Crea sito

Ravazzate alcamesi al pistacchio

Dolci frolle senza burro le Ravazzate alcamese al pistacchio . Si, lo so che le ravazzate al forno conosciute ai più sono quelle salate farcite con ragù di carne e piselli. Ma dovete sapere anche che non lontano da Palermo, ad Alcamo, mia città natale, anni fa da una antica ricetta delle monache di clausura nacquero le ravazzate con la ricotta, dolci di frolla senza burro ricca di uova e cotti al forno. Conosciute infatti come ravazzate alcamesi, sono molto conosciute nella zona tanto che non esiste bar-pasticceria che non ce le abbia nella propria vetrina.
Io che vivo a Milano da più di 20 ormai, ogni tanto sento la nostalgia dei dolci con cui sono nata e cresciuta. in questo caso ho avuto la fortuna di avere la ricetta originale di queste vere squisitezze che si sciolgono in bocca e di cui vi parlo della versione originale con la ricotta QUI. In questa occasione, ho voluto però farcirle con crema di pistacchio. Goduriose anche queste!


Seguimi anche sulla PAGINA FACEBOOK e su INSTAGRAM
Vai alla home per continuare a leggere TUTTE le altre ricette facili e sfiziose 🙂

Ravazzate al pistacchio
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzionicirca 8 ravazzate
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina 00
  • 500 gzucchero
  • 4uova medie
  • 1 baccavaniglia
  • 1 cucchiainoammoniaca per dolci (in alternativa, mezza bustina cremor tartaro)
  • 200 gcrema di pistacchio
  • 1uovo (per spennellare)
  • q.b.zucchero a velo (per decorare)

Strumenti

  • Ciotola
  • Spianatoia
  • Teglia

Preparazione

  1. La ricetta che vi propongo è la ricetta originale di Francesco Calandra, del bar fra i più noti della città, il Bar Grazia. Dove andavo a far colazione ogni mattina per tutto il periodo delle scuole superiori.

  2. In una ciotola metti lo zucchero con le uova e mescola con una forchetta. Aggiungi la farina, l’ammoniaca (o il cremor tartaro) ed i semi della bacca di vaniglia ed impasta.

  3. Otterrai un impasto alquanto morbido, per cui portalo su una spianatoia infarinata e lavoralo aiutandoti con l’aggiunta della farina.

  4. Spiana l’impasto e ricava dei cerchi di circa 12 cm di diametro. Farciscine la metà con la crema di pistacchio, stando lontano dai bordi. Ricopri con i cerchi rimanenti, e fai aderire per bene i bordi facendo una pressione con le dita.

  5. Spennella la parte superiore con l’uovo sbattuto, poi metti le ravazzate su una teglia. Inforna in forno precedentemente riscaldato a 180°C per circa 20 minuti.

  6. Tira fuori e lascia raffreddare completamente, poi decora con abbondante zucchero a velo. Le ravazzate si conservano fino a 4 giorni nel frigorifero.

Rossella Consiglia:

Le ravazzate sono molto buone fredde, ma potrete riscaldarle per gustarle ancora meglio. Essendo senza lievito, non risultano molto bombate, questa è una caratteristica tipica del dolce.

Seguimi anche sulla PAGINA FACEBOOK e su INSTAGRAM
Vai alla home per continuare a leggere TUTTE le altre ricette facili e sfiziose 🙂

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.