La zuppa di pesce dello Stretto – A zuppa i pisci ru strittu

zuppa di pesceQuando ho letto il tema della sfida dell’MTC di questo mese, “Il brodetto del mediterraneo” proposto da Anna Maria Pellegrino de La Cucina di QB, non ho potuto fare a meno di pensare allo Stretto di Messina, questo lembo di mare particolare e bellissimo che viene descritto nel corso dei millenni da poeti e viaggiatori ispirando leggende, saghe e poemi e che io, abitando a Reggio Calabria, ho il privilegio di ammirare ogni giorno.
Un’acqua cristallina ricca e generosa quella dello Stretto che dona alle popolazioni costiere una grande scelta di pescato tra cui spicca il pesce spada, la maestosa creatura che ha ispirato la trama del mio racconto iniziale.

Ho saccheggiato le vecchie ricette della tradizione calabrese (poche per la verità) per arrivare al piatto che vi propongo, “rubando” le tecniche di alcune, gli ingredienti di altre, inventando abbinamenti con prodotti rappresentativi del territorio come il bergamotto o dimenticati come la lattuga di mare e scegliendo, per essere coerente con le regole della sfida, degli sfiziosi taralli come accompagnamento alla zuppa di pesce, biscotti secchi che si prestano perfettamente alla conservazione in ambienti umidi come quelli di una barca.
E a questo punto il nome del piatto si è praticamente scritto da solo…

Vai agli ingredienti

Vai alla ricetta del fumetto

Vai alla ricetta della zuppa

Vai alla ricetta dei taralli

Vai al racconto

Precedente Uova al tè, un'idea sfiziosa per Pasqua Successivo Linguine in rosso con stocco e peperoni