Il pan di Spagna è la base ideale per le vostre torte. Buono anche senza farcitura, sofficissimo e leggerissimo.

Pare che questa preparazione sia un’invenzione del cuoco genovese Giobatta Cabona che nella metà del Settecento, venne inviato in Spagna al seguito del marchese Domenico Pallavicini, ambasciatore genovese in quella nazione. In occasione di un banchetto il cuoco presentò una torta fatta con una pasta leggerissima, che venne in suo onore definita Pâte Génoise, pasta genovese. Da essa derivò una versione più semplificata che prese il nome di pan di Spagna per onorare la corte spagnola.

Pan di Spagna

Pan di Spagna

<>

INGREDIENTI:

6 uova

180 g di zucchero semolato

90 g di farina “00”

90 g di fecola di patate

1 bustina di vanillina

un pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Perché il pan di Spagna riesca bene, è importante che le uova siano freschissime (meglio se di giornata) e a temperatura ambiente.

Sgusciate le uova e separate gli albumi dai tuorli, mettendoli in due ciotole diverse.

Sbattete i tuorli con uno sbattitore elettrico o con la planetaria, insieme a metà dello zucchero.

Montate bene fino a quando il composto non risulterà spumoso e biancastro (occorreranno 15-20 minuti).

Montate a neve gli albumi; quando saranno gonfi aggiungete il restante zucchero e continuate a montarli fino a quando saranno sodissimi (se capovolgete la ciotola, non dovranno cadere).

Collage

Incorporate ora gli albumi al composto di uova mescolando con un cucchiaio di legno, dal basso verso l’alto molto delicatamente in modo da non farli smontare.

A questo punto aggiungete le farine setacciate insieme alla vanillina e al sale, facendole scendere a pioggia e mescolando sempre delicatamente dal basso verso l’alto.

Imburrate una teglia da 26 cm di diametro e cospargetela con del pangrattato (si staccherà meglio a fine cottura); versatevi il composto e infornate a 180°, a forno statico per 40 minuti (fate la prova stecchino). Cercate di non aprite il forno durante la cottura.

Lasciate raffreddare completamente prima di sformare.

<>

Passate a trovarmi su Facebook: Rafano e cannella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.