Risotto Castelmagno e nocciole

Questo RISOTTO CASTELMAGNO E NOCCIOLE, inno alla cucina piemontese, è un vero e proprio trionfo di gusto e consistenze. Il gusto deciso e pungente del Castelmagno e la dolcezza della Nocciola Tonda Gentile si fondono insieme a formare un perfetto equilibrio di sapori.  Un risotto che darà un tocco di eleganza ad una cena tra amici, o a un pranzo delle feste è ideale da preparare nella stagione autunnale, quando le nocciole sono pronte per essere raccolte.

 

Seguimi anche su FACEBOOK

risotto castelmagno

Risotto Castelmagno e nocciole

 

Ingredienti per 4 persone

350 g di Riso Carnaroli

1 litro di brodo vegetale

250 g di Castelmagno D.O.P.

100 g di Nocciole di ottima qualità (Tonda Gentile delle Langhe)

1 cipolla

60 g di burro

½ bicchiere di vino bianco

Olio extravergine d’oliva

 

 

Procedimento 

Preparare il RISOTTO CASTELMAGNO E NOCCIOLE è davvero semplice e richiede pochi passaggi.

Innanzitutto grattugiate il Castelmagno e mettetelo da parte, poi tostate le nocciole in una padella antiaderente o in forno ad una media temperatura. Quando le nocciole si saranno raffreddate, tritatele grossolanamente.

Scaldate il brodo vegetale e mantenetelo caldo.

In una casseruola fate rosolare la cipolla tritata finemente in 2/3 cucchiai d’olio e una noce di burro. Non appena sarà appassita aggiungete il riso e fatelo tostare fino a rendere i chicchi quasi del tutto trasparenti. Sfumate con il vino bianco e lasciatelo evaporare completamente.

A questo punto cominciate ad aggiungere il brodo caldo, poco per volta, mescolando sempre con un cucchiaio di legno.

A metà cottura, aggiungete la metà del castelmagno grattugiato, continuando a mescolare e ad aggiungere i mestoli di brodo.

A fine cottura, aggiungete il restante Castelmagno e incorporatelo. Lasciate riposare il risotto a fuoco spento e coperto per 2 minuti.

Decorate con le nocciole tostate e tritate e servite il vostro delizioso risotto ben caldo.

Precedente Spigola al cartoccio Successivo Muffin peperoni carote e cheddar