Crea sito

Polpette di bollito con salsa verde

polpette di bollito

Le POLPETTE DI BOLLITO sono un delizioso secondo piatto fatto con gli avanzi, in particolare la buona carne lessa della tradizione culinaria di molte parti del nostro Paese. Il piatto è semplice, ma gustosissimo e davvero perfetto per un buon pranzo in famiglia o con gli amici.
Queste polpette si differenziano da altre tipologie per l’utilizzo della carne già cotta e per una buona frittura, che consente loro di essere ben croccanti all’esterno, ma morbide e succose all’interno.
Possono essere accompagnate da una buona insalata fresca o, come ho fatto io, ispirato dalla tradizione piemontese del bollito, anche con una gustosa salsa verde (il “bagnét verd”, a base di prezzemolo e aglio). In tutti i casi, una vera bontà.

polpette di bollito
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura2 Ore 30 Minuti
  • Porzioni10 polpette
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

POLPETTE

  • 400 gCarne bovina (per bollito lessa)
  • 125 gPatate (lesse)
  • 1Uova
  • Mezzo spicchioAglio
  • 40 gParmigiano Reggiano DOP
  • q.b.Prezzemolo
  • q.b.Menta
  • q.b.Noce moscata
  • q.b.Sale

PANATURA

  • 1Uova
  • q.b.Farina 00
  • q.b.Pangrattato

PER FRIGGERE

  • Olio di semi di arachide

SALSA VERDE

  • 100 gPrezzemolo
  • 2Tuorli (sodi)
  • 2 spicchiAglio
  • 3 filettiAcciughe sott’olio
  • 1 cucchiaioCapperi
  • 60 gMollica
  • 40 gAceto di vino bianco
  • 80 gOlio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale

Preparazione

  1. La preparazione di quest deliziose POLPETTE DI BOLLITO è davvero semplice e alla portata di tutti.

    COTTURA DEL BOLLITO

    Pulite le verdure (carote, cipolla, sedano) e ponetele in una pentola capiente, con i chiodi di garofano e alcuni grani di pepe nero. Aggiungete quindi l’acqua fredda, in modo tale da coprire abbondantemente le verdure, salate e ponete sul fuoco.

    Quando il brodo avrà raggiunto il bollore aggiungete la carne. Abbassate la fiamma, salate, coprite e fate cuocere per almeno due ore.

  2. Quando la carne risulterà morbida spegnete il fuoco, togliete la carne e fatela raffreddare.

    Quindi ponetela nel mixer a tritatela abbastanza finemente.

    Trasferitela in una ciotola ampia e unte l’uovo, la patata lessa schiacciata, il parmigiano, le erbe aromatiche tritate, la noce moscata e aggiustate di sale.

  3. Amalgamate tutti gli ingredienti unendo qualora il composto dovesse risultare troppo morbido un cucchiaio di pangrattato.

    Coprite l’impasto delle polpette e ponetelo in frigo a rassodare per almeno 1 ora.

    SALSA VERDE

    Lavate e asciugate per bene il prezzemolo. Tritatelo finemente con un coltello o, meglio, con la mezzaluna.

    Pulite l’aglio, dissalate i capperi (se sottosale) e tritate aglio, capperi e acciughe fino a renderli una pasta cremosa. Tagliate a pezzetti il pane raffermo, privato della crosta, e bagnatelo con l’aceto.

    Nel frattempo fate bollire le uova e, non appena sode, passate al setaccio il tuorlo e unitelo alla mollica di pane che avrete schiacciato e ridotto in un composto molto fine.

  4. A questo punto unite in un’unica terrina i tuorli e la mollica, le acciughe sminuzzate, i capperi e l’aglio tagliuzzati e il prezzemolo tritato. Aggiungete l’ olio, aggiustate di sale e lavorate la salsa fino a rendere omogenea.

    FRITTURA

    Riprendete l’impasto dal frigo e aiutandovi con le mani inumidite formate le vostre polpette.

    Passatele nell’uovo sbattuto, nel pangrattato e tenetele da parte.

    Ponete abbondante olio in una casseruola dai bordi alti e quando sarà caldo iniziate a friggere.

    Quando le polpette risulteranno ben dorate scolatele e fatele asciugare su carta assorbente. In alternativa cuocetele in forno a 200° per 20 minuti con un filo d’olio.

  5. Servite le polpette di bollite calde accompagnandole con la salsa verde.

    GUARDA ANCHE:

    POLPETTE ALLA ROMANA

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.