Crea sito

Sgroppino al limone

Lo sgroppino al limone è un ottimo fine pasto o per intervallare pietanze diverse, in un pranzo importante. In genere si serve per “pulire” il palato dopo un pasto a base di pesce. Ottimo nei giorni di festa, servito come digestivo. La sua cremosità, unita al tocco alcolico e alla freschezza del limone, sarà gradita a tutti. Per realizzare lo sgroppino vi occorre un semplice frullatore, sorbetto al limone, prosecco e/o vodka. Versatelo in bicchieri, rigorosamente in vetro o cristallo, da flûte e deliziate tutti! Lo sgroppino nasce nel Veneto e viene comunemente chiamato sgropin.

ricetta+sgroppino+al+limone
  • Difficoltà:Molto Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Porzioni:4
  • Costo:Molto Basso

Ingredienti

  • 8 cucchiai Sorbetto di limone
  • 200 ml Prosecco
  • 8 cucchiai Vodka (facoltativa)
  • 4 fette Limoni (per guarnire)

Preparazione

Occorrente

    • Un frullatore
    • 4 bicchieri da spumante (flute)
    • 4 cucchiaini a manico lungo

Per lo sgroppino

  1. Mettete nel frullatore il sorbetto appena tolto dal freezer, il prosecco e la vodka. Frullate per un minuto. Otterrete una mousse di limone fluida e vellutata.

    Versate subito nei bicchieri e servite accompagnando con i cucchiaini.

Consigli

  1. Se il vostro frullatore tende a riscaldarsi in fretta, ponete il boccale in freezer o in frigo, mezz’ora prima della preparazione.

    Volendo potrete sostituire il prosecco con la sola vodka ma, ovviamente, otterrete un sorbetto più alcolico.

    Consiglio di servire subito lo sgroppino, poiché, riposando, la parte alcolica tenderà a dividersi dal gelato.

    State cercando dei fine pasto per allietare i vostri ospiti? Provate la mia crema di liquore alle mandorle, oppure il limoncello o, ancora, l’irish coffee alla cannella.

    Volete tenere pronto in freezer il vostro sorbetto al limone? Mettetelo in una bottiglia di plastica e ponetelo in freezer. Prima dell’uso, agitate bene la bottiglia.

Curiosità

  1. Origine dello sgroppino: In origine la parola veneta sgropìn indicava il classico sorbetto, senza latte e dal tasso alcolico più basso. Nel tempo l’antica ricetta si trasformò fino a dar luogo all’attuale sgroppino, la cui prima notizia certa risale al 1528. All’epoca era servito nelle tavole aristocratiche per ripulire il palato tra una portata e l’altra. Oggi si consuma normalmente a fine pasto come digestivo o tra il primo e il secondo piatto. A grandi linee, gli ingredienti dello sgroppino sono: gelato al limone, vodka, e prosecco. Negli ultimi anni poi sono venuti di moda altri tipi di sgroppino come quello alla fragola, al pompelmo, al mandarino, al caffè ma il più delle volte questi ultimi sono analcolici. In Sicilia lo preparano con Vodka liscia e granita al limone. Fonte Wikipedia

Dove puoi trovarmi…

Avete trovato utile la ricetta del sorbetto di limone? Volete scoprire e seguire le prossime proposte? Seguitemi nella pagina Facebook “Nel tegame sul fuoco“, ogni giorno troverete menù completi con ingredienti di stagione e a tema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.