Pesto di pistacchi e tonno

Il pesto di pistacchi e tonno, per me è stata una vera scoperta! Semplicemente delizioso, oltre ad essere veloce. L’altro giorno al supermercato, nel reparto salse, sono stata attirata da un bellissimo vasetto che conteneva, appunto, un pesto di pistacchi di Bronte e tonno. Lo stavo per mettere nel carrello, ma i miei occhi si son posati sul prezzo… sinceramente, più di 5 euro per 180 ml di salsa mi sembravano troppi. Prima di posarlo, però, ho letto gli ingredienti: pistacchi, tonno, olio, grana, aglio, aromi etc. etc… così cambio reparto e prendo un pacchetto di pistacchi di Bronte, una scatoletta di tonno e il resto lo avevo a casa!

pesto+pistacchi+tonno+sottolio

Pesto di pistacchi e tonno

Ingredienti per condire la pasta per 4 persone:

  • 80 grammi di pistacchi di Bronte già sgusciati e non salati
  • una scatoletta di tonno da 180 grammi
  • due acciughe sottolio
  • 30 grammi di grana padano grattugiato
  • uno spicchio di aglio
  • 50 ml di latte
  • un ciuffo di prezzemolo
  • due cucchiai di olio extravergine di oliva

Procedimento:

  1. Pelate l’aglio, trasferitelo in un pentolino, unite il latte e fate bollire per qualche minuto
  2. Mettete i pistacchi in un mixer e frullateli, unite il grana, le acciughe, il tonno, il prezzemolo lavato, l’olio e il latte con tutto l’aglio.
  3. Frullate bene il pesto di pistacchi e se necessario aggiungete qualche cucchiaio di acqua. Evitata di frullare troppo, il pesto potrebbe surriscaldarsi e poi sentire i pezzetti di pistacchi sarà un piacere.

Il vostro pesto ora è pronto per essere servito. Potete  condire degli spaghetti alla chitarra, farcire piadine e bruschette, oppure osatelo su una pizza bianca farcita con mortadella. Inutile descrivervi la bontà!

Piaciuta la ricetta, volete rimanere aggiornati sulle nuove proposte? Vi aspetto nella mia pagina Facebook “Nel tegame sul fuoco“, dove troverete tantissime idee per i vostri menù!

Precedente Ragù in vasocottura Successivo Plumcake fave e salame

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.