettare il limone ricavando 6 fettine
– sul fondo di una padella antiaderente posare le foglie di limone, sopra di esse adagiare i due pesci, riempire la pancia con metà erbe aromatiche e l altra metà cospargetela sui pesci
– su ogni pesce mettete 3 fettine di limone
– pulire e tagliare i pomodorini e aggiungerli in padella conun pizzico di sale rosa, coprire con un coperchio e cuocere a fuoco medio basso per circa 15 minuti
-pulire il pesce, condirlo con un filo di olio extravergine e servirlo con le fette di limone e i pomodorini

Torta integrale alle noci e fiocchi di avena, senza burro

Torta integrale alle noci e fiocchi di avena, senza burro, una torta light, a basso indice glicemico, una torta adatta alla colazione e alla merenda, ricca di fibre e povera di grassi; il kefir da latte la rende molto soffice e le spezie le donano un aroma particolare! Questa torta integrale alle noci e fiocchi di avena, senza burro è una variante della buonissima torta light di nocciole di Sergio Maria Teutonico, la ricetta la trovi qui

torta-integrale-alle-noci
gr 160 farina integrale rimacinata a pietra
gr 40 crusca di avena
gr 50 fiocchi di avena
gr 60 olio extravergine di oliva leggero
gr 80 zucchero di canna
gr 150 kefir da latte o yogurt naturale
gr 60 acqua tiepida
1 manciata di noci tritate
grossolanamente
1 bustina di lievito
1 cucchiaino di zenzero e 1 di  cannella in polvere
1 uovo grande
– montare l’uovo con lo zucchero e poco per volta a filo aggiungere l’acqua tiepida e successivamente l’olio allo stesso modo
– continuare a montare per una decina di minuti
– aggiungere il kefir da latte e la farina, lo zenzero, la cannella,  il lievito setacciato e le noci tritate grossolanamente
– versare in una teglia rotonda da cm 20, la mia di silicone, e cuocere in forno caldo a 180° per 30′ se usate una teglia di alluminio aumentare il tempo di 5, 10 ‘ controllare la cottura con uno stecchino che dopo aver puntolatorta  nedeve uscire asciutto

Tronchetto al salmone

Tronchetto al salmone, un tronchetto salato da servire come antipasto elegante, o come secondo sfizioso, è preparato con una pasta biscotto alle erbe aromatiche e farcito con una crema di formaggio e salmone affumicato, la  pasta biscotto è leggerissima e insieme alla crema di formaggio e al salmone si scioglie in bocca! Ho servito questo tronchetto al salmone a Natale e lo preparerò anche per il cenone di fine anno. Con queste dosi ci mangiano una decina abbondante di persone. La ricetta della pasta biscottol’ho presa da un blog di GZ ma non ne ricordo il nome, io ho aggiunto le erbe aromatiche che ne migliorano sia l’aspetto visivo che il gusto!

tronchetto-al-salmonePasta biscotto salata:
6 uova grandi
100 farina tipo1
2 cucchiaini di aromi in polvere o tritati fini (rosmarino, salvia, maggiorana, timo)
1 cucchiaino raso di sale fino
Farcia:
gr 250 salmone affumicato
gr 200 panna al salmone
gr 300 robiola
aneto

– in una planetaria montare le uova (tenute a temperatura ambiente) con il sale, aggiungere  1 cucchiaino di acqua calda e sempre montando aggiungere le erbe aromatiche, montare per una decina di minuti fino ad ottenere una crema molto gonfia
– spegnere e setacciare la farina  nel boccale ed amalgamare delicatamente con movimenti dall’alto verso il basso
– cuocere nella leccarda da 35×43  rivestita di carta da forno a 180°per circa 10 ‘- coprire con un teli umido e arrotolare
– mescolare la panna al salmone con metà robiola, srotolare con delicatezza la pasta biscotto e spalmare con la crema, ricoprire con il salmone e arrotolare
– tagliare per sbieco due larghe fette, una posizionarla di lato e l’altra sopra al rotolo
– con la rimanente crema di formaggio ricoprire il rotolo e spolverare con l’aneto- mettere a raffreddare in frigorifero fino a poco prima di servirlo

pannocciolato genovese, nocciole e cioccolato

pannocciolato genovese, nocciole e cioccolato, per chi non ama i canditi e non vuole rinunciare al pandolce basso genovese! fragrante, ricco di nocciole intere tostate e saporito da una spruzzata di marsala e da tozzetti di cioccolato fondente, di ottima qualità, non dalle solite anonime gocce di cioccolato. Questo pannocciolato genovese, nocciole e cioccolato, si conserva parecchi giorni in una scatola di latta. La ricetta l’ho trovata in cookaround, io ho usato lo zucchero muscovado e il cioccolato fondente al 74%

pannocciolatogr 500 farina per dolci
gr 200 zucchero muscobado
gr 80 zucchero di canna
gr 150 burro
gr 150 nocciole tostate
gr 100 cioccolato fondente 74%
1 uovo grande
10 cucchiai di acqua fredda
2 cucchiai di marsala
1 bustina di lievito vanigliato

-mescolare la farina per dolci con i due zuccheri
– aggiungere l’uovo grande, il burro tagliato a pezzetti, l’acqua e il marsala
– aggiungere il lievito setacciato ed impastare col gancio ad uncino
– quando la pasta avrà inglobato bene il burro aggiungere le nocciole tostate e il cioccolato tagliato a pezzetti
– impastare velocemente, formare una palla ,inciderla a croce e cuocere in forno caldo a 180° per 45′, io ho diviso l’impasto in due parti ottenendo 2 pannocciolati da 700 gr

torta light di nocciole

torta light di nocciole, o torta di nocciole a prova di dieta, ideata dal team di vaffanciccia.com, una pagina interessantissima di consigli per uno stile di vita sano, in questo sito si trovano ricette golosissime e coloratissime e sanissime, a basso indice glicemico e a basso tenore lipidico, ideate dallo chef Sergiomaria Teutonico e dai suoi discepoli. Lo chef consiglia di mangiarne una fetta di 60 gr, sembrano pochi, ma vi assicuro che non è così, la torta light di nocciole è una torta leggera, gustosa e a basso indice glicemico, adatta alla prima colazione e ad una sana merenda, per adulti e bambini, per abituarli ad una sana ma non triste alimentazione, la ricetta originale la trovi qui

torta light di nocciolegr 250 farina integrale
gr 80 olio semi arachidigr 150 kefir da latte o yogurt naturale intero
gr 80 zucchero di canna
1 uovo grande a temperatura ambiente
gr 70 granella di nocciole
gr 60 acqua tiepida
cannella e zenzero in polvere, 1 cucchiaino x
1 bustina di lievito per dolci

-montare l’uovo con lo zucchero di canna e un cucchiao di acqua tiepida sottratta dai 60 gr
– a filo, sempre mescolando, aggiungere l’olio e dopo il kefir a temperatura ambiente
– mescolare la farina e il lievito, e setacciarle direttamente nello sbattitorre
– aggiungere la restante acqua tiepida, la granella di nocciole e le spezie
– versare in uno stampo da ciambella di silicone da cm 22 e cuocere in forno caldo a 180° per 25/30′ estrarre dal forno dopo la prova stecchino: pungere la torta con lo stecchino che ne dovrà venir fuori asciutto, in caso contrario prosegiure la cottura per qualche minuto ancora

biscotti integrali speziati, con olio e miele

biscotti integrali speziati, con olio e miele, e farina di avena, ricchi di fibre, poveri di grassi e a basso indice glicemico, non sono dolcissimi, ma lo zenzero e la cannella suppliscono al basso contenuto di zuccheri.Questi biscotti integrali speziati, con olio e miele sono adatti alla prima colazione, spalmati con un velo di marmellata di arance, ottimi da accompagnare il tè della merenda

biscotti integrali avenagr 150 farina di avena
gr 160 farina integrale
gr 100 miele 1000 fiori
gr 60 olio extravergine di oliva leggero
1 uovo + 1 tuorlo
1 cucchiaino di cannella 1 di zenzero
1/2 cucchiaino scarso di lievito vanigliato

-mescolare le due farine e il lievito vanigliato
– aggiungere il miele 1000 fiori e l’olio extravergine di oliva leggero, altrimenti usare l’olio di semi
– aggiungere la cannella e lo zenzero
– impastare su una spianatoia infarinata, se risultasse troppo appicicosa aggiungere un poco di farina integrale
– stendere la frolla alta mezzo cm e e ritagliare i biscotti col tagliapasta preferito
– mettere i biscotti integrali speziati, con olio e miele su una placca rivestita di carta da forno e cuocere  in forno ventilato a 200° per 10′ fino a doratura

torta dolce di carote, con mandorle e noci

torta dolce di carote, con mandorle e noci, è la sorella della torta di zucchine e nocciole, la ricetta latrovi quii torte dolci, morbidissime, adatte sia alla prima colazione che alla merenda, non hanno burro ma olio, quindi molto leggere e ricche di fibra grazie alla farina tipo1, la ricetta è di adryincucina e la trovi qui

torta di carotegr 300 farina tipo1
gr 160 zucchero di canna+1cucchiaio perfrullare la mandorle e noci
gr 300 carote pulite
3 uova
gr 50 mandorle
gr 50 noci
gr 20 arselline, mandorle amare
gr 120 olio di semi
1 bustina di lievito
scorza grattugiata di limone

-grattugiare fini le carote e lasciarle scolare per 1 ora
– montare le uova con lo zucchero di canna
– tritare con 1 cucchiao di zucchero le madorle, le noci e le arselline, unire al composto di uova e zucchero
– aggiungere la farina tipo1, l’olio di semi, il lievirto, la scorza grattugiata del limone ed in fine, mescolare le carote
– versare in una teglia da cm 24 e cuocere in forno caldo 180° per 40/45′

pie integrale all’olio con mele e amaretti

pie integrale all’olio con mele e amaretti , una torta di mele a basso indice glicemico, profumata e fragrante , buona a colazione, super a merenda

pie mele integralegr 300 farina integrale
gr 100 olio evo
gr 150 miele millefiori
1 uovo
3 mele renette
limoncello
una manciata di amaretti secchi
cannella e zenzero
1 cucchiaino di lievito

-mescolare la farina con il lievito
– aggiungere il miele millefiori, l’olio evo e l’uovo
– impastare e ammorbidire con un poco di limoncello
– impastare con le mani unte di olio, coprire e mettere in frigorifero per almeno 30′
– affettare sottili le mele renette, con una mandolina, mescolarle con la cannella, lo zenzero, metà amaretti sbriciolati e un poco di limoncello
– con 3/4 della pasta frolla rivestire una tortiera da cm 24, ricoprire  con la metà restante di amaretti sbriciolati, riempire con le mele e ricoprire con la restante pasta
– cucoere la pie integrale all’olio con mele e amaretti in forno caldo a 180° per circa 40′, fino a doratura

 

pizza a lievitazione con kefir da latte

pizza a lievitazione con kefir da latte, lunga lievitazione, soffice, leggera e molto digeribile

pizza kefirgr 800 farina manitoba
gr 300 kefir da latte
gr 100 circa siero di kefir da latte
2 cucchiaini di sale fino
1 cucchiaino di zucchero
ml 500 conserva di pomodoro
2 mozzarelle
origano

– ore 9 del mattino: impastare gr 150 di farina, 1 cucchiaino di zucchero e il kefir da latte, coprire e mettere al caldo tutta la notte
– ore 9 del mattino seguente aggiungere la restante farina, 1 cucchiaino di sale, 2 cucchiai di olio evo e il siero di kefir, poco per volta, fino ad ottenere un impasto morbido, potrebbe occorrerne di più o di meno
– lavorare l’impasto per almeno 10′ e poi arrotolare e piegare la pasta più volte, formare una palla, oliarla e metterla a lievitare nel forno spento con la luce accesa per 4 – 5 ore
– riprendere l’impasto e lavorarlo velocemente, fare qualche piega e dividere in due
– oliare il fondo di due teglie rettangolari grandi cm 30×40 o se preferite  piccole e rotonde, stendere la pasta con le mani, dal centro verso i bordi, oliare e coprire con la pellicola, rimettere inforno spento con la luce accesa ancora 4 – 5 ore, condire con la conserva di pomodoro, la mozzarella, sale, origano e un giro di olio evo
– cuocere in forno caldo a 200° per circa 15′ fino a doratura