Crea sito

I tortellini di Natale

I tortellini di Natale (Turtelein d’Nadel frett o al foren) sono dolcetti tipici della tradizione emiliana di Modena e Reggio Emilia. Si tratta di dolci mezzelune ripiene che si preparano per tutto il periodo delle feste.
Ovviamente, come sempre accade con le specialità regionali, ogni famiglia custodisce la propria ricetta. Tradizionalmente, però, i tortellini fritti emiliani si fanno con due tipologie di ripieno: il cosiddetto “pesto natalizio” oppure la crema pasticciera. La ricetta è antichissima, deriva addirittura dalla cucina rinascimentale, con l’abitudine di inserire agro e dolce negli impasti.
L’impasto è costituito da una specie di pasta frolla “matta” che resta molto morbida dopo la frittura. La preparazione del ripieno, invece, assume l’aspetto di un vero e proprio rituale.
Come anticipato in precedenza ogni famiglia custodisce sua ricetta tradizionale, ovviamente che è la migliore in assoluto rispetto a tutte le altre ricette, vicino di casa compreso!
Si inizia la preparazione almeno dieci giorni prima delle feste, aggiungendo ogni giorno un nuovo ingrediente, senza avere un vero e proprio ordine logico.
Quella che vi riporto è la ricetta che mi ha lasciato la mia nonna materna, ciociara di origine ma reggiana di adozione, in quanto ha sposato il nonno Giuseppe nato e cresciuto sulle colline reggiane. La nonna Maria, con il suo leggero accento ciociaro, è riuscita a far sue tutte le ricette tradizionali reggiane, era una cuoca provetta e io non ricordo di aver mai mangiato un piatto della sua terra d’origine. A casa sua si mangiava tipicamente emiliano.
Questi tortellini sono sempre stati il regalo che la nonna faceva a tutti noi per Natale. Un vassoietto per ciascun nipote e figlio. Potrebbe sembrare un regalo “da poco”, ma se ci riflettete l’attento rituale della preparazione dei tortellini di Natale è un regalo senza prezzo, estremamente prezioso. La nonna Maria riversava all’interno di questi piccoli dolcetti tutto l’amore per la sua famiglia.

tortellini di natale
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4-6 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per i tortellini di Natale

  • 500 gfarina
  • 40 gburro
  • 200 gzucchero
  • 3uova
  • 2 cucchiailiquore Sassolino
  • 1 bustinalievito in polvere per dolci
  • 1 pizzicosale

Ingredienti per il pesto di Natale

  • 200 gconfettura di prugne
  • 1 cucchiainocaffè in polvere
  • 1 cucchiainocacao amaro in polvere
  • 200 gcastagne, bollite (sbriciolate finemente)
  • 50 gnoci (tritate)
  • 2 cucchiaiuvetta (ammollata nel Sassolino)
  • 1/2 bicchiereliquore Sassolino

Per finire i tortellini di Natale

  • strutto (per friggere)
  • zucchero a velo (per decorare)

Preparazione

Come ho anticipato nell’introduzione, circa una settimana prima iniziate a preparare il pesto. In Emilia viene definito pesto qualsiasi cosa, dolce o salata, che preveda ingredienti mescolati insieme e perlopiù tritati.
  1. Versate in una ciotola la confettura di prugne. Aggiungete il caffè in polvere e il cacao e mescolate con cura. Riponete in frigorifero coprendo con la pellicola trasparente.

  2. Il giorno seguente prelevate il pesto dal frigorifero e inserite le castagne tritate finemente, potete anche schiacciarle con la forchetta se preferite. Aggiungete il mezzo bicchiere di Sassolino. Mescolate e riponete in frigorifero.

  3. Ammollate l’uvetta sultanina in un pochino di Sassolino. Strizzatela per bene e aggiungetela al pesto. Mescolate con cura e riponete nuovamente in frigorifero.

    Il giorno seguente, infine, aggiungete le noci tritate, mescolate e assaggiate il pesto. Eventualmente potete aggiungere un pochino di caffè o cacao.

    Preparare il pesto con anticipo fa si che tutti gli sapori sì armonizzino alla perfezione.

  4. Mettete in una ciotola la farina, il burro a pezzetti, lo zucchero, le uova, il lievito, il pizzico di sale e il Sassolino. Iniziate a impastare tutti gli ingredienti come per fare la pasta frolla, una volta ottenuto un composto grossolano, trasferitelo sul piano di lavoro infarinato e lavoratelo velocemente per renderlo liscio e omogeneo.

  5. Lasciate riposare l’impasto mezz’ora coperto con la pellicola trasparente. La nonna lo copriva a campana con la ciotola.

    Trascorso il tempo di riposo tirate la frolla matta sottile, circa ad una altezza di 3-4 millimetri. Ricavate con l’aiuto di un bicchiere di vetro tanti cerchietti. Mettete un cucchiaino di pesto al centro e chiudete a mezzaluna schiacciando bene i bordi in modo che il pesto non esca durante la cottura.

    Procedete in questo modo fino all’esaurimento degli ingredienti.

  6. Scaldate lo strutto in una casseruola capiente e friggete i tortellini di Natale pochi alla volta in strutto profondo. I tortellini devono galleggiare. Mano a mano che sono ben dorati riponeteli a scolare su un piatto con carta assorbente.

    Spolverateli con abbondante zucchero a velo.

  7. I tortellini di Natale si conservano coperti parecchi giorni, con il passare dei giorni tendono a seccarsi leggermente ma migliorano nel gusto in modo esponenziale.

  8. tortellini di natale

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.