Zeppoline scarola e pinoli

Le ZEPPOLINE SCAROLA E PINOLI sono delle frittelline di pasta lievitata fritta tipiche della Campania. Sfogliando una rivista di cucina mi sono subito balzate all’occhio ed ho voluto provarle, apportando le mie modifiche, e devo dire che sono davvero una squisitezza.

Ottime da servire come antipasto o per accompagnare un aperitivo, sono croccanti  fuori, morbide e con un retrogusto dolciastro e saporito dentro. Rappresentano oltre che una vera golosità, anche un modo alternativo per mangiare questo tipo di verdura e soprattutto farla mangiare ai più piccoli. Il bello di questo tipo di ricette poi, sta nel fatto che preparata la base lievitata il condimento potete personalizzarlo a seconda dei vostri gusti o di quello che trovare in frigo o in dispensa.

In questo caso infatti potreste aggiungere delle olive nere o mettere il parmigiano al posto del pecorino. Insomma sbizzaritevi come più volete tanto il risultato sarà sempre da leccarsi le dita.

zeppoline scarola e pinoli
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    50 minuti
  • Cottura:
    20-25 minuti
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 250 g Farina 0
  • 5 g Lievito di birra fresco
  • 220 g Acqua (frizzante)
  • 60 g Pecorino
  • 1 pizzico Sale
  • 1 pizzico Pepe nero
  • 1 cespo Scarola (indivia)
  • 6 filetti Acciughe (alici) (sott’olio)
  • 60 g Pinoli
  • q.b. Olio extravergine d’oliva
  • 1 l Olio di semi

Preparazione

  1. zeppoline scarola e pinoli

     

    La preparazione di queste ZEPPOLINE SCAROLA E PINOLI è molto semplice ma richiede un po di tempo per la lievitazione.

    Mondate e lavate accuratamente la scarola sotto acqua corrente. Dividetela in foglie, asciugatela e spezzettatela con le mani.

    In una padella capiente ponete le acciughe sott’olio e 2 cucchiai di olio. Fatele sciogliere e unite la scarola. Fatela appassire per 10 minuti,cercando di mantenere un bel colore vivo e aggiustate di sale se occorre.

    Una volta cotta aggiungete i pinoli precedentemente fatti tostare in padella.

  2. Quindi fatela raffreddare.

    Nel frattempo ponete il lievito sbriciolato in una ciotola capiente, quindi aggiungete l’acqua frizzante e scioglietelo. Unite la farina, il pecorino grattugiato e mescolate il tutto con cura.

  3. Coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per almeno 30 minuti o comunque fino al raddoppio del volume.

    Una volta lievitato il vostro impasto unite la scarola ormai fredda ed amalgamatela per bene al composto.

    Intanto scaldate abbondante olio di semi in una casseruola dai bordi alti e aiutandovi con due cucchiaini prelevate la pastella e tuffatela nell’olio.

  4. Quando saranno ben dorate e gonfie scolatele a fatele asciugare su carta assorbente da cucina.

    Aggiustate di sale e servitele ben calde.

Note

Precedente Frollini alle nocciole Successivo Castagnole con gocce di cioccolato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.