Crea sito

Pizza ai peperoni e basilico fritto

Con la pizza ai peperoni e basilico fritto inauguriamo la stagione estiva.
All’interno del progetto Special & Good taste Pizza, l’appuntamento ormai divenuto fisso con Gianni Di Lella, in cui vi proponiamo le nostre pizze gourmet, è arrivata l’estate.

Adoro questa pizza, è colorata e allegra e conserva tutto il sapore dei peperoni che tanto amo. Sono lasciati, in entrambe le versioni presenti sulla pizza, crudi, proprio per conservarne il sapore fresco. La cottura abbastanza veloce della pizza, infatti, non ne modifica troppo il sapore.
Provatela insieme a noi.

Pizza ai peperoni e basilico fritto

Pizza ai peperoni e basilico fritto

Ingredienti (per 4 persone)
Per l’impasto
800 g di farina 0
510 ml di acqua
20 g di sale fino
2 g di lievito di birra
Olio extravergine di oliva q.b.
Per la farcitura
200 g di mozzarella
1 peperone rosso
1 peperone giallo
16 olive di Gaeta
20 foglie di basilico
Per la salsa di peperoni
1 peperone rosso
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di aceto di lampone
2 cucchiai di oli extravergine di oliva
Sale q.b.

Preparazione
Sciogliete il lievito di birra in un pochino d’acqua, prelevandolo dal totale. Versate la farina in una ciotola e fate la fontana. Aggiungete il lievito sciolto al centro e il sale sul bordo.
Iniziate ad incorporare la farina e mano a mano aggiungete l’acqua. Lavorate alcuni minuti poi passate l’impasto sul tagliere di legno e impastate il composto per 10 minuti. Durante questa fase, ripiegate l’impasto su se stesso spingendo con il palmo della mano, non lo stiracchiate ne strappate. Il movimento deve essere quasi rotatorio, spingendo e ripiegando più volte. Alla fine dovrete ottenere un impasto liscio e morbido.
Ungete leggermente una ciotola di vetro con un filo d’olio extravergine di oliva, sistemate l’impasto e copritelo con la pellicola trasparente.
Lasciate lievitare per 1 ora a temperatura ambiente.
Trascorso questo tempo, trasferite l’impasto in frigorifero per almeno 8-10 ore. Anche se rimane più tempo non ci sono problemi, anche 15-18 ore vanno bene. Io ho utilizzato una farina forte e ho lasciato il mio impasto 12 ore. Togliete la pasta dal frigorifero e lasciatela lievitare almeno 2 ore a temperatura ambiente.
Nel frattempo, preparate tutti gli ingredienti per la farcitura.
Lavate e tagliate a fette spesse 2-3 millimetri i peperoni. Serviranno due fette rosse e due fette gialle per ogni pizza.
Mettete un pochino d’olio extravergine di oliva in un pentolino e friggete le foglie di basilico. Prestate molta attenzione perché l’olio al contatto con la foglia schizza facilmente. Appoggiate il basilico fritto su un foglio di carta assorbente e lasciatele lì fino al momento di utilizzarle.
Tagliate a cubetti la mozzarella.
Lavate e asciugate il peperone rosso, tagliatelo a cubetti e mettetelo nel bicchiere del mixer ad immersione.
In un pentolino mettete a scaldare l’aceto e lo spicchio d’aglio e lasciate bollire alcuni minuti. Spegnete, togliete l’aglio e lasciate intiepidire.
Frullate il peperone, aggiungete l’aceto tiepido e emulsionate con il mixer, regolate di sale e aggiungete due cucchiai di olio extravergine di oliva, emulsionate ancora alcuni istanti e tenete da parte.
Mettetela sul tagliere di legno, spolverato con un pochino di farina e dividete l’impasto in quattro parti.
Iniziate a tirare la pasta con i palmi delle mani, senza strapparla, cercando di fare dei movimenti rotatori. Procedete in questo modo per tutte e quattro le basi.
Appoggiate le pizze sulle teglie da forno, leggermente unte con un pochino di olio extravergine di oliva.
Appoggiate le fette di peperone alternandole sulle basi. Aggiungete la mozzarella, facendo attenzione a non metterla dentro ai cerchi di peperone. All’interno dei peperoni, invece aggiungete la crema di peperone rosso.
Cuocete in forno caldo a 200° per 15-20 minuti.
All’uscita del forno, aggiungete un oliva di Gaeta all’interno di ogni fiore di peperone, e decorate con le foglie di basilico fritte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.