Crea sito

Pizza bianca con cipolle caramellate, kale e balsamico

Con la pizza bianca con cipolle caramellate, kale e balsamico io e il Master Pizza Gianni Di Lella torniamo a tentarvi con le nostre creazioni. Abbiamo fatto una piccola pausa durante il mese di ottobre, ma vogliamo assolutamente farvi provare questa pizza davvero speciale.
Conoscete il kale? Kale è il nome giapponese del cavolo riccio, stretto parente del cavolo nero toscano, utilizzato nella ribollita. E’ coltivato in Puglia ed è un super ortaggio. Ottima fonte di acido folico, ricchissimo di vitamina C, betacarotene e antiossidanti, nell’antichità classica e nel Medio Evo era addirittura conosciuto come “il medico dei poveri”. Ora, dopo anni di declino tanto da essere diventato un ortaggio a rischio di estinzione, riconquista il terreno perduto grazie alle sue innumerevoli qualità benefiche. Ma il ritorno della coltivazione di cavolo riccio in Italia si deve soprattutto alla fama che si è guadagnato negli Stati Uniti. Sembra che a New York il kale sia l’ortaggio più richiesto e che gli chef di cucina naturale più rinomati lo propongano in tutte le salse: zuppe, insalate, chips, al forno con il sesamo, al vapore, negli smoothie e come snack.
E con un ingrediente così glamour a disposizione vuoi che io e Gianni non ci facciamo una pizza? Detto fatto…
Vi lascio anche alla golosa lettura di tutte le nostre pizze in Special & Good taste pizza.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni 4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per le basi

  • 800 gFarina 0
  • 510 mlAcqua
  • 20 gSale
  • 2 gLievito di birra fresco
  • q.b.Olio extravergine d’oliva

Per la farcitura

  • 250 gMozzarella
  • 1 mazzettoCavolo riccio (Kale) (ripassato in padella)
  • 1Cipolla napoletana (caramellata)
  • 150 gFormaggio fresco di capra
  • Aceto balsamico tradizionale di Modena dop

Preparazione

  1. Sciogliete il lievito di birra in un pochino d’acqua, prelevandolo dal totale. Versate la farina in una ciotola e fate la fontana. Aggiungete il lievito sciolto al centro e il sale sul bordo.

  2. Iniziate ad incorporare la farina e mano a mano aggiungete l’acqua. Lavorate alcuni minuti poi passate l’impasto sul tagliere di legno e impastate il composto per 10 minuti. Durante questa fase, ripiegate l’impasto su se stesso spingendo con il palmo della mano, non lo stiracchiate ne strappate. Il movimento deve essere quasi rotatorio, spingendo e ripiegando più volte. Alla fine dovrete ottenere un impasto liscio e morbido.

  3. Ungete leggermente una ciotola di vetro con un filo d’olio extravergine di oliva, sistemate l’impasto e copritelo con la pellicola trasparente.
    Lasciate lievitare per 1 ora a temperatura ambiente.

  4. Trascorso questo tempo, trasferite l’impasto in frigorifero per almeno 8-10 ore. Anche se rimane più tempo non ci sono problemi, anche 15-18 ore vanno bene. Io ho utilizzato una farina forte e ho lasciato il mio impasto 12 ore. Togliete la pasta dal frigorifero e lasciatela lievitare almeno 2 ore a temperatura ambiente.

  5. Nel frattempo preparate gli ingredienti per la farcitura della pizza bianca con cipolle caramellate, kale e balsamico.

  6. Lavate e asciugate il kale e togliete il gambo più coriaceo. Lo potrete utilizzare in altre preparazioni.

    Cuocetelo in una padella ampia con un filo d’olio extravergine di oliva e uno spicchio d’aglio schiacciato. Aggiungete un pizzico di sale e appena è appassito toglietelo dal fuoco e tenetelo da parte.

  7. Sbucciate la cipolla napoletana e tagliatela a fette sottili. Stufatela in una padella a fuoco dolce con un filo di olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale.

    Appena sarà leggermente ammorbidita, aggiungete due cucchiai di aceto di mele e due cucchiai di zucchero di canna. Alzate la fiamma e fate caramellare. Tenete da parte.

  8. Mettete la pasta sul tagliere di legno, spolverato con un pochino di farina e dividete l’impasto in quattro parti.
    Iniziate a tirare la pasta con i palmi delle mani, senza strapparla, cercando di fare dei movimenti rotatori. Procedete in questo modo per tutte e quattro le basi.
    Appoggiate le pizze sulle teglie da forno, leggermente unte con un pochino di olio extravergine di oliva.

  9. Distribuite in modo uniforme la mozzarella sulle basi, aggiungete il kale spadellato e la cipolla caramellata.

    Cuocete in forno caldo a 200° per circa 20 minuti, controllate la cottura, il bordo deve essere ben dorato e sollevando la pizza il fondo deve essere cotto.

  10. Mettete le pizze nei piatti da portata, aggiungete il formaggio di capra a tocchetti e una generosa dose di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena dop.

Seguimi sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.