Crea sito

Pasta in padella

Finalmente mi sono decisa anche io a provare una ricetta che gira in rete da un po’ per merito di Martha Stewart, la famosa “One-pan-pasta” o Pasta in padella. Un’idea geniale, che forse è dovuta all’intuizione di un cuoco italiano: cuocere un piatto di pasta al pomodoro direttamente nella padella con tutti gli ingredienti. Diversamente dalla pasta risottata in cui l’acqua o il brodo viene aggiunto poco per volta, qui si mette tutto direttamente nella padella, pasta e tutto il condimento, e si cuoce. Un risparmio di tempo, di energia e anche una sola pentola da pulire, insomma una ricettina che dovete provare anche voi al più presto. Preparate gli ingredienti, tirate fuori una padella e corriamo in cucina a preparare insieme una deliziosa Pasta in padella...

Leggi anche la ricetta della mia Pasta risottata con i peperoni

Pasta in padella

pasta in padella

Ingredienti per 2 persone: 

  • 160 grammi di pasta (il formato che preferite)
  • 200 grammi di pomodorini
  • uno spicchio d’aglio
  • 2-3 cucchiai di olio evo
  • un peperoncino piccante
  • qualche foglia di basilico
  • un cucchiaino di sale
  • 500 ml di acqua (3 volte circa il peso della pasta)

Preparazione: Versare tutti gli ingredienti in una alta padella: la pasta. i pomodorini lavati e tagliati in 2 o 4 parti, il peperoncino piccante, il sale, l’olio, le foglie di basilico e lo spicchio d’aglio intero. Versate l’acqua fredda. Coprite con un coperchio e portate a bollore a fiamma media.

pasta in padella

Quando avrà raggiunto il bollore, togliete il coperchio e fate cuocere la Pasta in padella a fuoco medio e rigirandola spesso per il tempo indicato sulla confezione della vostra pasta. A fine cottura il liquido sarà tutto consumato e la Pasta sarà cotta alla perfezione. Conditela a piacere con una spolverata di formaggio grattugiato. Semplice, veloce, ma soprattutto buonissima.

Leggi tutte le mie Ricette di Primi piatti

Segui la mia Pagina su Facebook e resta sempre aggiornato sulle mie ricette

Pubblicato da lacucinadiloredana

Spero di riuscire a rallegrare con le mie ricette e i miei consigli la tua Tavola e la tua Vita.

4 Risposte a “Pasta in padella”

  1. Ciao sono Franco e la pasta in padella la faccio a modo mio, inizio con un soffritto di cipolla tagliata grossolanamente, aggiungo una scatola di pomodori pelati che schiaccio direttamente in padella con una forchetta di legno , intanto metto a scaldare un po’ d’acqua nel microonde , e metto le mezze penne rigate, rimestando vigorosamente finchè il sugo viene assorbito dalla pasta , a questo punto , aggiungo il sale e la quantità giusta di acqua , il tutto sempre a fuoco vivo, calcolare il tempo di cottura da quando si butta la pasta , metto il coperchio di vetro qualche minuto prima di ultimare la cottura , spengo e lascio coperto una decina di minuti .
    Il risultato è spettacolare … …Se devo dire la verità l’ho sperimentata perchè non avevo voglia di sporcare una pentola in più . e comunque aggiungendo olive, funghi , salsiccia da mettere prima della pasta si può variare la ricetta
    Buon appetito

  2. Cara Loredana ,mi sono molto divertita con le tue ricette ‘raccontate’ con spigliatezza .Brava ! mi ha spinta a scriverti il mio spirito nazionalista e del diamo a Cesare quel che è di Cesare! La pasta risottata è un modo di cucinare la pasta di ogni massaia napoletana dalla notte dei tempi. Martha Stewart c’entra perché è una furbacchiona che nei suoi viaggi ,fra cui Napoli, ha saputo carpire questoo meraviglioso segreto. La ricetta che scrivi è una variante da usare nel forno , altrimenti la pasta risottatata si fa proprio come se fosse riso adattando i tempi ,perché cuoce prima .Anche nelle verdure si mette la pasta cruda e si sta attente con l’acqua o il brodo da aggiungere perché se fosse troppa verrebbe pasta in brodo e …non va bene …Questo tanto per stabilire la verità , capito Marta Stewart? A te tanti complimenti Mi dispiace non potere seguire le tue ricette perché in casa abbiamo Mister D (diabete) che comanda e che non deve vincere!
    Buona settimana stefania campagnuolo

    1. Grazie Stefania, hai ragione la pasta nessuno sa cucinarla come gli italiani, ma noi non ci lasciamo abbindolare! Sono felice di divertirti con i miei racconti, è il mio modo di raccontare le ricette che non vuole essere solo un insieme di ingredienti, ma il mio modo di aprire la mia cucina al mondo. E continua a combattere Mister D e fagli vedere chi sei!!! Un caro saluto, Loredana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.