Crea sito

Pesto alla trapanese – Agghiata trapanisa

Il pesto alla trapanese è un condimento per la pasta tipico della provincia di Trapani che si prepara soprattutto in estate con gli ingredienti a crudo. E’ conosciuto anche con il nome di agghiata trapanisa. Le sue origini sono antichissime. Si narra che dopo aver conosciuto il pesto da alcuni marinai genovesi sbarcati a Trapani, i marinai locali rielaborarono la ricetta tradizionale con gli ingredienti tipici del territorio: dunque pomodorini, mandorle, ricotta salata o pecorino siciliano e ovviamente basilico. Con questo cremoso e granuloso pesto ci condirono le busiate un tipo di pasta fresca simile ai maccheroni.  Un sugo semplice e veloce che si può preparare anche con i pomodori secchi.

Pesto alla trapanese – Agghiata trapanisa
Pesto alla trapanese - Agghiata trapanisa

Ingredienti
400 gr di  pomodori maturo e sodi
1 mazzetto di basilico (circa 50 foglie)
100 gr di mandorle pelate
1 o 2 spicchi d’aglio
50 gr. di pecorino siciliano
olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.

Procedimento
Di rigore il pesto alla trapanese andrebbe preparato nel mortaio, io avevo poco tempo ed ho usato un frullatore, facendolo funzionare ad intervalli, per non riscaldare troppo le lame che danneggerebbero il colore del basilico. Procedete così: Lavate i pomodori e tuffateli 4 minuti nell’acqua bollente. Questo procedimento vi consentirà di spellare facilmente i pomodori,  dunque tagliateli a metà ed eliminate i semini. Tenete i pomodori da parte.
Pesto alla trapanese - Agghiata trapanisa Pesto alla trapanese - Agghiata trapanisa

Lavate e asciugate il basilico, sbucciate gli spicchi di aglio. Nel boccale del frullatore mettete le mandorle spellate, l’aglio e una decina di foglie di basilico. Azionate e frullate un minuto poi unite i pomodori, il formaggio, il restante basilico, una presa di sale e pepe e olio. Frullate accendendo e spegnendo il pulsante ad intervalli regolari, aggiungendo dell’altro olio se necessario. La consistenza finale deve essere densa, cremosa e granulosa.
Il pesto alla trapanese è pronto per condire il vostro formato di pasta preferito. Potete conservarlo 2/3 giorni in frigorifero chiuso in un contenitore ermetico o in un vasetto di vetro coperto con olio extravergine di oliva.
Il nome di agghiata trapanisa vi fa comprendere che l’aglio è l’ingredienti essenziale per la preparazione di questo gustoso condimento, ma se non vi piace potete ometterlo.

Se volete rimanere sempre aggiornati potete seguirmi anche sui social  Facebook –  Googlei+ e Instagram