Crea sito

Papaccelle napoletane sott’aceto.Ricetta di famiglia

Dalle mie parti le papaccelle sott’aceto si preparano in questo periodo per poterle gustare da Natale in poi. Si usano per arricchire e caratterizzare la tipica “insalata di rinforzo” della tavola della vigilia, oppure per accompagnare la carne di maiale fritta e gli arrosti di carne o di pesce. Le papaccelle napoletane non sono altro che un tipo di peperone più piccolo, carnoso, tondeggiante e dal sapore dolce. Sono ottimi anche fritti o ripieni. Questo che vi propongo è il metodo della mia famiglia che garantisce la conservazione perfetta di questo stuzzicante contorno.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 5 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 6 papaccelle
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • Papaccelle 6
  • Aceto di vino rosso 1 l e 1/2

Preparazione

  1. E’ fondamentale che i peperoni piccoli o le papaccelle napoletane utilizzate siano freschissime, carnose e senza nessuna ammaccatura, poiché la permanenza in aceto le “cuocerà” in un certo senso, ossia le renderà sempre più morbide man mano che passerà il tempo. Consiglio quindi di consumarle entro tre/quattro mesi per evitare che divengano molliccie.

    Laviamo le papaccelle e asciughiamole perfettamente. Non dovrà restare alcuna traccia di bagnato o umido. Il picciolo non va eliminato.

    Nel frattempo versiamo l’aceto di vino rosso in un tegame e portiamolo a bollore.

    Introduciamo le papaccelle nel contenitore di vetro (già sterilizzato) con delicatezza e senza romperle, ma cercando di incastrarle fra loro, laddove è possibile, per evitare che tornino continuamente a galla. Uno dei trucchi che uso è quello di incastrare la papaccella più superficiale sotto il bordo del collo del vaso; in questo modo bloccheremo la risalita anche degli altri peperoni. Inoltre, in commercio esistono dei pressini di plastica per alimenti che possono essere inseriti, quando la mistura di aceto è fredda, tra il tappo e il bordo del contenitore.

    Non appena l’aceto comincia a fremere versiamolo poco per volta sulle papaccelle e riempiamo il contenitore fino all’orlo.

    Lasciamo riposare le papaccelle senza coprire il vaso. Man mano che passerà il tempo, il livello dell’aceto si abbasserà e noi lo rabboccheremo, di volta in volta, con l’aceto avanzato, facendo sempre in modo che le papaccelle più superficiali siano coperte. Lasciamo passare una notte intera, poi potremo tappare ermeticamente il contenitore e riporlo in un luogo fresco ed asciutto. Si possono utilizzare dopo circa 20 giorni.

Note

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

UA-40640819-2