Cuddrurieddri cosentini o Cullurielli

Cuddrurieddri o cullurielli cosentini, pasta lievitata fritta a forma di ciambella, un classico calabrese durante le feste, si preparano solitamente per la vigilia dell’Immacolata e la vigilia di Natale. L’impasto è un impasto speciale di farina e patate, che le rendono sofficissime e golosissime. Prepararle non è difficile ma è importante preparare un impasto dalla giusta consistenza, per farle venire belle morbide ma non troppo altrimenti si inzuppano di olio, con un po’ di pratica scoprirete che sono facilissime da fare, e potete guardare nella video ricetta la giusta consistenza che deve avere l’impasto, infatti non c’è una ricetta precisa, l’acqua va aggiunta poca per volta, perchè a seconda del tipo di patate usate il quantitativo è variabile. Allora vediamo come fare i cuddrurieddri cosentini, in alcune località chiamate anche crispelle o crispedde, o zippule, ottime ripiene con acciughe, dalla forma allungata, non a ciambella, simili alle pettole pugliesi, inoltre ne esiste anche una versione di crispedde senza patate, anche queste ottime da farcire, con acciughe, ricotta, olive, pomodori secchi sott’olio, io le ho preparate anche al salmone affumicato per un aperitivo sfizioso.

cuddrurieddri calabresi
  • Porzioniper 4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1/2 kgfarina 00
  • 250 gpatate
  • 5 glievito di birra fresco
  • q.b.acqua
  • 10 gsale
  • q.b.olio di semi di girasole (per friggere)

Strumenti

  • Pentola
  • Ciotola
  • Padella
  • Forchetta

Preparazione cuddrurieddri cosentini o cullurielli

  1. cuddrurieddri calabresi

    Lessiamo le patate, le laviamo bene con la buccia, le mettiamo a cuocere in acqua fredda, ben coperte di acqua, portiamo a cottura, cuociamo circa 30/35 minuti dal bollore, fino a che infilzandole con uno spiedino entra senza incontrare resistenza.

  2. Scoliamo le patate, ancora calde, le peliamo, ne pesiamo 250 g, io di solito ne uso metà rispetto alla quantità di farina, ma se ne possono usare anche poco di più.

  3. Schiacciamo finemente le patate calde, con una forchetta, o con lo schiaccia patate. Lavoriamo le patate ancora calde, per il nostro impasto per cuddrurieddri.

  4. In una ciotola capiente mettiamo la farina a fontana e al centro le patate schiacciate, facciamo un buco, mettiamo il lievito sciolto con poca acqua tiepida, non più di 50 ml., iniziamo ad impastare, tenendo l’impasto sempre morbido, quindi al bisogno aggiungiamo altra acqua, sempre poca per volta. Aggiungiamo anche il sale, dopo aver incorporato bene il lievito, e continuiamo a lavorare, fino ad ottenere un impasto omogeneo, che sia morbido, appiccicoso, ma non troppo molle e mi raccomando non troppo duro, non al punto che si stacchi perfettamente dalle mani, deve essere molto appiccicoso, ma non liquido.

  5. Lasciamo lievitare qualche ora, fino a raddoppiare di volume. Vedrete l’impasto che formerà tante bollicine in superficie quando è pronto.

  6. Adesso possiamo friggere in una padella capiente, con abbondante olio caldo, ma non bruciato. Una volta si friggevano nella padella di ferro pesante.

  7. Con le mani unte di olio preleviamo pezzi di impasto, diamo la forma a ciambella, da qui il nome cuddrurieddri, per la forma, e caliamo nell’olio caldo, pochi per volta. Quando sono dorati da un lato li possiamo girare con una forchetta o una pinza. Regoliamo la fiamma per non farli scurire troppo, devono rimanere di un bel colore dorato.

  8. Asciughiamo su carta assorbente e gustiamoli caldi caldi i cullurielli calabresi.

    Ottimi nella versione dolce, passati nello zucchero semolato ancora caldi.

  9. Se vuoi ricevere le  mie ricette seguimi anche sui social, sulla pagina FACEBOOKPinterest  Telegram e Instagram,  ti ricordo che puoi lasciare un commento, qui o anche sui social, e se provi una mia ricetta inviami anche il tuo scatto, mi trovi anche su YouTube: Ornella Scofano Ricette che Passione. Torna alla HOME.

  10. Qui tante altre idee per gli antipasti di Natale – Qui le ricette tipiche calabresi.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.