Mini Toad-in-a-hole sandwich per il Club del 27

Del perché questi bellissimi Mini Toad-in-a-hole sandwich per il Club del 27, si traducono in mini rospi nel buco ne ignoro completamente il motivo, mi sembra una cosa così bizzarra, ma se vogliamo tradurre il nome di questi graziosi e soprattutto sfiziosi sandwich questa è la nuda e cruda realtà!
Comunque rospi a parte questo mese con il Club del 27 affrontiamo il libro The perfect egg, di Teri Lyn Fisher e Jenny Park, che ha come filo conduttore sua maestà l’uovo. Era un sacco di tempo che volevo fare un bell’articolo sulle uova, e così approfitto di questa occasione.
All’interno del libro possiamo trovare ben 70 ricette di tutto il mondo, una più golosa dell’altra che spaziano dal breakfast al dolce di fine pasto.
Noi ne esploreremo e cucineremo per voi una selezione da “leccarsi i baffi”, le potete leggere tutte seguendo questo link.

Mini Toad-in-a-hole sandwich per il Club del 27

Mini Toad-in-a-hole sandiwich per il Club del 27

Ingredienti (per 4 persone)
8 fette di prosciutto crudo
16 fette di pane
115 g di burro morbido
8 uova di quaglia
8 fette di pomodoro
8 foglie di basilico
Sale e pepe q.b.

Preparazione
Disponete le fette di prosciutto su una teglia rivestita di carta forno e abbrustolitele in forno caldo a 170° per circa 5-6 minuti. Devono risultare croccanti. togliete il prosciutto, tenendolo da parte, e alzate il forno a 190°.
Utilizzando un coppa pasta del diametro di 7 centimetri, coppate le fette di pane per ricavare 16 piccoli tondi di pane. Nei primi 8 cerchi, coppate il centro con un coppa pasta del diametro di 2,5 centimetri. Dovrete quindi ottenere 8 cerchi da 7 centimetri e 8 cerchi da 7 cm con il buco al centro. Spalmate tutti i cerchi di pane da ambo i lati di burro e tostate in padella per due-tre minuti le fette di pane senza il foro. Appena sono dorate trasferite due fette per ogni persona sui piatti individuali.
Tostate solo un lato di quelle con il foro. Girate le fette forate e rompete dentro ad ogni cerchio un uovo di quaglia. Trasferite la padella in forno e lasciate cuocere per tre-quattro minuti, giusto il tempo di far rapprendere l’albume ma mantenere il tuorlo abbastanza liquido.
Nel frattempo farcite le fette tonde con una fettina di prosciutto abbrustolito, una fetta di pomodoro e una foglia di basilico.
Regolate di sale e pepe e appoggiate delicatamente la fetta di pane con l’uovo al centro.
Servite subito.

Tips
Le uova sono le ovo deposizioni di animali ovipari, quelle che noi consumiamo maggiormente sono le uova di gallina. Sugli scaffali dei negozi più forniti possiamo trovare anche le piccolissime uova di quaglia, oppure quelle di anatra e oca o le grandissime uova di struzzo.
Comunemente con il termine uovo si intende l’uovo di gallina.
Dal punto di vista nutrizionale e biologico l’uovo è un alimento altamente digeribile e completo.
Le uova forniscono una quantità significativa di proteine e di altri elementi nutritivi, sono ricche di aminoacidi, minerali e vitamine. In particolare è forte la quantità di vitamina A, vitamina B6, vitamina B12 ma anche di riboflavina, acido folico, calcio, ferro, fosforo e potassio.

La magia della cottura

Le proteine dell’uovo sono molecole simili a piccoli gomitoli, all’interno dei quali è trattenuta l’acqua, che il calore fa svolgere. Questo processo è chiamato denaturazione, si rompono cioè i legami interni delle proteine che cambiano forma rispetto al loro stato naturale. L’acqua cuocendo fuoriesce e l’uovo passa allo stato solido. L’albume diventa così di colore bianco e il tuorlo si rapprende fino a diventare molto consistente.

Mini Toad-in-a-hole sandwich per il Club del 27

Per rimanere sempre aggiornati seguitemi anche sulla mia pagina Facebook, Le ricette di Michi 

La bellissima locandina del mese disegnata da Mai.

Precedente Afternoon Tea per Mtchallenge Successivo Tart con verdure primaverili e ricotta

16 thoughts on “Mini Toad-in-a-hole sandwich per il Club del 27

    • lericettedimichi il said:

      Effettivamente questi mini sandwich sono gustosi e l’ovetto di quaglia ha un sapore completamente diverso da quello classico di gallina.
      Io ci proverei.

Lascia un commento