Crea sito

Asparagi selvatici: come conservarli

Asparagi selvatici: come conservarli a lungo, per preparare ricette con questa leccornia che ci offre la natura, anche nei periodi fuori stagione. La cosa importante è saper congelare gli asparagi selvatici. Il procedimento è molto semplice, ma ci sono delle accortezze da rispettare per conservare il buon sapore, e fare in modo che non venga alterato. se procedete nel modo che vi spiegherò non avrete problemi e potrete gustare i vostri buoni asparagi anche nei periodi in cui non si trovano più in natura. Il sapore e la consistenza rimarranno invariati. Andiamo a vedere come fare.
Vi consiglio di accompagnare questa Ricetta con un buonissimo piatto di Riso agli asparagi, provatelo e non vi pentirete. Troverete tantissime Ricette e saggi consigli anche nel Blog “La Rubrica del Buongusto“.

Asparagi selvatici: come conservarli
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gasparagi selvatici
  • q.b.sale
  • q.b.Olio extravergine di oliva

Preparazione degli Asparagi selvatici: come conservarli.

  1. Dopo aver raccolto gli asparagi di campagna, selvatici, dovrete selezionarli, secondo la grandezza, e lavarli in acqua fresca abbondante. Togliete tutta la parte dura e spezzettate gli asparagi più fini, in una pentolina.

  2. Quelli più grossi e carnosi li potrete usare per fare al cartoccio. Dopo aver messo gli asparagi spezzettati nel pentolino, unite quattro cucchiai di olio extravergine di oliva, su una quantità di circa 100 grammi di asparagi selvatici.   Cuoceteli a fuoco lento con l’aggiunta di poca acqua e un pizzico di sale.

  3. Gli asparagi non vanno cotti completamente, e anche il liquido che avete aggiunto non deve essere completamente asciutto. Dovete trovare voi il giusto momento di capire quando la cottura va interrotta, praticamente quei pochi minuti prima della fine della cottura.

  4. Lasciate raffreddare gli asparagi. Quando saranno freddi li potrete mettere nei bicchieri di plastica, quelli che usate di solito usa e getta.   Li chiuderete con un pezzetto di pellicola trasparente, sigillata con un elastico o con dello scotch di carta, sul quale potrete scrivere la data di conservazione.

  5. I bicchieri così confezionati potranno essere posizionati nel congelatore e conservati fino a sei mesi. Quando li dovrete usare li dovrete scongelare come fate di solito per tutti gli altri prodotti congelati.   Se li dovrete usare per fare un ragù potete metterli congelati direttamente nel pomodoro già in ebollizione, senza scongelarli prima. Basterà rompere il bicchiere di plastica per liberali e buttarli in pentola ancora congelati.

  6. Invece se dovete usare gli asparagi selvatici per fare una bella frittata dovrete scongelare gli asparagi a temperatura ambiente e ributtarli nel pentolino per far asciugare quel poco di liquido che hanno formato, prima di metterli nella padella con l’uovo. 

  7. Gli asparagi così conservati sono buonissimi, non assumono nessun sapore sgradevole e non si decompongono, rimangono della stessa consistenza come se fossero appena raccolti. Li potrete usare per la pasta, per condire il riso, per fare frittate o per aggiungere ai vostri minestroni o zuppe di verdure e cereali.

/ 5
Grazie per aver votato!