Farfalle al prosciutto gratinate

Le farfalle al prosciutto gratinate è una ricetta facile e gustosa con tutto il sapore del peperone ed il prosciutto cotto.

La cottura in forno è di soli 15 minuti.

Come secondo dopo questo piatto puoi abbinare del pollo arrosto.

Le dosi sono per 4 persone.

La ricetta è tratta dal mensile “Guida cucina”

Ecco come preparare questo piatto buonissimo e molto saportito:

FARFALLE AL PROSCIUTTO GRATINATE

farfalle al prosciutto gratinateIngredienti x 4 persone:

320 gr di farfalle

30 gr di farina

250 ml di latte fresco

10 foglie di basilico

1 ciuffo di prezzemolo

1 spicchio d’aglio

3 cucchiai di passata di pomodoro

grana padano

80 gr di prosciutto cotto in due fette

1 peperone rosso

burro

sale e pepe.

Preparazione:

Fai abbrustolire il peperone nel forno a 200° per 30 minuti oppure infilzalo con una forchetta e passalo ripetutamente sulla fiamma del gas.

Elimina il picciolo, i semi e la pellicina.

In una piccola padella prepara la besciamella facendo sciogliere il 30 gr di burro, unisci la farina e falla tostare diluisci poco alla volta con il latte tiepido sempre mescolando. Un pò di sale e spegni quando avrai ottenuto una crema.

Frulla la polpa del peperone con la besciamella, l’aglio, la passata, il basilico ed il prezzemolo, aggiungi sale e pepe.

Metti a cuocere le farfalle e scolale piuttosto al dente .

In una pirofila trasferisci le farfalle e condiscile con metà della salsa preparata ed il prosciutto tagliato a cubetti.

Copri con la rimanente salsa, cospargi con la grana e lascia gratinare in forno a 180° per 15 minuti.

Sforna e servi ben caldo, sentirai che bontà.

farfalle al prosciutto

Ti invito a diventare fan della mia pagina Facebook “In cucina con Marta Maria” per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me :D

Clicca sulla foto, ti aspetto: In cucina con Marta Maria

Precedente Frittata senza uova, ricetta salva-dieta Successivo Crostata di carote e yogurt, ricetta salata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.