Tempura mediterranea

Il tempura è un piatto della cucina giapponese a base di verdure e pesce, impastellati separatamente e fritti. Per tradizione si fa risalire il piatto al secolo XVI, con i primi contatti tra i giapponesi e i marinai portoghesi e con i missionari cristiani.

All’inizio di ogni stagione, i cristiani si astenevano dal cibarsi di carne per tre giorni (mercoledì, venerdì e sabato), mangiavano solo verdure e pesce e si dedicavano alla preghiera. Questi quattro periodi erano chiamati in latino Quattro tempora. Da qui il nome tempura, che i giapponesi utilizzano ancora oggi per questo piatto.

Secondo altre fonti l’origine del nome risale al portoghese tempero, traducibile con “condimento”, “spezia”

 

 

Seguimi anche su FACEBOOK

tempuraTempura mediterranea

 

Ingredienti 

1 uovo

125 g di farina di riso

200 ml acqua gelata frizzante

Sale

2 Carote

2 Zucchine

Fiori di zucca

Salvia

1 Peperone rosso

Ghiaccio

Olio di semi di arachide

 

 

 

Procedimento 

Versate il ghiaccio in una ciotola capiente quindi adagiatevi sopra una seconda ciotola di metallo più piccola, dentro questa sbattete l’uovo incorporando l’acqua gassata e fredda. Lentamente aggiungete la farina setacciata mescolando il tutto, in modo grossolano senza ottenere una pastella uniforme.

20150616_200705

Non importa se si creano grumi o bolle d’aria, la pastella deve risultare grezza, amalgamata, ma non collosa.

Importante che conservi una temperatura molto bassa utile per la frittura. Scaldate l’olio in una padella dal bordo alto magari in un Wok fino a raggiungere i 175° massimo 180° C.

Immergete singolarmente le verdure nella pastella, preferibilmente tagliate sottili a listarelle o striscioline, quindi intingetele nell’olio caldo muovendole con una pinza da cucina. Devono dorare, diventare croccanti, non abbrustolire o bruciare.

Prelevate e adagiatele in un piatto con uno strato di carta assorbente, così da eliminare l’olio in eccesso. Salate leggermente.

Servite la vostra tempura mediterranea calda, accompagnata da una salsa in agrodolce o di soia.

Precedente Fagiolini sale olio e limone Successivo Crema di limoni