Macarons al cioccolato

I Macarons al cioccolato di Luca Montersino sono la Re-Cake 2.0 di questo mese.

Per la serie “A volte ritornano” eccoci qui a ri-preparare i macarons. Ritornano perché con la Re-Cake abbiamo fatto, molto tempo fa, i macarons (io tra l’altro mi diedi malata per l’occasione!), e ritornano perché tema di una sfida di ben due anni fa dell’MTChallengere furono proprio i deliziosi macarons. Potete leggere il mio post qui.

Le ragazze di Re-Cake hanno scelto per l’occasione la ricetta del maestro Luca Montersino, ma trovo che sia leggermente troppo sbrigativa la versione descritta. A costo di sembrare pedante vi ho riportato tutti i passaggi che sono solita fare nella preparazione dei macarons, non dovreste avere nessun tipo di problema.

Ho deciso di farcire i miei macarons al cioccolato con una ganache ai lamponi e con una ganache al cappuccino. Ho esagerato un pochino con la colorazione, io di solito li preparo più tenui, ma mi è scappato il colorante. Diventano anche più scuretti per la presenza del cioccolato fondente nell’impasto. In ogni modo sono semplicemente deliziosi, non vi resta che fare un grosso respiro e mettervi all’opera!

Potete trovare tutte le info sulla sfida qui.

Macarons al cioccolato
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:12 minuti
  • Porzioni:50 macarons
  • Costo:Basso

Ingredienti

Per i gusci dei macarons

  • 100 g Farina di mandorle
  • 50 g Farina di nocciole
  • 150 g Zucchero a velo
  • 155 g Albumi (vecchi di almeno tre giorni)
  • 50 g Cioccolato fondente (fuso)
  • q.b. Colorante rosso e marrone in gel

Per la meringa italiana

  • 150 g Zucchero semolato
  • 40 g Acqua

Per la ganache al cappuccino

  • 180 g Cioccolato fondente
  • 140 g Panna fresca liquida
  • 10 g Caffè solubile

Per la ganasche ai lamponi

  • 100 g Cioccolato bianco
  • 50 g Panna fresca liquida
  • 12 Lamponi

Preparazione

  1. Tostate leggermente la farina di mandorle in forno a 150° per circa 10 minuti. Lasciate raffreddare completamente.
    Passate nel mixer la farina insieme allo zucchero a velo per ottenere una miscela finissima e quasi impalpabile. Setacciate più volte, raccogliendo il composto in una ciotola.

  2. Incorporate i primi 55 g di albume crudo e mescolate con una spatola in silicone. Mescolate molto bene fino a ottenere una pasta morbida, omogenea e densa.

  3. Versate lo zucchero semolato e l’acqua in una piccola casseruola dal fondo spesso. Inserite un termometro e cuocete a fuoco medio e portate alla temperatura di 114 °C. Nel frattempo montate i restanti 55 g di albumi e aggiungete a filo lo sciroppo, continuando a montare con le fruste. Diminuite la velocità e montate ancora fino a quando il composto risulterà bello gonfio, lucido e bianchissimo. La temperatura dovrebbe essere scesa a 40°C. Dividete la meringa in due parti uguali.

  4. Dividete anche la pasta di mandorle preparata in precedenza e colorate con alcune gocce di colorante idrosolubile i due composti. Io ho colorato una parte con il colorante rosso e una parte con il colorante marrone.

  5. Incorporate inizialmente una piccola quantità di meringa alla pasta di mandorle e mescolate in modo da rendere l’impasto più fluido. Aggiungete la restante meringa usando una spatola in silicone, mescolando dal centro verso i lati esterni e raccogliendo continuamente l’impasto. Aggiungete il cioccolato fuso in egual misura in entrambe le meringhe. Quando il composto comincia a diventare lucido fate la prova del macaronner, ovvero l’impasto è pronto quando sollevando la spatola ricadrà sulla ciotola formando un “nastro pesante” che ricade con una certa difficoltà.
    Prendete due sac-a-poche con bocchetta liscia da 8-10 mm, e riempite con i due composti colorati.

  6. Fissate con un pochino di impasto i 4 lati del un foglio di carta da forno alla teglia, su cui avete disegnato dei cerchietti di circa 3 cm di diametro. Tenendo la tasca verticale posizionatevi a circa 2 cm sopra la teglia. Iniziate a formare dei bottoncini di impasto seguendo il disegno sul foglio. Picchiettate delicatamente con la mano il fondo delle teglie in modo da uniformare i macarons ed eliminare eventuali bolle d’aria.

  7. Lasciate riposare i gusci a temperatura ambiente, per almeno 30 minuti. Questa operazione è molto importante in quanto serve a creare una pellicola fine, secca e resistente sui gusci, e che diventa poi croccante in fase di cottura. L’umidità solleva il guscio senza screpolarlo e alla base si forma il collarino.
    Poiché i tempi di croutage possono variare a seconda della temperatura esterna, per verificare che i gusci siano pronti per essere infornati, sfiorate delicatamente la superficie di un guscio; la pasta non deve incollarsi al dito.

  8. Cuocete i macarons a 140° C nel forno già caldo per 12 minuti circa.
    Le temperature e i tempi di cottura sono assolutamente indicativi e dipendono dal proprio forno.
    Una volta cotti, togliete la teglia dal forno e fate scivolare il foglio dei macarons su un ripiano fino al completo raffreddamento.
    Staccate i macarons lentamente dal foglio di carta forno e lasciate i gusci con la parte “piatta” rivolta verso l’alto.

  9. Macarons al cioccolato

    Preparazione delle due ganache.

    Ganache al lampone.

    Sciogliete il cioccolato bianco a bagnomaria. Io di solito lo faccio con il microonde. Portate ad ebollizione la panna e versatela in più riprese sul cioccolato bianco mescolando di continuo. Aggiungete i lamponi schiacciati con la forchetta e mescolate ancora. Coprite con la pellicola trasparente e riponete in frigorifero per almeno tre ore. Montate con una piccola frusta la ganache e mettetela in una sac a poche.

  10. Ganache al cappuccino.

    Portate ad ebollizione la panna, scioglietevi dentro il caffè solubile e lasciate riposare alcuni minuti. Versate la panna al caffè sul cioccolato in più riprese, mescolando delicatamente. Dovrete ottenere una crema liscia e lucida. Coprite la ganache al cappuccino con la pellicola trasparente a contatto e lasciatela riposare in frigorifero per almeno tre ore. Riprendete la ganache, montatela con una piccola frusta e trasferitela in una sac a poche.

  11. Farcite i gusci di macarons al cioccolato con le due ganache, quelli rosa con la ganache al lampone e quelli marroni con la ganache al cappuccino.

    Trasferite i macarons su un vassoio, ricoperto di carta da forno, in frigorifero per circa 24 ore.

    Prima di servire, lasciate i macarons 2 ore a temperatura ambiente.

  12. Macarons al cioccolato
  13. Ecco la locandina del mese dei fantastici macarons al cioccolato!

Tips

  1. Larousse Gastronomique cita i macaron come dolci creati nel 1791 in un convento vicino Cormery. Fonti più antiche fanno risalire il dolce alla Venezia del XVI secolo e sarebbe giunto in Francia grazie a Caterina de’ Medici, la quale per un importante evento commissionò a un pasticcere italiano il dolce che portò con sé nel 1533, cioè quando sposò il Duca di Orleans Enrico II di Francia. Nel 1830, i macaron venivano serviti due a due con l’aggiunta di marmellate, liquori e spezie.

    Il macaron, come è noto oggi, è stato definito Gerbet o Paris macaron ed è stato creato all’inizio del XX secolo da Pierre Desfontaines della pasticceria francese Ladurée, ed è composto da due dischi di meringa alla mandorla riempiti con uno strato di crema al burro, marmellata o crema ganache.

  2. Macarons al cioccolato

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

Precedente Mug cake alla Nutella Successivo Smashed sweet potatoes

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.