Crea sito

Risotto al radicchio di Treviso igp tardivo

Arriva sulle nostre tavole proprio in questo periodo, così ho deciso di preparare il risotto al radicchio di Treviso igp tardivo. Trovo questo radicchio molto bello, dalla forma strana e allungata, sembra quasi una mano con infinite dita smaltate di rosso rubino.

Il radicchio di Treviso tardivo è molto prezioso, richiede una lavorazione da parte dell’uomo abbastanza lunga. Ad autunno inoltrato i cespi ormai seccati dal freddo vengono raccolti e legati insieme. Vengono messi al buio in acqua sorgiva fredda e lasciati germogliare. Si forma all’interno il fiore fresco e allungato. Il radicchio tardivo viene poi accuratamente pulito, lavato in acqua fredda sorgiva e portato sulle vostre tavole. Un prodotto eccellente ottimo sia crudo che cotto.

Risotto al radicchio di Treviso igp tardivo
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:10 minuti
  • Cottura:25 minuti
  • Porzioni:4 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • 320 g Riso Carnaroli
  • 200 g Radicchio (di Treviso igp tardivo)
  • 1/2 Cipolla bianca
  • 1 l Brodo di carne
  • 1 bicchiere Vino bianco (secco)
  • q.b. Burro
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Lavate e mondate il radicchio rosso di Treviso igp tardivo e tagliatelo a tocchetti lunghi due centimetri. Tenete da parte.

    Portate a bollore il brodo di carne e tenetelo in caldo.

  2. Nella risottiera, o in una casseruola capiente aggiungete il burro e la cipolla tritata finemente. Accendete il fuoco e rosolate a fiamma bassa. Io parto sempre con questi due ingredienti freddi, e li faccio stufare delicatamente, trovo che il risotto, una volta pronto sia più digeribile.

    Appena la cipolla è morbida, alzate la fiamma e aggiungete il riso. lasciatelo tostare alcuni minuti, quindi aggiungete il vino bianco e lasciate sfumare a fiamma vivace.

    Coprite con il brodo caldo e portate a cottura il riso. Aggiungete un mestolino di brodo alla volta.

  3. A metà cottura aggiungete il radicchio tenuto da parte, regolate di sale e terminate la cottura, mescolando di frequente e aggiungendo il brodo caldo mano a mano che il riso lo assorbe.

    A cottura terminata, spegnete il fuoco e mantecate il risotto al radicchio di Treviso igp tardivo con una noce di burro. Mescolate delicatamente, aggiungete il Parmigiano Reggiano grattugiato e servite subito nei piatti individuali.

  4. risotto al radicchio di Treviso igp tardivo

    Per scoprire tante golose ricette a base di riso per ogni gusto, cliccate qui.

Seguimi anche sui social

la mia pagina Facebook     il mio profilo Instagram       la mia pagina Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.