Crea sito

Insalata di riso

Siamo ancora nel pieno della stagione calda, anche se un barlume di freschezza si è fatto sentire! Ma una bella insalata di riso è sempre gradita.
Qualche fortunato è ancora in vacanza e ben saprà che questo tipo di ricetta è perfetta per essere trasportata e mangiata ammirando un bel paesaggio montano, oppure gustata con i piedi nella sabbia sotto l’ombrellone.
L’insalata di riso, nota anche come “riso freddo”, è un piatto della cucina italiana tipicamente estivo, costituito da riso e altri diversi ingredienti mescolati insieme, condito in maniera fantasiosa.
Il riso utilizzato può essere riso tradizionale, io uso normalmente il Carnaroli, ma molto spesso viene consigliato il riso parboiled, oppure un riso a grana lunga o in alcuni casi anche i risoni, che sono un tipo di pasta che assomiglia al riso.
Gli ingredienti per il condimento, tagliati a pezzetti, possono essere verdure (cotte, crude o sottaceto), carne (come ad esempio würstel o prosciutto), formaggio, tonno, olive o altro ancora.
Esistono in commercio dei preparati con gli ingredienti pronti sottolio o sottaceto e, negli ultimi anni, sono stati prodotti dei condimenti “light“. Quest’ultima scelta è molto soggettiva, dipende dal gusto personale e dal tempo che si ha a disposizione per la preparazione della propria insalata di riso.

Potrebbero interessarti le mie proposte per golosi piatti freddi per l’estate.

Insalata di riso
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’insalata di riso

  • 400 griso Carnaroli
  • 150 gprosciutto cotto (a dadini)
  • 100 gpiselli surgelati
  • 1/2peperone rosso
  • 1/2peperone giallo
  • 1carota
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale

Preparazione dell’insalata di riso

  1. Lessate al dente il riso in abbondante acqua leggermente salata.

    Appena il riso è pronto, scolatelo bene e lasciatelo raffreddare condendolo con un filo d’olio extravergine di oliva.

    Io non raffreddo mai riso, pasta o cereali sotto il getto dell’acqua fredda, trovo diventino acquosi.

  2. Nel frattempo preparate gli ingredienti per il condimento.

    Tagliate a cubetti il prosciutto cotto e tenetelo da parte.

  3. Io sono solita cuocere le verdure per l’insalata di riso.

    Cuocete i peperoni sulla piastra e una volta ammorbiditi tagliateli a cubetti.

    Lessate la carota e tagliate a cubetti anche quest’ultima.

    Lessate i piselli, scolateli e aggiungeteli alle altre verdure.

  4. Appena il riso sarà diventato freddo aggiungete tutte le verdure a cubetti e il prosciutto cotto. Condite con olio extravergine di oliva e mescolate con cura.

    Conservate in frigorifero fino al momento di servirlo, ricordandovi di tirarlo fuori 10 minuti prima in modo che si scaldi leggermente.

  5. L’insalata di riso si conserva alcuni giorni, chiusa in un contenitore ermetico, in frigorifero.

  6. Insalata di riso

LA NASCITA DELL’INSALATA DI RISO

  1. Stabilire l’origine dell’insalata di riso è una missione praticamente impossibile, in questo piatto troviamo influenze dell’antica Roma, arabe e persino spagnole, con un chiaro rimando alla Paella a base di riso appunto che veniva utilizzato come pietanza di festa dall’800 in poi. Sappiamo per certo che dalla Spagna questo cereale è stato trasportato in Italia nelle zone dove era facile coltivarlo, nel nord ma anche nella Sicilia occidentale, ma gli ingredienti che costituiscono questo piatto sono comuni ad altri piatti tipici di paesi del bacino del Mediterraneo, in Maghreb il cous cous, in Libano il tabulè.

    Si potrebbe tranquillamente dire che l’insalata di riso è un vero piatto internazionale.

    La prima ricetta codificata di si trova traccia, per quella che si potrebbe considerare l’antenata dell’insalata di riso è il “riso fredo” citata nel trattato di cucina di un Anonimo Padovano (probabilmente cuoco di origine romana dell’Arcivescovo di Padova), che i critici stimano ultimato tra il 1475 ed il 1502. Una ricetta ben lontana della moderna versione a cui siamo abituati. Era riso bollito nel brodo da cui si ricavavano palle che venivano messe in una scodella e condite con latte di mandorle zuccherato e mandorle tostate.

    Si dovrà aspettare il secondo Dopoguerra per vedere apparire sulle riviste di cucina le prime versioni di insalata di riso così come la conosciamo noi. Sono delle ricette perlopiù svuota frigo, in cui venivano inseriti all’interno gli ingredienti disponibili in casa al momento della realizzazione della ricetta.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Ferri Micaela

Chimico con la passione della cucina! Vi porto in giro per il mondo e vi faccio conoscere le mie ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.