Crea sito

Arepas (Venezuela)

Dopo la proclamazione dell’indipendenza e per buona parte dell’Ottocento e della prima metà del Novecento, a causa dell’instabilità interna e di una serie di lotte civili e dittaure che seguirono, il Venezuela non riuscì ad avere uno sviluppo economico soddisfacente, fino all’immigrazione europea degli anni quaranta e allo sfruttamento del petrolio che portarono innovazione e sviluppo. Fu Marcos Pérez Jiménez, appartenente alla giunta militare ascesa al potere nel 1948, dopo aver riunito su di sé tutti i poteri, divenendo dittatore del Venezuela a favorire proprio l’immigrazione.

Sul finire degli anni cinquanta, all’indomani della caduta del dittatore Marcos Pérez Jiménez (1958) si impose nel paese un sistema di governo democratico giunto fino ad oggi. Nel 2002 è stato ordito un colpo di Stato contro Hugo Chávez, reo di aver ripetutamente ed insistentemente violato il dettato costituzionale, da parte di settori dell’imprenditoria, che però fallì. Chávez è morto di cancro nel marzo del 2013 e il suo posto è stato preso da Nicolás Maduro, uno dei suoi più fedeli sostenitori. Sotto il suo governo sono emersi gravi problemi economici, e una strenue lotta contro gli Stati Uniti, lo status economico del Venezuela è notevolmente peggiorato con un aumento del crimine, dell’inflazione e della povertà.

Nel 2017 la procuratrice generale del Venezuela Luisa Ortega Díaz ha promosso davanti alla Corte Suprema un’azione nei suoi confronti, con l’accusa di aver violato l’ordine costituzionale e sovvertito il sistema democratico,  aver assassinato circa ottomila persone, nonché attuato la tortura, la detenzione arbitraria, la violazione di domicilio e la sotto posizione di civili al giudizio di tribunali militari, per ragioni politiche.
Il 6 aprile 2015, 33 leader mondiali hanno emesso un manifesto contro il governo di Maduro.
A seguito delle elezioni presidenziali in Venezuela del 2018, fortemente contestate e considerate irregolari dalle opposizioni e da diversi stati esteri, e del successivo re-insediamento di Nicolás Maduro, Juan Guaidó, Presidente dell’Assemblea Nazionale, si è autoproclamato Presidente della Repubblica Bolivariana.

Durante la crociera con Costa Romantica, nel 2002, sono sbarcata all’Isola Margarita, ma non posso dire di essere stata il Venezuela, se non per poche ore. Vorrei da anni andare a Los Roques, ma il susseguirsi dei problemi politici venezuelani, fino ad ora, me lo hanno impedito.


La cucina venezuelana ha radici europee, indigene ed africane, ed è fortemente influenzata dalle cucine caraibiche per quanto riguarda le tecniche e l’uso di alcuni alimenti come ad esempio il plantano.
Anziché pane, la maggior parte dei venezuelani mangiano le arepas venezuelane: delle focacce preparate con farina fine di mais bianco, solitamente mangiate non solo come un spuntino, ma anche durante i pasti principali. Sono ideali per i celiaci, essendo prive di glutine. e vengono poi riempite nei modi più svariati: formaggio fuso, carne di pollo sfilacciata, verdure; si consumano anche così come sono o fredde con salumi, insalate, gamberetti, tonno, salsa di fagioli neri, manzo lessato, platano fritto o anche con l’insalata di pollo e avocado.


  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo5 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaVenezuelana

Ingredienti

Preparazione

  1. Riscaldare l’acqua sul fuoco e, quando è tiepida, metterla in una bacinella. Aggiungere il sale e versare lentamente, mescolando con una frusta, la farina a pioggia (regolatevi con l’acqua, il composto deve risultare liscio ed omogeneo e non grumoso).

    Quando si forma l’impasto, mescolate il composto fin quando inizierà a staccarsi dalle pareti, allora lavoratelo con le mani per qualche minuto.

    Formare delle palline tonde della dimensione di un uovo e lasciare a riposo per qualche minuto.

    Schiacciare le palline con l’aiuto di un tagliere da cucina o un’asse di legno, devono avere lo spessore di circa 1 centimetro.

    Riscaldate l’olio in una padella e friggete le arepas da ogni lato per qualche minuto, fin quando non avranno il colore e la croccantezza giusta.

    Una volta cotte, le arepas vengono poi messe in forno ancora per 10 minuti a 165°C.

    Sfornate le focacce e fatele raffreddare leggermente. Con un coltello a punta tagliatele in senso orizzontale fino a metà.

    Farcite le arepas venezuelane con gli ingredienti e le salse a piacere

link affiliato #adv

La farina di mais bianco più adatta per la preparazione, per la sua consistenza farinosa, è:

Pan Farina Di Mais Bianca Precotta Senza Glutine – 1000 Gr, 6,90 €

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da viaggiandomangiando

Classe 1980, ligure, ha pubblicato tre romanzi e altrettante raccolte di poesia, diplomata al Centro Sperimentabile di Cinematografia in sceneggiatura e produzione fiction televisiva, si occupa dell'organizzazione degli eventi artistico/culturali dell'associazione di cui è presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.