Crea sito

Asparagi: tristezza addio

Provare per credere, Asparagi: tristezza addio….

Asparagi: tristezza addio

ASPARAGI DI CAMPAGNA


Ottimi diuretici, aiutano contro la cellulite 
Gli asparagi sono molto depurativi e diuretici, se non ci sono controindicazioni vale la pena di approfittarne per aiutare e eliminare il ristagno di liquidi nei tessuti e quindi ridurre la cellulite. Mangiane con parsimonia solo se tendi a soffrire di disturbi renali, di cistiti e di calcoli renali, perché contengono acido urico che può incrementare l’infezione già in atto.


Arma segreta contro la tristezza


Sei soggetto ad attacchi di malumore? Allora gli asparagi fanno al caso tuo: infatti, secondo alcuni studi questi ortaggi avrebbero una funzione antidepressiva, probabilmente legata alla loro azione disintossicante e diuretica.

Tipologie e varietà di asparagi

Pregiatissimi ortaggi primaverili, gli asparagi sono ottimi in risotti, pasta, torte salate o da soli come contorni.

Asparagi: tristezza addio..

Si trovano in commercio solo nel periodo che va da marzo a giugno e nel nostro Paese sono coltivati soprattutto nel Nord, dalla Liguria al Friuli, ma anche in Lazio, Toscana e Campania.

Esistono in natura molte varietà di asparagi, ma le più comuni in commercio sono:

– asparagi verdi: i più comuni, germogliano alla luce del sole e possono essere più spessi o più sottili, a seconda della qualità; hanno un sapore dolciastro;
– asparagi bianchi: pregiati e non così comuni, germogliano completamente sotto terra e mantengono così un colore chiaro; hanno un sapore più delicato rispetto a quelli verdi;
– asparagi violetti: sono in realtà degli asparagi bianchi che riescono a fuoriuscire dal terreno e dunque si colorano di lilla per effetto della luce; hanno un sapore fruttato;
– asparagi selvatici: crescono spontaneamente nei boschi; di solito sono sottilissimi e dal sapore più marcato.

Le tecniche di conservazione, pulizia e cottura che illustreremo qui di seguito, sono adatte a tutte le tipologie di asparagi. Per gli asparagi selvatici fini, non sarà necessario pelarli, visto che sono già estremamente sottili e delicati.

Scegliere e conservare gli asparagi 

Al momento dell’acquisto, gli asparagi devono avere un bel colore verde brillante, essere ben fermi al tatto e con delle punte non sciupate e ben chiuse.

Appena sono raccolti, gli asparagi cominciano a perdere la loro dolcezza e a diventare amari. 

Bisognerebbe comprare asparagi locali oppure andare in campagna a raccogliere gli asparagi selvatici, molto più saporiti.

Sarebbe bene conservare gli asparagi, appena raccolti o comprati, immersi in acqua come se fossero un mazzo di fiori.

Come pulire gli asparagi

Quando pulite gli asparagi fate attenzione a non danneggiare le punte, che sono la parte più tenera e saporita, ma anche la più delicata.
Immergeteli nell’acqua fredda, e  lasciateli sotto l’acqua corrente.
Eliminate la parte più dura.
 

Come cuocere gli asparagi

Gli asparagi possono essere cotti al vapore, saltati in padella, arrostiti in forno, come uso fare io, al cartoccio.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.