Crea sito

Gnocchi al Castelmagno

Gli gnocchi al Castelmagno sono una ricetta tipica della cucina piemontese, in particolare della zona di Cuneo dove viene prodotto questo eccezionale formaggio a pasta dura e dal sapore pungente ma assolutamente prelibato. Si realizzano molto velocemente e il risultato è un primo cremoso, dalle diverse consistenze e super appetitoso. Non vi resta quindi che provarli e leccarli i baffi.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

gnocchi al castelmagno1

Gnocchi al Castelmagno

Ingredienti per 4 persone

1 kg di patate rosse di Avezzano

250 g circa di farina

Un pizzico di sale

 

Per il condimento

200 g di Castelmagno

200 g di panna fresca o latte

100 g nocciole Piemonte tostate

 

gnocchi al castelmagno

Gnocchi al Castelmagno

Procedimento 

lavate le patate, ponetele in una pentola e fatele lessare con la buccia, in abbondante acqua salata. Appena cotte pelatele, passatele allo schiacciapatate e raccogliete la purea sulla spianatoia.

Unite la farina e impastate in modo da ottenere un impasto omogeneo e compatto. Formate sulla spianatoia, leggermente infarinata, dei rotoli del diametro di un dito e tagliateli a pezzetti di circa due centimetri.

Passate gli gnocchi sul rigagnocchi o sul dorso di una forchetta, in modo da trasformarli in conchiglie leggermente rigate.

Preparate la salsa mettendo in un pentolino la panna o il latte e il Castelmagno sbriciolato a sciogliere a fuoco lento mescolando continuamente.

Tenete da parte un po’ di formaggio per guarnire il piatto. In un mixer tritate grossolanamente le nocciole tostate private della pellicina.

Mettetene una parte nella fonduta al Castelmagno e l’altra parte tenetela da parte per la guarnizione finale. Ricordate di non salare la salsa perché il Castelmagno è un formaggio molto saporito.

Tuffate gli gnocchi in abbondante acqua salata.  Con una schiumarola togliete gli gnocchi che affiorano e metteteli nella salsa.

Impiattate i vostri succulenti gnocchi al Castelmagno aggiungendo, se lo desiderate, altre scaglie di formaggio, e delle nocciole sbriciolate.

E ora non vi resta che leccarvi i baffi 🙂

 

 

CASTELMAGNO 

 

castelmagno

 

Il Castelmagno è un formaggio italiano a denominazione di origine protetta, prodotto nel territorio dei comuni di Castelmagno,Pradleves e Monterosso Grana. Si tratta di un formaggio a pasta semidura, erborinata, prodotto in forme cilindriche con diametro fra i quindici ed i venticinque centimetri, scalzo fra i dodici ed i venti e peso compreso tra i due ed i sette chilogrammi. La crosta, piuttosto fine, è giallo-brunastra, con varianti più scure a seconda della stagionatura, mentre la pasta è bianca o tendente al giallognolo, giallo oro se stagionata, con rare venature verdi dovute all’erborinatura. È prodotto principalmente con latte vaccino prodotto di due mungiture consecutive (serale e mattutina), talvolta addizionato con latte caprino od ovino in percentuali che non superano mai il 20%.

Il latte, dopo l’addizione di caglio di vitello, viene portato ad una temperatura variabile tra i 35° ed i 38°. Dopo la rottura della cagliata, si procede alla pressatura della forma ed al suo avvolgimento in un telo asciutto, viene appesa ed infine posta in contenitori appositi. Terminata questa prima fase, si procede nuovamente alla rottura delle forme, che vengono salate, poste in fascere cilindriche e pressate. La stagionatura avviene in locali freschi ed asciutti, oppure in grotte che presentino naturalmente queste caratteristiche. Il Castelmagno è utilizzato nella cucina piemontese per la preparazione di diversi piatti, primi fra tutti gli gnocchi di patate, conditi con formaggio Castelmagno fuso. È anche spesso gustato come formaggio da tavola, puro o con miele.