Crea sito

Crescentine fritte

Le crescentine fritte sono un piatto tipico dell’Emilia Romagna. Si tratta di un impasto simile a quello del pane che viene tirato con il mattarello, tagliato a losanghe e fritto. Si accompagna a salumi, formaggi molli e confetture.

La tradizione vuole che le crescentine si friggano nello strutto, vi assicuro che, questo tipo di fritto, se ben fatto, non è pesante; anzi diventano anche meno unte rispetto al classico olio. Se non volete utilizzare lo strutto potete sostituirlo con l’olio di semi di arachide o extravergine di oliva.

A Bologna vengono chiamate crescentine ma se vi spostate a Modena, Piacenza, Reggio Emilia o Ravenna, le troverete con altri nomi come, gnocco fritto, pizza fritta, torta fritta, pinzino. Varia, anche se di poco, qualche ingrediente dell’impasto e, come per tutti i piatti della tradizione, ogni famiglia ha la sua ricetta. Ricordo che mia nonna le preparava con pochissimi ingredienti ed erano favolose, ecco la sua ricetta.

Ingredienti

500 g di farina 0
50 g di strutto
1 cucchiaino di bicarbonato
10 g di sale fino
latte tiepido q.b.

1 kg di strutto per friggere

Procedimento

Disponete la farina a fontana e inserite al centro lo strutto sciolto, il bicarbonato, il sale e un po’ di latte. Iniziate ad impastare aggiungendo latte a sufficienza per ottenere un impasto liscio e abbastanza sostenuto.

Fate una palla e mettetela a riposare in una ciotola coperta da un canovaccio per mezz’ora.  Con il mattarello tirate una sfoglia sottile (3 mm) e tagliatela a rombi di 6/7 cm di lunghezza.

In una padella abbastanza larga fate sciogliere lo strutto (o fate scaldare l’olio) e friggete un alcuni rombi alla volta 1 minuto per lato (devono essere leggermente dorati). Noterete che l’impasto a contatto con lo strutto si gonfia  formando delle bolle e viene subito in superficie.

Adagiate le crescentine fritte in un vassoio con carta assorbente e servitele calde accompagnate da affettati e formaggi molli.

crescentine fritte def

13 Risposte a “Crescentine fritte”

    1. Buongiorno Vale, il latte puoi sostituirlo con l’acqua e lo strutto con l’olio extra vergine di oliva. Per friggerle puoi utilizzare l’olio di semi di arachide. Il sapore non sarà lo stesso perchè lo strutto conferisce una friabilità diversa.

    1. Buongiorno Lia, le ricette della tradizione non prevedono l’uso del lievito di birra o del lievito per torte. A quei tempi si usava il bicarbonato come agente lievitante, quindi, con questa ricetta realizzerà delle crescentine croccanti e non morbide.
      Se vuole preparare un gnocco fritto morbido la ricettà è diversa.

  1. Brava finalmente la ricetta delle vere crescentine bolognesi, come le faceva mia mamma. Unica differenza friggeva olio e strutto.

    1. Ti ringrazio, le ricette che vorrei lasciare, a chi mi legge, sono proprio quelle della tradizione, come si facevano una volta. Credo sia importante tramandarle e non arricchirle di ingredienti inutili. Grazie ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.