La cattura del pirata, Racconti e Illustrazioni Claretta RosaZafferano

La cattura del pirata

La cattura del pirata è la storia che Claretta mi ha raccontato con molta partecipazione emotiva perchè mi ha detto che quel pirata lì era lei.

SEGUIMI QUI  NELLA PAGINA FACEBOOK

La cattura del pirata, Illustrazioni Claretta RosaZafferano

Lei si trovava su una grande imbarcazione tutta in legno dove svolazzavano al vento grandi vele bianche. Su ogni angolo di questa imbarcazione erano collocate grandi bandiere nere con ritratto un teschio spaventoso.

Da lì a poco si avvicinò una nave mai avvistata prima che non diede segno di un avvicinamento amichevole. Infatti appena fu abbastanza vicina azionò il primo cannone. Per fortuna il lancio non andò a buon fine, ma mancò la mira per un pelo.

Viste le intenzioni ostili di quella nave, Claretta si mise subito all’opera e la sua fu una impresa memorabile perchè senza equipaggiamento dovette pensare proprio a tutto. Sì avete capito bene, dovette provvedere proprio a tutto quello che un intero equipaggiamento fa con una nave grande così. Vale a dire tenere il timone, issare le vele, a seconda del vento regolare le vele, togliere le vele, remare, caricare i cannoni, azionare i cannoni, caricarli di nuovo e persino comandare la nave. Insomma decisamente un lavoraccio.

Il suo racconto fu molto avvincente e lei alla fine ha vinto la battaglia senza alcun dubbio. Tuttavia, non mi è chiaro come sia avvenuta la cattura. E in effetti nemmeno lei lo ha capito bene. Dice di essere stata avvelenata, che però non ha avuto il mal di pancia così come non ha capito per opera di chi sia stato architettato l’avvelenamento a suo danno.

Che cosa terribile e che strana avventura!

Comunque ora Claretta è lì chiusa in quella gabbia ed è nei guai.

Chiede urgentemente il vostro aiuto e dice di fare in fretta.

Lei è assolutamente innocente e io le credo!

Tra poco è l’ora della cena e non ha alcuna intenzione di restare in quella gabbia insieme a quello scheletro.

Perciò chi si offre volontario per salvare quello strano pirata lì?

Ad aspettare il suo principe azzurro, a detta sua, sta fresca infatti quando lo invoca manco l’ombra vede.

Quindi fatevi coraggio e spicciatevi!!

Nota.

Quello scheletro esiste davvero ed è appeso fuori dall’entrata del museo delle prigioni di Londra.


SEGUIMI QUI  NELLA PAGINA FACEBOOK o SEGUIMI SU INSTAGRAM QUI

Torna alla HOME o visita il mio SHOP QUI


Idee Ricettose

Baccala mantecato, La ricetta di Alessandro

Antipasto con avocado e prosciutto cotto

Crescentine modenesi, Finger food

Fegato alla veneziana, Ricette carne

Filetti di Orata in padella con verdure, Ricetta

Gelato senza panna e latte, Ricetta amica della salute

Insalata con gamberetti, Ricetta estiva

Involtini di salmone affumicato, Ricetta antipasto

Nidi di patate grattugiate al forno

Pizzette fatte in casa, Ricetta

Peperonata in padella, Ingredienti e procedura

Spaghetti con le sarde alla arancia

Dalla mia Rubrica Social, Consigli e Ricette motivazionali:

Alimenta la speranza, Ricetta per tornare vincente

Abbi per primo fede nei tuoi sogni, Frasi di incoraggiamento

Due passi nei ricordi in tempo di lockdown.

Estate! Quando finalmente te la godi

Happy Friday, uno Sticker RosaZafferano da scaricare gratis

I 50enni hanno una età meravigliosa, da non sprecare

Insonnia bastarda, Ricetta per favorire il sonno

Quando sei triste, Ricetta

Ricetta per aumentare determinazione e stima in te stessa

Ricetta per stimolare le azioni positive

Storia di una zucchina verde, Fiaba di una Ricetta golosa

Vacanze last minute, quando la vacanza è imprevista e fuori programma

Rubrica del chi va là:

Arrogante, Evita chi lo è


SEGUIMI QUI  NELLA PAGINA FACEBOOK O QUI  SU INSTAGRAM

Torna alla HOME o visita il mio Shop QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.